The Forest of Love
The Forest of Love è il film che Sion Sono ha diretto sotto l'egida di Netflix. Eppure neanche la piattaforma fondata da Reed Hastings è riuscita a riformare il cinema liberissimo di Sono, che torna a mescolare alcune delle sue ossessioni e dei punti cardine della sua poetica. Leggi tutto
Dare to Stop Us
Dare to Stop Us è il racconto di un paio di anni di vita e opere di Kōji Wakamatsu e Masao Adachi, a cavallo tra la fine dei Sessanta e l'inizio dei Settanta. Ma è anche il racconto dell'assistente alla regia Megumi Yoshizumi, donna in un mondo unicamente maschile. Leggi tutto
Hanagatami
Presentata all'International Film Festival Rotterdam l'ultima opera del maestro giapponese Nobuhiko Ōbayashi, Hanagatami, che racconta un capitolo della storia del paese che rappresenta ancora un nervo scoperto, il Giappone militarista alla vigilia del suo ingresso nella II guerra mondiale. Leggi tutto
Tokyo Vampire Hotel
Tokyo Vampire Hotel è la versione cinematografica, ridotta a due ore e venti, di un film per la televisione diretto da Sion Sono; apparentemente pasticciato e in alcuni passi prossimo al giocattolone, è in realtà molto più politico di quanto si possa pensare. Non privo di difetti, ma ad averne di opere così libere sul piccolo schermo! Leggi tutto
Il terzo omicidio
Presentata in concorso a Venezia 74 la nuova opera di Hirokazu Kore-eda, Il terzo omicidio. Nella forma inedita per lui del film processuale tornano i temi classici del regista giapponese. Leggi tutto
Before We Vanish
In Before We Vanish Kiyoshi Kurosawa torna a utilizzare i codici del genere per cercare di raccontare l'umanità, le sue pulsioni, le domande senza risposta che la agitano. In questo caso lo schema è quello dell'invasione aliena, per uno sci-fi contemplativo ma non privo di deflagrazioni improvvise. In Un certain regard a Cannes 2017. Leggi tutto
Blade of the Immortal
Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere. Leggi tutto