Il grande passo
Con Il grande passo il veneziano Antonio Padovan torna alla regia dopo Finché c'è prosecco c'è speranza. La sua commedia però è faticosa, scritta in modo approssimativo, troppo fragile per reggere il peso delle proprie, non indifferenti, ambizioni. In concorso al Torino Film Festival. Leggi tutto
Balon
Torna al cinema Pasquale Scimeca, ma il suo Balon è un rovinoso tentativo di film etnografico fuori tempo massimo, girato male, recitato peggio e anche poco appassionato nel raccontare l'odissea di due fratelli africani in fuga verso l'Europa. Leggi tutto
La vita possibile
Ivano De Matteo torna a raccontare la borghesia italiana; stavolta però non tutto gira come dovrebbe, anche per via di un'ambientazione che rimane solo in superficie. Leggi tutto
Biagio
Pasquale Scimeca racconta la storia di Biagio Conte, fondatore venticinque anni fa della Missione Speranza e Carità: l'incedere del film però è fitto di insidie e il risultato non sempre totalmente convincente. Leggi tutto
Il venditore di medicine
Antonio Morabito per la sua opera seconda sceglie di raccontare il drammatico e inquietante sistema di corruzione e comparaggi che ha ormai permeato una considerevole fetta del sistema sanitario nazionale. Leggi tutto
Almeno tu nell’universo
Almeno tu nell'universo guarda in modo spudorato a produzioni come Amore 14 e Tre metri sopra il cielo, ma rispetto ai film di Federico Moccia l'esordiente Andrea Biglione si distingue comunque per l'onestà di fondo, nonostante le evidenti debolezze strutturali. Leggi tutto
Nauta
Evitando di farsi travolgere dal festival del New Age a buon mercato, Nauta è un film sul sogno, sul desiderio di libertà, sull'incontro tra uomo e natura, leggero e lineare, costruito sul doppio binario del viaggio fisico e interiore. Leggi tutto