The Good Heart
Presentato al Bergamo Film Meeting nella personale sul regista Dagur Kári, The Good Heart rappresenta la trasposizione nel contesto di una New York arrugginita e periferica delle poetiche dell’autore nordico. Leggi tutto
Passeri
Dalla lontana Islanda e grazie alla Lab80 arriva nelle nostre sale Passeri di Rùnar Rùnarsson, un convenzionale bildungsroman dotato di uno sguardo tenero e delicato ma anche troppo prigioniero di luoghi comuni narrativi. Leggi tutto
L’effetto acquatico
Tra personaggi bislacchi e situazioni assai originali, L'effetto acquatico procede agile e frizzante, grazie alla notevole leggerezza del tocco della regista Sólveig Anspach. Alla Quinzaine 2016. Leggi tutto
Rams
Il regista islandese Grímur Hákonarson torna al cinema narrativo con Rams, una commedia drammatica dal sapore tipicamente e convenzionalmente scandinavo. Vincitore a Cannes di Un Certain Regard, in concorso al Festival di Zurigo e ora in sala. Leggi tutto
Everest
Ci sono gli sherpa e il 3D, un gruppo troppo avventato di scalatori, un budget elevato e il formato IMAX, attori di grido e paesaggi mozzafiato. C’è praticamente tutto in Everest, eppure sembra mancare proprio la montagna... Delude la pellicola d'apertura di Venezia 2015. Leggi tutto
Storie di cavalli e di uomini
Mostrato alla 26esima edizione del Trieste Film Festival, l'islandese Storie di cavalli e di uomini costruisce, attraverso il rapporto uomo-cavallo, una sardonica e cupa descrizione quasi antropologica dell'umano e della sua ontologica bestialità. Leggi tutto
Iceland Year Zero
Tra i documentari più interessanti intercettati al Bergamo Film Meeting 2013, vi è senz'altro Iceland Year Zero di Sigurður Hallmar Magnússon: praticamente un’epopea vichinga, rapportata all'epoca delle banche... Leggi tutto