American Graffiti
Lo slogan di lancio di American Graffiti, nel 1973, era "dov'eri nel 1962?"; ma l'effetto nostalgico, che prorompe attraverso le oltre quaranta tracce musicali presenti nella colonna sonora, cozza con lo sguardo disilluso con cui George Lucas torna alle notti a zonzo in automobile. Leggi tutto
Book Club – Tutto può succedere
Il Book Club è quello che organizzano da decenni quattro amiche. Cosa succede però se il libro scelto per la lettura è Cinquanta sfumature di grigio? Una commedia esile e abbastanza prevedibile ben sorretta però dalla verve delle quattro protagoniste. Leggi tutto
Incontri ravvicinati del terzo tipo
Il primo incontro tra il cinema di Steven Spielberg e gli esseri provenienti da un altro pianeta. Un classico intramontabile, in cui giganteggia un eccellente Richard Dreyfuss. Alla Mostra di Venezia 2017 nella sezione dedicata ai restauri in digitale. Leggi tutto
Lo squalo
Primo film di grande successo diretto da Steven Spielberg, a distanza di quasi quarant'anni Lo squalo dimostra ancora tutta la propria potenza espressiva e la propria stratificazione, narrativa e di senso. Leggi tutto
Piranha 3D
Piranha 3D, vale a dire Alexandre Aja che gioca con il film con predatori mostruosi e lo trasforma in una sarabanda ludica e infernale. Leggi tutto
Le mie grosse grasse vacanze greche
Per quanto possa apparire bizzarro tra Le mie grosse grasse vacanze greche e Il mio grosso grasso matrimonio greco non esiste alcun tipo di legame, eccezion fatta per quello commerciale che vi hanno voluto vedere i distributori italiani. Non che questo venga in soccorso di una commedia disastrosa. Leggi tutto
W.
W. è il terzo film dedicato da Oliver Stone a un presidente degli Stati Uniti d'America dopo JFK - Un caso ancora aperto e Nixon - Gli intrighi del potere, ed è nettamente il più sarcastico e in qualche modo "giocoso". Leggi tutto
Silver City
La speculazione edilizia, l’immigrazione clandestina e il suo sfruttamento, la Storia trasformata in attrazione turistica e/o in strategia politica, non sono più nemmeno oggetto di denuncia in Silver City di John Sayles, ma elementi di una società autoimmunizzante, in cui non resta più nulla da denunciare, se non la società stessa, tutt’intera. Leggi tutto