Io la conoscevo bene: Blonde e lo strano caso di Marilyn Monroe
Immorale, misogino, perverso, putrido: finalmente Blonde di Andrew Dominik ha anche vinto i Razzie Awards che lo hanno decretato il film peggiore del 2022. Ma perché oggi è così difficile accettare un film osceno sugli spettatori, veri protagonisti, e un personaggio che non risponde ai parametri ideali dell'oggi? Leggi tutto
La pecora nera – 100 anni di Luciano Salce
A cento anni dalla nascita di Luciano Salce appare ancora poco messa a fuoco la figura di questo intellettuale amante del teatro e della letteratura quanto della farsa, e perfino dello sketch televisivo. Il suo cinema racconta l'Italia con una precisione sardonica, senza mai rinunciare alla commedia. Leggi tutto
Lo spettatore delle Histoire(s) du cinéma di Godard
In occasione degli approfondimenti sull'opera e il pensiero di Jean-Luc Godard Adriano Aprà ci dona il testo del suo intervento relativo alle Histoire(s) du cinéma tenuto nel marzo 1996 alle "Revues parlées" del parigino Centre Georges Pompidou. Nel 1997 venne pubblicato in francese nella rivista «Omnibus». Leggi tutto
L’eredità scomoda di Franco Cristaldi
Franco Cristaldi è stato uno dei produttori fondamentali per lo sviluppo del cinema in Italia, tra i pochissimi in grado di comprendere il valore artistico della Settima Arte ma anche di saper portare avanti un discorso popolare, accessibile a tutti. Leggi tutto
Caro pc, io e te, solo io e te
"Caro pc, io e te, solo io e te": si rivolge al computer Alessandro Aniballi in Una claustrocinefilia, che è stato presentato oggi al Bellaria Film Festival nella sezione Gabbiano. Alessandro è uno dei fondatori di Quinlan, e non era dunque possibile pensare a una recensione 'classica'. Leggi tutto
Invito al viaggio. Ricordando Peter Del Monte
Peter Del Monte si è spento a 77 anni in una clinica romana, dopo una lunga malattia. Autore delicato, fautore di uno sguardo “morbido” sulle atrocità del vivere, si è mosso sempre in una posizione laterale rispetto alla marea montante della produzione italiana. Leggi tutto
Takashi Miike – Tutti i colori del buio
Takashi Miike compie sessant'anni, e nel 2021 il suo cinema spegnerà le trenta candeline. In occasione di queste due ricorrenze pubblichiamo un breve saggio dedicato a uno dei pochi veri cineasti eretici che ha avuto il coraggio di confrontarsi sempre con l'industria. Leggi tutto
Alfred Hitchcock: il periodo inglese
Nel quarantennale della scomparsa di Alfred Hitchcock, nel commemorare la memoria di uno dei più geniali creatori di immagini e di immaginario della storia del cinema, è forse giunto il momento di approfondire la conoscenza della sua produzione britannica. Leggi tutto
Nobuhiko Ōbayashi: occhi aperti, spalancati, chiusi
Con la morte di Nobuhiko Ōbayashi, stroncato a ottantadue anni da un tumore ai polmoni, non viene solo a mancare un brillante costruttore di opere cinematografiche, un visionario in grado di attraversare tutte le forme della produzione, dalla sperimentazione alle réclame pubblicitarie. Leggi tutto
Selfie. Il vero significato della parola destino.
