La terra dell'abbastanza Recensione

La terra dell’abbastanza

La terra dell'abbastanza, esordio alla regia dei gemelli Damiano e Fabio D'Innocenzo (trent'anni a luglio), si muove sulla scia del cinema suburbano di Claudio Caligari per raccontare una storia di sogni di ricchezza, criminalità e amicizia sullo sfondo di Ponte di Nona, periferia della Capitale. In Panorama alla Berlinale.
Tokyo! Recensione

Tokyo!

La Koch Media edita in dvd e bluray Tokyo!, film a episodi diretto da Bong Joon-ho, Leos Carax e Michel Gondry. Tre sguardi "stranieri", e spesso a pochi passi dal delirio, sulla capitale giapponese, una delle megalopoli più imponenti dell'Asia e del mondo intero.
Foreboding Recensione

Foreboding

Presentato a Panorama Special della Berlinale il nuovo film di Kiyoshi Kurosawa, Foreboding, un ritorno alla tematica dell'invasione aliena e agli ultracorpi, come il precedente Before We Vanish, con cui costituisce un ideale dittico. Il terrore è quantomai domestico, legato ai concetti di amore e famiglia.
Gordon & Paddy Recensione

Gordon & Paddy

Presentato alla Berlinale 2018, Gordon & Paddy è un lungometraggio d'animazione ad altezza bambino, realizzato con un budget limitato ma con ammirevole cura. Linee morbide, tonalità pastello e buoni sentimenti.

My Brother’s Name is Robert and He is an Idiot

Philip Gröning porta in concorso alla Berlinale un film che in potenza non sarebbe privo di spunti di interesse e stratificazioni. Ciò che però rende inaccettabile My Brother's Name is Robert and He is an Idiot è lo sguardo dell'autore, nel profondo odio nei confronti dei suoi personaggi.

Uscite in sala 22 febbraio 2018

Paul Thomas Anderson con il suo Il filo nascosto domina la settimana, ma la sorpresa viene da Omicidio al Cairo di Tarik Saleh. C'è poi spazio per James Franco e il suo The Disaster Artist, per un horror di medio cabotaggio con Helen Mirren e per due titoli italiani, Figlia mia di Laura Bispuri e Sconnessi di Christian Marazziti.

Una regia affonda le sue radici attraverso il tempo e i sogni. Mi piace immaginare che riposino in una stanza segreta dell'anima. Se ne stanno lì comodamente a maturare come magnifiche forme di formaggio.

Ingmar Bergman.
Sconnessi Recensione

Sconnessi

Sbalestrata commedia che vorrebbe muoversi nel campo della pochade e allo stesso tempo mettere sul piatto tematiche contemporanee sulla mancanza di relazioni tra gli esseri umani per 'colpa' della tecnologia, Sconnessi di Christian Marazziti si rivela ben presto a corto di idee e narrative e visive.
Omicidio al Cairo Recensione

Omicidio al Cairo

Con Omicidio al Cairo il regista svedese di origine egiziana Tarik Saleh tira le fila non solo di un noir claustrofobico e ben orchestrato, ma anche di una riflessione sulla cosiddetta Primavera Araba, sulle sue illusioni e sui destini di una nazione oramai lontana anni luce dalla sua indubbia bellezza monumentale.
Berlinale 2018

Berlinale 2018

Sessantottesima edizione. La solita fiumana di titoli e di sezioni per un programma smisurato, ma mai respingente: la kermesse berlinese resta un fulgido esempio di festival pensato e organizzato per il pubblico, e in seconda battuta per la stampa.
Luci d'inverno Recensione

Luci d’inverno

Secondo e più esplicito capitolo della Trilogia del silenzio di Dio, Luci d'inverno scava con ineguagliabile profondità nelle crisi della Fede e nei tormenti dell'uomo, delineando la personale parabola di Passione di un pastore/padre non più in grado di offrire conforto nemmeno a se stesso.
Bergman 100

Bergman 100

Nel centenario della nascita la rassegna Bergman 100 omaggia il cinema del maestro svedese con una selezione dei suoi film più celebri, rigorosamente proiettati in 35mm. Al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 18 gennaio al 4 marzo.