Los oceanos son los verdaderos continentes
Los oceanos son los verdaderos continentes è un lavoro ben più stratificato di quanto possa apparire a prima vista. Dirige Tommaso Santambrogio, producono Lav Diaz (che compone anche le musiche) e Gianluca Arcopinto. Alla Settimana della Critica nella sezione SIC@SIC dedicata ai cortometraggi. Leggi tutto
Tony Driver
Con Tony Driver l'esordiente Ascanio Petrini racconta l'incredibile storia di Pasquale Donatone, emigrato negli Stati Uniti a nove anni e dagli States espulso quarant'anni più tardi per trasporto di migranti illegali attraverso il confine con il Messico. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica. Leggi tutto
Woman
Presentato fuori concorso a Venezia 76, Woman è una galleria di ritratti femminili da tutto il mondo, opera di Anastasia Mikova e Yann Arthus-Bertrand, un inno alla varietà culturale dell’umanità, alla biodiversità di costumi, abiti, credenze religiose. Leggi tutto
American Skin
Presentato a Venezia 76 nella sezione Sconfini, American Skin di Nate Parker vibra dell'impeto del miglior cinema sociale americano, rischia a più riprese di scivolare sulla retorica ma ne esce quasi sempre indenne, grazie a uno sguardo che problematizza a sufficienza il suo oggetto. Leggi tutto
Scales
Scales è il primo lungometraggio della trentenne regista saudita Shahad Ameen, che mette in scena una fiaba ricorrendo al racconto mitico. Un'opera prima che appare più come un saggio sulle potenzialità della giovane cineasta. Ma non servono anche a questo gli esordi? Leggi tutto
Wasp Network
In Wasp Network Olivier Assayas, partendo dal racconto dello spionaggio cubano contro le attività anticastriste, dirige un'opera sulla finzione, sulla menzogna ma anche sulla necessità di mentire di fronte alle storture sistemiche. In concorso alla Mostra di Venezia. Leggi tutto
Panama Papers
Nel ripercorrere le oscure dinamiche dello scandalo dei Panama Papers, Steven Soderbergh inscena un vero e proprio film di denuncia, ferocemente cinico, sfrontatamente militante. Un prodotto Netflix in concorso a Venezia 76 e in sala a ottobre. Leggi tutto
Bik Eneich – Un fils
Presentato in Orizzonti a Venezia 76, Bik Eneich - Un fils è l’opera prima del filmmaker tunisino Mehdi M. Barsaoui, che ritrae il suo paese nella fase più delicata della sua storia recente, quella post-primavera araba, momento gravido di aspettative e di timori. Leggi tutto
Francisca
Al pari di Amor de Perdição, Francisca segnava nel 1981 uno degli apici della filmografia di Manoel de Oliveira portando a maturazione il suo personalissimo discorso su Storia, Teatro e Cinema. In versione restaurata a Venezia 76. Leggi tutto
Adults in the Room
Fuori concorso a Venezia 76, Adults in the Room è il film che un cineasta con la storia di Costa-Gavras non poteva non fare: il racconto della crisi greca. Lo mette in scena - con qualche debolezza visiva - adattando l'omonimo libro di memorie (scottanti e scomode) di Yanis Varoufakis. Leggi tutto
Burning Cane
Burning Cane è un film tutt'altro che perfetto: si perde narrativamente, non riesce sempre a sorreggere le pur interessanti intuizioni visive. Eppure non si può prescindere da un fatto: Phillip Youmans, che oltre a dirigerlo lo ha scritto, fotografato e montato, aveva diciassette anni all'epoca delle riprese. Leggi tutto
Citizen K
Fuori concorso a Venezia 76, Citizen K di Alex Gibney è un documentario sull'oligarca russo Mikhail Kohdorkovsky, attraverso cui il regista costruisce un film rozzamente anti-putiniano, sostanzialmente un film di propaganda. Leggi tutto
Balloon
Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 76, Balloon è la nuova opera del regista tibetano Pema Tseden, ulteriore capitolo del suo affresco sul mondo del Tibet. Qui prende in considerazione l’epoca delle rigorose leggi cinesi sulla pianificazione familiare. Leggi tutto
Ema
Pablo Larraín torna in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia con Ema, racconto di una ragazza ai limiti della psicosi e del suo tentativo di costruire una famiglia, anche al di là non solo della società ma del pensiero comune. Un racconto più programmatico che sincero. Leggi tutto
Rare Beasts
Rare Beasts è il film con cui esordisce alla regia Billie Piper, attrice britannica che da ragazzina sbancò le classifiche pop con il singolo Because We Want To. Piper si dirige verso la commedia sentimentale, salvo mandarla al macello con un utilizzo spiazzante dell’ironia. Alla Settimana della Critica. Leggi tutto
