Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note

Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note

di ,

Tornano nelle sale del Bel Paese l’orso e la topolina di Gabrielle Vincent, questa volta alle prese con le insensate restrizioni legislative del paese degli orsi. Pensato, scritto e animato ad altezza bambino, Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note di Jean-Christophe Roger e Julien Chheng è una delicata parabola sulla libertà collettiva e individuale, una lezione morale semplice, immediata ma non banale.

Così è e sempre sarà

Per riparare il loro violino rotto, Ernest e Celestine iniziano un viaggio verso il lontano paese natale dell’orso, una terra magica dove da sempre si esibiscono i migliori musicisti del mondo e incredibili melodie riempiono l’aria di gioia. Al loro arrivo, i nostri eroi scoprono però una realtà completamente diversa: tutte le forme di musica sono state bandite! Ernest e Celestine non riescono proprio a immaginare una vita senza musica. Insieme ai loro amici e a un misterioso fuorilegge mascherato, faranno di tutto per riportare la felicità nella Terra degli Orsi… [sinossi]

Ne è passata di acqua sotto i ponti dai giorni gloriosi e vivacissimi di Ernest & Celestine del trio Stéphane Aubier, Vincent Patar e Benjamin Renner. I primi due, Aubier e Patar, hanno proseguito lungo la loro strada consueta, lavorando insieme a progetti accostabili all’orso e alla topolina, ovvero le varie avventure tra piccolo e grande schermo di Chien Pourri, senza però dimenticare le follie di Panico al villaggio – ed ecco, infatti, i corti Le bruit du gris (2016), La foire agricole (2019) e Les Grandes Vacances (2021), e il lungo ma non troppo Panique tous courts (2016). Più ambizioso e mainstream, Renner ha realizzato insieme a Patrick Imbert il lungometraggio a episodi Le grand méchant renard et autres contes…, decisamente meno fortunato del suo debutto. Un peccato, visto il talento grafico e narrativo di Renner, perfettamente a proprio agio con le atmosfere di Ernest e Celestine.

E Jean-Christophe Roger e Julien Chheng, che hanno preso le redini della piccole dolce saga? Già alla guida della più che graziosa serie televisiva Ernest et Célestine, la collection, Roger e Chheng hanno ovviamente firmato anche il lungometraggio compilativo Ernest et Célestine en hiver, districandosi senza troppi problemi tra 3D e 2D. Se il limite evidente ma non disturbante dei lavori per il piccolo schermo è rappresentato dallo stacco un po’ troppo percepibile tra personaggi e fondali, il nuovo capitolo cinematografico Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note poggia le propria fondamenta tecnico-artistiche sul character design dell’originale (che declinava in maniera mirabile il tratto più minuzioso di Gabrielle Vincent), sulle tonalità acquerello, sulla gestione delle linee mai chiuse e degli spazi vuoti. Un piccolo trionfo grafico, anche se sembrano mancare gli slanci estetici e narrativi di Renner e Imbert.

Miyazakiano nella fluidità dei movimenti, nei colori e in certe sequenze rocambolesche, che sembrano riecheggiare Il fiuto di Sherlock Holmes, Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note forse lascia troppo spazio alla musica e all’azione, accontentandosi di snodi narrativi e morali un po’ troppo semplici – i bambini, in fin dei conti, sono spettatori molto più maturi ed elastici di quanto si possa pensare. Se sul piano estetico tutto sembra brillare, confermando una volta di più le potenzialità e l’utilità delle tecniche digitali anche sul fronte dell’animazione tradizionale (o apparentemente tradizionale), alla fine il retrogusto è agrodolce: a questa nuova avventura sembra mancare l’ambizione di Aubier, Patar e Renner, come se l’asticella da superare fosse posta più verso il basso, ovvero Ernest et Célestine en hiver, e non verso l’alto, ovvero quel primo capitolo, più costoso e difficoltoso da portare a termine, ma poi a suo modo così dirompente sul grande schermo.

Info
Il trailer di Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note.
La scheda di Ernest e Celestine – L’avventura delle 7 note sul sito di I Wonder Pictures.

  • Ernest-e-Celestine-Lavventura-delle-7-note-2022-01.png
  • Ernest-e-Celestine-Lavventura-delle-7-note-2022-02.png
  • Ernest-e-Celestine-Lavventura-delle-7-note-2022-03.png
  • Ernest-e-Celestine-Lavventura-delle-7-note-2022-04.png

Articoli correlati

  • Cannes 2021

    Le sommet des dieux RecensioneLe sommet des dieux

    di Presentato a Cannes nella cornice piuttosto riduttiva del Cinéma de la Plage, Le sommet des dieux affronta con coraggio e filologica dedizione l’impossibile impresa di portare sul grande schermo uno dei capolavori di Jirō Taniguchi.
  • Cannes 2019

    J'ai perdu mon corps RecensioneJ’ai perdu mon corps

    di È folgorante l’esordio al lungometraggio del quarantacinquenne Jérémy Clapin, animatore parigino che si era già fatto ampiamente notare coi suoi precedenti cortometraggi. Presentato e premiato alla Semaine de la Critique.
  • DVD

    Peanuts RecensionePeanuts

    di Portate sul piccolo schermo da Alexis Lavillat, le strisce animate dei Peanuts sono riunite dalla Koch Media in un cofanetto da otto dvd. Colori pastello e una rispettosa e più che apprezzabile adesione alle tavole originali.
  • Berlinale 2018

    Gordon & Paddy RecensioneGordon & Paddy e il mistero delle nocciole

    di Presentato alla Berlinale 2018, Gordon & Paddy e il mistero delle nocciole è un lungometraggio d'animazione ad altezza bambino, realizzato con un budget limitato ma con ammirevole cura. Linee morbide, tonalità pastello e buoni sentimenti.
  • Animazione

    Le stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.
  • Animazione

    Phantom-BoyPhantom Boy

    di , Dopo Un gatto a Parigi, Felicioli e Gagnol si confermano con Phantom Boy, leggiadro noir dalle venature fantastiche che mette in scena senza inutili birignao una grave malattia. Presentato al Torino Film Festival 2015 e al Future Film Festival di Bologna 2016.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord

    di Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé è l'ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Animazione

    Il piccolo principe

    di Presentato a Cannes, The Little Prince di Mark Osborne rilancia le ambizioni produttive dell’animazione europea, soprattutto francese. Più dei limiti narrativi, ci interessano l’utilizzo della stop motion e la coesistenza con la computer grafica.
  • Animazione

    Ernest & Celestine RecensioneErnest & Celestine

    di , , Nel mondo degli orsi non è ammessa l'amicizia coi topi. Ma Ernest, un grosso orso emarginato, clown e musicista, stringe amicizia con Célestine...
  • Archivio

    Tiffany e i tre briganti

    di Tiffany e i tre briganti di Hayo Freitag funziona alla perfezione come macchina ludica per i più piccini, ma è altresì una piccola gemma di eversione, come nei migliori slapstick del tempo che fu, dove scorrono germi di una disamina sociale ferma e rigorosa.

Leave a comment