Smetto quando voglio – Ad honorem
La trilogia diretta da Sydney Sibilia si chiude con Smetto quando voglio - Ad honorem: la scalcinata banda di ricercatori universitari capitanata da Edoardo Leo dovrà trovare il modo di evadere da Rebibbia per impedire una strage ordita da colui che ha sintetizzato il Sopox: Walter Mercurio. Leggi tutto
Latin Lover
Una commedia corale e al femminile con, sullo sfondo, la grandezza di un cinema - il nostro - che non tornerà più. Latin Lover di Cristina Comencini ondeggia tra malinconia, nostalgia ed evasione, perdendosi nella vacuità e nella mediocrità del presente. Leggi tutto
Smetto quando voglio
L'esordio alla regia di Sydney Sibilia è una divertente commedia sul precariato il cui spunto iniziale - ripreso dalla serie TV Breaking Bad - regge grazie a una scrittura inventiva e a un buon cast di attori. Leggi tutto
Mi rifaccio vivo
Confrontandosi con un testo come Heaven Can Wait di Harry Segall, Sergio Rubini con Mi rifaccio vivo prova a testare il terreno di una commedia non banale, capace di riflettere sulla crisi. Ma il risultato è confuso. Leggi tutto
The Tourist
Dopo il successo planetario de Le vite degli altri il regista tedesco Florian Henckel von Donnersmarck si trova a dirigere la coppia Jolie/Depp in una commedia spionistica che guarda ad Alfred Hitchcock senza potersi neanche permettere di dargli del lei. Leggi tutto
La scomparsa di Patò
Al terzo tentativo, Mortelliti si dimostra ancora una volta bravissimo nella gestione e nella guida dei suoi attori, decisamente sotto tono invece quando si tratta della messa in quadro. Da sottolineare la fotografia dal taglio quasi espressionista di Borgstrom. Leggi tutto