Seberg
Diretto dall'australiano Benedict Andrews, Seberg è un maldestro biopic dedicato all'iconico volto di Fino all'ultimo respiro di Godard. E con Kristen Stewart decisamente spaesata nei panni della diva oggi dimenticata e a suo tempo perseguitata dall'FBI. Fuori concorso a Venezia 76. Leggi tutto
Corpus Christi
Presentato alle veneziane Giornate degli Autori 2019, Corpus Christi è il terzo lungometraggio di finzione del regista polacco Jan Komasa, un’opera che tratta dell’autentico sentimento religioso in una società fortemente cattolica, in una piccola comunità sconvolta da un trauma. Leggi tutto
The Kingmaker
Presentato fuori concorso a Venezia 76, The Kingmaker, documentario diretto dall'americana Lauren Greenfield, parte come un ritratto della vedova del dittatore Marcos per poi allargare il discorso alla difficile situazione politica delle Filippine. E in questo modo perde parte del fuoco narrativo-discorsivo. Leggi tutto
Seules les bêtes
Seules les bêtes è il nuovo film di Dominik Moll, un noir meccanico nella costruzione narrativa ma non disprezzabile nel tentativo di raccontare il mondo contemporaneo, con il trionfo del Capitale e l'imperante guerra tra poveri. Film d'apertura alle Giornate degli Autori 2019. Leggi tutto
El Principe
Sebastian Muñoz esordisce alla regia con El Principe, racconto carcerario che, nel mettere in scena romanzo di formazione, melodramma amoroso e brutale realtà storica sembra un bizzarro e coraggioso incrocio tra Jean Genet e il Jacques Audiard de Il profeta. Leggi tutto
Storia di un matrimonio
Straziante ed esilarante, classico e inventivo, Storia di un matrimonio di Noah Baumbach riconferma il sofisticato talento del suo autore, qui devoto più che mai all’esaltazione dei propri interpreti: Scarlett Johansson e Adam Driver. Un prodotto Netflix in concorso a Venezia 2019. Leggi tutto
Sole
Carlo Sironi esordisce alla regia con Sole, racconto minimale e cupissimo di un'umanità solitaria e sbandata, e del sogno utopico di potersi considerare "genitori". In concorso nella sezione Orizzonti alla Mostra di Venezia. Leggi tutto
Passatempo
Il passatempo del professore in pensione interpretato da Renato Carpentieri sono le parole crociate de La Settimana Enigmistica. Ma il gioco può essere sempre mortale, anche quando sono dei ragazzini a giocarlo. Gianni Amelio firma il cortometraggio che apre ufficialmente la Settimana della Critica. Leggi tutto
The Perfect Candidate
The Perfect Candidate, con cui Haifaa al Mansour torna in Arabia Saudita dopo la trasferta oltreoceano per Mary Shelley e il film-Netflix Nappily Ever After, è l’esempio perfetto (lui sì) di tutti i mali che affliggono parte consistente del cinema “d’impegno civile” contemporaneo. Leggi tutto
Adolescentes
Presentato alla Semaine de la critique di Locarno, Adolescentes è un lavoro estremo di Sébastien Lifshitz, che ha seguito e filmato per cinque anni la vita di due ragazze adolescenti, il loro coming of age e, attraverso di questo, la storia francese recente e la sua perdita dell'innocenza con gli attacchi terroristici. Leggi tutto
Prazer, Camaradas!
Presentato fuori concorso a Locarno, Prazer, Camaradas! di José Filipe Costa è un ricordo nostalgico del clima di euforia che si è vissuto in Portogallo dopo la rivoluzione dei garofani. Il collettivismo, la vita di comunità, la voglia di rimboccarsi le maniche per la rinascita del paese, e la rivoluzione dei costumi sessuali. Leggi tutto
Les Enfants d’Isadora
Vincitore del Pardo per la migliore regia al Locarno Film Festival, Les Enfants d’Isadora di Damien Manivel, partendo dalla grande Isadora Duncan, è un film sulla danza, su come questa si perpetui nel tempo e si trasmetta tra le persone, su come l'arte possa trasformare una tragedia in bellezza. Leggi tutto
Magari
Presentato come film d'apertura in Piazza Grande al 72esimo Locarno Film Festival, Magari è l'esordio al lungometraggio di Ginevra Elkann, un'opera di nostalgia e memorie famigliari, da un punto di vista infantile, di dinamiche di squadra tra fratelli sballottati tra genitori separati. Leggi tutto
To the Ends of the Earth
Film di chiusura in Piazza Grande del 72esimo Locarno Film Festival, To the Ends of the Earth rappresenta il terzo film di Kiyoshi Kurosawa ambientato fuori dal Giappone, dove l'inquietudine malsana da j-horror si trasferisce nei paesaggi incontaminati, montuosi e lacustri, dell'Uzbekistan. Leggi tutto