Bentornato Presidente
A sei anni dal film diretto da Riccardo Milani, torna Bisio nei panni dell'uomo qualunque che entra nelle stanze del potere: Bentornato Presidente è un sequel che guadagna dal cambio di regia e che, grazie a un po' di satira politica, riesce a dirci qualcosa sul nostro schizofrenico presente. Leggi tutto
La notte è piccola per noi
La notte è piccola per noi arriva in sala, con Distribuzione Indipendente, con qualche leggerissima correzione rispetto alla versione che andò in giro per festival nel 2016. Una commedia corale che guarda alla lezione di Ettore Scola, pur senza la stessa profondità. Leggi tutto
La gabbianella e il gatto
Fiabesco, didattico, dal character design sinuoso e dai morbidi cromatismi, accompagnato da una colonna sonora plasmata per il box office, il film di D'Alò è un piccolo classico dell'infanzia. Torna nelle sale, a distanza di vent'anni dalla prima uscita. Leggi tutto
Dafne
Dafne, portatrice della sindrome di Down, è una trentenne esuberante, libera, cocciutamente abbarbicata alla vita. Alla sua opera seconda Federico Bondi traccia un delicato e dolcissimo ritratto umano, la cui sincerità riesce a superare anche qualche limite strutturale. Leggi tutto
Beo
Film-intervista e schietta autobiografia, racconto di un mondo che si proietta nel presente, Beo resta ben al di qua dell’agiografia, riuscendo a caricare la storia del suo protagonista con la giusta dose di lirismo. Leggi tutto
Momenti di trascurabile felicità
Momenti di trascurabile cinema. La battuta è facile, ma purtroppo inevitabile di fronte al nuovo film di Daniele Luchetti, Momenti di trascurabile felicità, che - prendendo spunto da due volumetti di Francesco Piccolo - assomma tutte le caratteristiche più nefaste del cinema italiano pseudo-autoriale contemporaneo. Leggi tutto
C’è tempo
L'esordio in un film di finzione si traduce per Walter Veltroni in un velleitarismo autoriale dimentico di azione e racconto, imperniato su una serie di cliché, a partire da una cinefilia inerte, addomesticata ed edulcorata. Leggi tutto
Eliana e gli uomini
Dopo French Cancan, Jean Renoir realizza un’altra “fantasia musicale”: un film leggiadro e ironico, animato da una sensualità e una giocosità al cospetto delle quali è impossibile non capitolare, con protagonista una deliziosa Ingrid Bergman. Leggi tutto