Conta su di me
Conta su di me del tedesco Marc Rothemund, vincitore al Giffoni Film Festival, è un dramedy dall'ossatura classica, che cade ripetutamente nella retorica e nell'ipocrisia, propagandando per di più un sottotesto grossolanamente elitario senza avere il coraggio di dichiararlo apertamente. Leggi tutto
Aspettando il re
Bizzarro e imprevedibile, tenero e brillante, Aspettando il re di Tom Tykwer propone una riflessione tutt'altro che banale sul capitalismo USA e la sua esportazione. Leggi tutto
Wolf Creek 2 – La preda sei tu
Ironia, scrittura, sangue e budella costituiscono le solide fondamenta di Wolf Creek 2, raro esempio di sequel capace di rinnovare e superare l'originale. Una boccata d'ossigeno per il genere horror, che riabbraccia lo spietato serial killer Mick Taylor. Leggi tutto
I, Frankenstein
Torna sul grande schermo la creatura nata dalla penna di Mary Shelley, ma la versione di Stuart Beattie è piuttosto impersonale e dall'impianto visivo alquanto datato. Leggi tutto
Killer Elite
La regia di  McKendry è solida, degna di un veterano: a brillare sono soprattutto i frequenti corpo a corpo che animano molti dei passaggi più convincenti sul versante action, filmati con un’aggressività e una crudezza che ricorda i capitoli della saga dedicata a Jason Bourne. Leggi tutto
Drei
Al Festival di Venezia 2010, Tom Tykwer presenta Drei, rilettura berlinese del triangolo amoroso, ma la sua sperimentazione si ferma allo splitscreen e i personaggi sono appena abbozzati. Leggi tutto
The International
Il talentuoso per quanto incostante Tom Tykwer con The International si cimenta in un'impegnativa co-produzione internazionale che segna anche il suo momentaneo assorbimento nel carrozzone hollywoodiano. Leggi tutto