odio l'estate recensione

Odio l’estate

A quattro anni di distanza dal disastroso Fuga da Reuma Park tornano al cinema Aldo, Giovanni e Giacomo. In un'evidente ricerca del tempo perduto ritrovano la collaborazione con Massimo Venier e firmano, un po' a sorpresa, una delle loro opere più convincenti, sia nella scrittura che nella confezione.
Merry Christmas, Yiwu Recensione

Merry Christmas, Yiwu

Presentato nel Bright Future Main Programme del 49 International Film Festival Rotterdam, Merry Christmas, Yiwu, del regista serbo Mladen Kovacevic, è un documentario a carattere osservazionale sugli operai in Cina che producono addobbi natalizi per tutto il mondo dove si celebra il Natale.
Solothurner Filmtage 2020 - Presentazione

Solothurner Filmtage 2020 – Presentazione

In corso fino al 29 gennaio il Solothurner Filmtage 2020, giunto alla 55esima edizione. In programma, oltre al concorso principale e a varie altre sezioni e focus, anche un omaggio a tre storiche cineaste della Svizzera romanda, Patricia Moraz, Christine Pascal e Paule Muret.
Il dono Recensione

Il dono

Presentato come documentario fuori concorso al 31 Trieste Film Festival, Il dono è un documentario di Giuliano Fratini sull’ultima parte della vita di Andrej Tarkovskij, nel suo soggiorno, di fatto un esilio, in Italia in un piccolo centro sui monti Prenestini.
Heidi Recensione

Heidi

Già in concorso a Sarajevo, e proiettato in anteprima nazionale, fuori competizione, al Trieste Film Festival 2020, Heidi di Cătălin Mitulescu è un poliziesco che lascia la “detection” sullo sfondo, per concentrarsi sull’ambiguità (troppo) umana dei suoi protagonisti. Molto felici le scelte di casting.
Intervista a Matjaž Ivanišin

Intervista a Matjaž Ivanišin

Presentato nel concorso Cineasti del Presente del 72 Locarno Film Festival e ora nel concorso lungometraggi del 31 Trieste Film Festival, Oroslan è opera del filmmaker Matjaž Ivanišin, originario di Maribor, ora in Slovenia. Proponiamo l'intervista al regista realizzata a Locarno.
barriera di carne la porta del corpo recensione

Barriera di carne – La porta del corpo

Omaggiare la memoria di Jō Shishido, venuto a mancare a 86 anni, significa in larga parte ricordare anche il genio di Seijun Suzuki, tra i registi più eretici di una nazione che della rappresentazione eretica del reale ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia.
oleg recensione

Oleg

Presentato in concorso al 31 Trieste Film Festival, dopo la première alla Quinzaine des Réalisateurs, Oleg è una storia di immigrazione, di disagio e sfruttamento, dove il mattatoio in cui lavora il protagonista è la facile metafora della condizione di schiavitù in cui versano tanti immigrati.
Figli (2020) di Giuseppe Bonito - Recensione | Quinlan.it

Figli

Arguta e dettagliata analisi delle difficoltà di una coppia alle prese con l'arrivo del secondogenito, Figli di Mattia Torre, per la regia di Giuseppe Bonito, è una commedia amara e spassosa, in grado di restiture inquietudini e difficoltà del nostro tempo.
mother and son recensione

Mother and Son

Rimasto per oltre sei anni chiuso nel cassetto del regista azero Hilal Baydarov e solo negli ultimi mesi presentato in giro per i Festival di tutto il mondo insieme agli altri due episodi della sua trilogia sulla famiglia, Mother and Son intercetta le ultime miracolose schegge di un cinema impossibile.
the father recensione

The Father

The Father esplora il rapporto fra padri e figli nel momento della più difficile e dolorosa elaborazione del lutto, quando la razionalità si apre al soprannaturale pur di mantenere acceso un barlume di speranza che allontani per un attimo il dolore. In concorso al Trieste Film Festival.