Penguin Highway
Esce per due giorni nelle sale Penguin Highway, opera prima di Hiroyasu Ishida e gran bel biglietto da visita dello Studio Colorido. Un racconto di formazione sui generis, buffo e commovente, capace di cogliere gli stati d'animo, le indecisioni e i voli pindarici della preadolescenza. Leggi tutto
Lajka
Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Lajka è un piccolo, grazioso, fragile lungometraggio a passo uno realizzato in otto anni da Aurel Klimt e dal suo team tecnico-artistico. Una favolistica rilettura della triste parabola della celeberrima cagnetta dello spazio. Leggi tutto
Funan
Presentato alla Festa del Cinema di Roma, Funan ripercorre con afflato umanista e un'apprezzabile confezione tecnico-artistica i terribili anni del genocidio cambogiano. Opera prima di Denis Do, nuovo nome da seguire, ennesima dimostrazione dello stato di salute dell'animazione francese. Leggi tutto
Gli Incredibili 2
Il ritorno della famiglia Parr non fuga i dubbi sul nuovo corso della Pixar, su una modalità produttiva assai distante dagli anni Novanta e Duemila e sempre più prossima alla castrante politica disneyana. Leggi tutto
Il signore degli anelli
La prima storica riduzione cinematografica de Il signore degli anelli, romanzo-fiume di J.R.R. Tolkien, fu firmata nel 1978 da Ralph Bakshi. Nonostante sia stata in parte oscurata dalla trilogia diretta da Peter Jackson, questa versione animata mostra dopo quarant'anni una vitalità e una ricchezza sorprendenti. Leggi tutto
Big Fish & Begonia
Presentato al Future Film Festival, distribuito nelle sale da Draka Distribution, Big Fish & Begonia è il primo squillo di trombe dell'animazione cinese contemporanea. Un'opera ambiziosa ma squilibrata sul piano narrativo e tecnico-artistico, fin troppo debitrice dell'immaginario ghibliano. Leggi tutto
Mary e il fiore della strega
Il primo film dello Studio Ponoc, ambiziosa propaggine dello Studio Ghibli. A un primo sguardo, tutto sembra effettivamente riportare alle opere miyazakiane, in una sorta di flusso ininterrotto di rimandi, citazioni, rimescolamenti. Ma è solo superficie, peraltro assai meno levigata e abbacinante. Leggi tutto
Goshu il violoncellista
Tra le opere meno conosciute di Isao Takahata, Goshu il violoncellista è in realtà una delle dimostrazioni più lampanti del genio del regista giapponese, operetta morale che ragiona sul classicismo occidentale e sulle tradizioni nipponiche. All'interno dell'omaggio postumo organizzato dal Future Film Festival. Leggi tutto
Pioggia di ricordi
Presentato nell'ambito dell'omaggio a Isao Takahata del Future Film Festival 2018, Pioggia di ricordi è un film dove le poetiche dello Studio Ghibli si esprimono sull'alternanza-contrasto tra passato e presente, quotidianità e ricordi, vita di città e di campagna, natura e cultura. Leggi tutto
Pom Poko
Con Pom Poko Isao Takahata firma, partendo da un'idea di Hayao Miyazaki, una delle sue opere più ambiziose e senza dubbio quella più scopertamente politica. Un inno ambientalista e che guarda con preoccupazione le derive capitaliste del Giappone contemporaneo. Leggi tutto
La grande avventura del piccolo principe Valiant
Riproposto in occasione dell'omaggio Ricordi struggenti - Il cinema di Isao Takahata del Future 2018, La grande avventura del piccolo principe Valiant è una delle pellicole spartiacque della storia degli anime, opera seminale di quello che sarà due decenni dopo lo Studio Ghibli. Leggi tutto
I miei vicini Yamada
Una delle pellicole meno celebrate di Takahata, sfortunata al botteghino, poco amata dai fan: eppure, a vent'anni di distanza, mostra ancora gli evidenti segni di una voglia di sperimentare mai doma e la capacità di cogliere l'inafferrabile leggiadria e profondità degli haiku. Leggi tutto
Mirai
Presentato alla Quinzaine, Mirai è una declinazione in piccolo della poetica di Hosoda, ad altezza bimbetto. Come sempre in bilico tra realismo e derive fantasy, Hosoda coglie con puntualità le difficoltà di un bimbo alle prese con l’arrivo di una sorellina... Leggi tutto
