L’angelo dei muri
L'angelo dei muri, sesto lungometraggio del friulano Lorenzo Bianchini e primo a lambire solamente i territori del "genere", è un viaggio misterico nella solitudine (e autoreclusione) di un anziano. Ma è anche l'occasione per il cinema italiano per muoversi fuori dagli schemi usurati della produzione canonica. Leggi tutto
Noi due
Noi due era tra i titoli della versione "pandemica" di Cannes, quella del 2020, e ora arriva in sala con Tucker Film. Il cinquantatreenne israeliano Nir Bergman dirige un dramma famigliare attento ai dettagli, minimale, irrorato di dolcezza e di quando in quando incline alla facile retorica. Leggi tutto
Drive My Car
Dopo aver ammaliato la critica (online) alla Berlinale con Wheel of Fortune and Fantasy Ryūsuke Hamaguchi conferma il proprio percorso di maturazione con Drive My Car, selezionato in concorso e in presenza al Festival di Cannes. Leggi tutto
Better Days
Duro apologo sul bullismo, Better Days di Derek Tsang è un teen movie doloroso e struggente sulla violenza come iniziazione alla vita adulta. Nomination all'Oscar 2021 e Gelso d'Oro al FEFF 2020. Leggi tutto
Shock Wave 2
Film d'apertura del 23° Far East Film Festival, Shock Wave 2 è il nuovo action mozzafiato, declinato nel disaster movie, di Herman Yau, con protagonista assoluto l'inossidabile Andy Lau. Il regista torna alla squadra di artificieri di Hong Kong alle prese con minacce terroristiche. Leggi tutto
I WeirDO
Esce in sala I WeirDO, commedia taiwanese di Liao Ming-yi, che ebbe grande successo al Far East Film Festival l'anno scorso. Un film che rimarrà come una intelligente parodia delle ipocondrie pre-coronavirus nonché un inno all'anticonformismo. Leggi tutto
In the Mood for Love
A distanza di 21 anni dalla sua realizzazione In the Mood for Love torna in tutto il suo splendore sul grande schermo in una versione restaurata in 4K. In piena fase manierista Wong Kar-wai radicalizza la sua riflessione sulla memoria sbiadita e perduta. Magniloquente eppure minimale. Leggi tutto
Il gioco del destino e della fantasia
Presentato in competizione alla 71a Berlinale, Il gioco del destino e della fantasia conferma la grande sensibilità per il mondo femminile di Ryūsuke Hamaguchi, la sua capacità di elaborare dialoghi complessi e di caratterizzare i suoi personaggi, appartenenti alla società urbana giapponese. Leggi tutto