Tra autorappresentazione e immagini di sorveglianza, Selfie di Agostino Ferrente si offre come riflessione sul destino, allargando presto il discorso a una contrapposizione tra messa in scena e messa in forma, a fronte di un reale in continua evoluzione. Leggi tutto
Taiji Yabushita e i classici della Toei Dōga
Cannes Classics ha aperto il ricco programma col restauro de La leggenda del serpente bianco di Taiji Yabushita, primo lungometraggio animato a colori, pietra miliare e seminale per il nascente colosso Toei Dōga e per la futura industria degli anime. Una buona occasione per pubblicare un breve saggio su Yabushita e i (suoi) classici della Toei. Leggi tutto
Agnès Varda, il cinema senza tetto né legge
Agnès Varda, scomparsa ieri a novant'anni, è stata una cineasta libera, refrattaria a qualsiasi catalogazione, eternamente curiosa, sempre un passo avanti rispetto al mondo in cui viveva. Un'artista totale, che ha marchiato a fuoco gli ultimi sette decenni del cinema. Leggi tutto
Riflessi in un vetro scuro. Shyamalan e il superuomo
Si è discusso e si sta discutendo di Glass, capitolo conclusivo della trilogia scritta e diretta da M. Night Shyamalan. Una trilogia che solo in parte riflette sul fumetto. Ma Shyamalan in realtà mette in scena la disperata voglia di superomismo di un mondo che non ha più solide basi morali. Leggi tutto
In attesa della rivoluzione. Per Bernardo Bertolucci
La notizia della morte di Bernardo Bertolucci non coglie di sorpresa, ma palesa la nostra impreparazione a un lutto simile. Perdere il pensiero di un cineasta sempre proteso in avanti, in un percorso che non prevede le secche del pensiero dominante, ci lascia soli e sperduti. Leggi tutto
Red Cars
Concludiamo il nostro speciale dedicato a David Cronenberg, Leone d'Oro alla carriera a Venezia 75, con una riflessione extra, quella sull'art-book Red Cars, pubblicato nel 2006 dall'editore Volumina e testimonianza di una sceneggiatura, scritta dal cineasta canadese nel 1996, e mai trasformatasi in film. Leggi tutto
Antonio Pietrangeli: i film non realizzati
Come per tutti gli autori di cinema, la vicenda creativa di Antonio Pietrangeli è anche una storia di soggetti, sceneggiature e film non realizzati. Talvolta migrati in film di altri, altrove rimasti come reminiscenze nei film compiuti dello stesso autore. Leggi tutto
Legge cinema
Lo scorso novembre è stata approvata la nuova legge dedicata al cinema. Abbiamo approfondito l'argomento, andando a intervistare diversi esponenti del settore, tra cui Francesco Bruni e Angelo Barbagallo. Leggi tutto
C’era una volta… la Svizzera
A pochi giorni dalla conclusione della rassegna Cinema Svizzero a Venezia, la confederazione elvetica torna protagonista nella città lagunare con un programma speciale allestito in occasione della settima edizione del Ca' Foscari Short Film Festival. Leggi tutto
Seijun Suzuki, o del cinema eretico
Lo scorso 13 febbraio è morto in un ospedale di Tokyo Seijun Suzuki; regista eretico tra gli eretici del cinema giapponese, ha legato il suo nome ad alcuni film di culto, da Pistol Opera a Elogio della lotta, oltre al capolavoro La farfalla sul mirino. Leggi tutto
Il mistero Paolo Heusch
Paolo Heusch, dimenticato regista italiano morto oltre trenta anni fa, torna con le sue opere al romano Cinema Trevi. Un atto doveroso verso ogni artista. Leggi tutto
Luca Comerio, il reportage e la macchina da presa
Presentata alle Giornate del Cinema Muto la seconda parte della retrospettiva curata da Sergio M. Germani su Luca Comerio, pioniere milanese del documentario. Un'occasione per riscoprire un grande regista e riflettere ancora una volta sull'importanza della celluloide come memoria storica. Leggi tutto
Venezia omaggia Kiarostami
La Mostra di Venezia ha organizzato un doveroso omaggio ad Abbas Kiarostami, maestro del cinema iraniano scomparso di recente. Oltre a due cortometraggi inediti è stato presentato al pubblico del Lido il documentario sul regista diretto dal suo braccio destro, Samadian Seifollah. Leggi tutto
Conversazione sul restauro
Restauro analogico o digitale? Ne va del futuro stesso del cinema, dell’evoluzione (o involuzione) percettiva dei film. Per approfondire l’argomento abbiamo incontrato Stella Dagna del Museo Cinema di Torino, e Claudio Santancini, specializzato in restauro digitale presso il Filmmuseum di Vienna. Leggi tutto
Chi ha paura del video-teppismo?
Gli incontri sul video-teppismo strutturati e organizzati da Federico Rossin durante le giornate di Pesaro 2016 pongono un serio interrogativo: perché l'atto di filmare e rileggere l'oggi tenendosi fuori da forme prestabilite mette ancora così paura? Leggi tutto