Chris the Swiss
Un documentario-inchiesta sulle circostanze della morte di un giornalista nella guerra civile jugoslava, condotta dalla cugina che usa gli strumenti della sua arte, l'animazione, riuscendo a sposarla perfettamente con la cruda realtà. Alla Semaine de la Critique 2018. Leggi tutto
La strada dei Samouni
La strada dei Samouni è il nuovo lavoro documentario di Stefano Savona, che si immerge nel conflitto israelo-palestinese focalizzando l'attenzione su una famiglia palestinese della periferia di Gaza massacrata in un raid dell'esercito di Tel Aviv. Leggi tutto
On Happiness Road
Presentato al Far East 2018, On Happiness Road ha il merito di riportare l'animazione nella corposa selezione della kermesse friulana e di farci confrontare con le opere e le produzioni di paesi da sempre oscurati dai giganti Giappone e Corea del Sud. Leggi tutto
La casa lobo
Presentato alla Berlinale 2018 nella sezione Forum, La casa lobo è un lungometraggio d'animazione in continua mutazione, una pellicola sperimentale a passo uno, surreale, onirica, minuziosamente caotica. Un'immersione nella Storia cilena, tra gli orrori della dittatura. Leggi tutto
Gordon & Paddy
Presentato alla Berlinale 2018, Gordon & Paddy è un lungometraggio d'animazione ad altezza bambino, realizzato con un budget limitato ma con ammirevole cura. Linee morbide, tonalità pastello e buoni sentimenti. Leggi tutto
L’isola dei cani
Titolo d'apertura della Berlinale 2018, in concorso, L'isola dei cani rilancia una delle suggestioni di Fantastic Mr. Fox: l'animazione in stop motion come terreno ideale per il cinema e la poetica di Wes Anderson. E per i suoi personaggi. Leggi tutto
I primitivi
Nick Park e la Aardman Animations tornano in scena con I primitivi, storia della lotta di una tribù di cavernicoli per difendere la propria valle dall'invasione dell'età del Bronzo... Peccato che al di là di una certa cura estetica il film disti anni luce dall'inventiva di alcune delle opere precedenti della casa di Wallace & Gromit. Leggi tutto
Insects
Presentato nella sezione Signatures dell'International Film Festival Rotterdam, Insects è l'ultima opera del genio surrealista Jan Švankmajer, un adattamento da una pièce dei fratelli Čapek. Almeno così finge di essere. Leggi tutto
Waking Life
Waking Life di Richard Linklater fu accolto nel 2001 con un percepibile scetticismo da stampa e addetti ai lavori alla Mostra di Venezia. È ora di porre rimedio, per cercare di comprendere un'operazione artistica e concettuale di rara ambizione. Un'opera/sogno che spezza logiche produttive, e non solo. Leggi tutto
The Breadwinner
Prodotto dalla volitiva Angelina Jolie, The Breadwinner ci ricorda per più di un motivo The Prophet, lungometraggio che raggruppava stili e talenti in un contenitore dai contorni smaccatamente didascalici. In corsa per l'Oscar come miglior film d'animazione. Leggi tutto
Coco
Ridotto all'osso, l'impianto narrativo di Coco si rivela piuttosto semplice, molto classico. Ma è appunto questa la parola ricorrente e magica, quel punto d'arrivo inseguito per anni da Lasseter e soci: classico, Classici. Coco è un “Classico della Pixar”. Leggi tutto
Never-Ending Man: Hayao Miyazaki
Il documentario di Arakawa mostra alcune significative fasi della creazione del cortometraggio in computer grafica Boro the Caterpillar e gli amletici dubbi del suo creatore, alle prese con gli anni che passano e il lavoro e il mondo che cambiano (troppo) in fretta. Leggi tutto
Mazinga Z Infinity
Affidata all'esperto Junji Shimizu, l'operazione nostalgia Mazinga Z Infinity funziona per una manciata di minuti, giusto il tempo della vibrante sigla iniziale e della sarabanda di mostri storici gettati subito nella mischia... Leggi tutto
In questo angolo di mondo
Il quinto ciclo Nexo/Anime porta nelle sale In questo angolo di mondo di Sunao Katabuchi, un importante tassello del già poderoso percorso dell'animazione nipponica attraverso la Seconda guerra mondiale e l'olocausto nucleare. Leggi tutto