Se mi vuoi bene
Rispetto al suo ritorno sulle scene post- scandalo molestie con Modalità aereo, dove gli elementi autobiografici apparivano gustosamente rielaborati, Fausto Brizzi con Se mi vuoi bene realizza un film nato già vecchio e messo insieme senza le necessarie cure. Leggi tutto
Bagdad Café
Dolce (e spesso dolciastro) apologo surreale sull'incontro fra culture diverse ed emarginati, Bagdad Café di Percy Adlon lancia messaggi positivi e celebra la riscoperta del piacere, restando forse troppo innamorato della propria veste formale. In dvd e blu-ray per CG Entertainment. Leggi tutto
Le tre grazie
Classico racconto sulla perdizione cui conduce la società dello spettacolo e perfetto esempio del clima euforico e trasgressivo dei ruggenti anni Venti, Le tre grazie ebbe anche il merito di lanciare Joan Crawford. Alle Giornate del Cinema Muto 2019. Leggi tutto
What Happened to Jones
Presentato a Le Giornate del Cinema Muto nell'ambito dell'omaggio all'attore Reginald Denny, What Happened to Jones di William A. Seiter è un eccellente esempio di come la sophisticated comedy americana non avesse bisogno della parola per far ridere. Leggi tutto
Il monello
A novantotto anni di distanza dalla sua realizzazione Il monello, primo lungometraggio della carriera di Charlie Chaplin, continua a essere uno dei film più celebri del grande artista britannico. Mettendo in scena il melodramma Chaplin in realtà lo mina attraverso l'utilizzo del comico e del surreale. Leggi tutto
Yesterday
Yesterday parte da un'idea gustosa - nessuno nel mondo ha più memoria dei Beatles, quindi chiunque può fingere di essere l'autore delle loro canzoni - per trasformarsi in un batter d'occhio in una stanca rom-com moraleggiante sui vizi dello show business. A dirigere Danny Boyle. Leggi tutto
Dora e la città perduta
Adattamento di una nota serie animata, diretto dallo specialista del cinema per famiglie James Bobin, Dora e la città perduta intrattiene e strappa qualche sorriso, ma resta ingabbiato dal suo voler accontentare un pubblico il più possibile trasversale. Leggi tutto
Il colpo del cane
Fulvio Risuleo, già regista di Guarda in alto, segna con Il colpo del cane un netto passo avanti all'interno della sua filmografia. Una commedia amara, ben strutturata sotto il profilo narrativo, e che ragiona con intelligenza sul punto di vista, proprio e degli spettatori. Leggi tutto