A078R0VF

Shut In

Esordio cinematografico per Farren Blackburn, Shut In è un thriller/horror scontato e prevedibile su una donna sola e isolata, interpretata da una affannata Naomi Watts.
Set del film "Non c'è più religionei" di Luca Miniero.
Nella foto Claudio Bisio, Angela Finocchiaro e Alessandro Gassman.
foto di Gianni Fiorito
Questa fotografia è solo per uso editoriale, il  diritto d'autore è della società cinematografica e del fotografo assegnato dalla società di produzione del film  e può essere riprodotto solo da pubblicazioni in concomitanza con la promozione del film. 
E’ obbligatoria la menzione  dell’autore- fotografo: Gianni Fiorito.

Non c’è più religione

Provando a includere nell'usurato schema comico Nord/Sud anche la coabitazione tra italiani e arabi, Luca Miniero realizza con Non c'è più religione un film paternalista, maldestro e, soprattutto, mai divertente, ad eccezione di una fugace apparizione di Herlitzka.
ama-san-recensione

Ama-San

Presentato in concorso al Festival dei Popoli, Ama-San è un documentario su quelle pescatrici giapponesi che hanno lasciato un segno forte nella letteratura e nella pittura. Dove sono e come vivono le ultime superstiti di una tradizione millenaria?
amore-e-inganni-love-and-friendship-2016-whit-stillman-cov932

Amore e inganni

Whit Stillman torna a dirigere per confrontarsi con la scrittura di Jane Austen, con una commedia che mette alla berlina i vezzi borghesi e nobiliari.
un-altro-me-claudio-casazza-2016-cov932

Un altro me

Un altro me di Claudio Casazza ha aperto l'edizione 2016 del Festival dei Popoli, focalizzando lo sguardo su vittime e carnefici della violenza sulle donne.
dum-spiro-spero-2016-pero-kvesic-recensione

Dum spiro spero

Presentato al Festival dei Popoli di Firenze, Dum spiro spero è il primo film dello scrittore croato Pero Kvesić, un diario a ruota libera sulla propria quotidianità, riflettendo, con estrema rassegnazione, sul proprio stato di salute precario e sulla imminente morte.

Detesto i film. Quando qualcuno mi chiede se ho visto questa o quell'attrice, io dico: «No, a meno che non sia apparsa in The Great Train Robbery o The Birth of a Nation». Mi piace fare film ma non è il caso di chiedermi di parlare di arte.

John Ford.
the-love-witch-2016-anna-biller-cov932

The Love Witch

Presentato nella sezione After Hours del Torino Film Festival l’ultimo lavoro di Anna Biller, The Love Witch, dopo l’anteprima all’International Film Festival Rotterdam. Un concentrato psichedelico di omaggi cinefili ai film in Technicolor, ai B-movie explotation, per veicolare un, debole, messaggio femminista. Tanto colore per quasi nulla o molto poco.
intervista-garin-nugroho

Intervista a Garin Nugroho

L’indonesiano Garin Nugroho è un regista estremamente eclettico, che ha fatto della commistione tra le arti performative la sua cifra stilistica. Nella sezione Onde del TFF, ha portato Nyai – A Woman from Java, opera che tratta il tema del colonialismo olandese con lo stile del teatro musicale dell’epoca. A Torino abbiamo incontrato Garin Nugroho.
between-us-2016-rafael-palacio-illingworth

Between Us

Presentato al Torino Film Festival 2016 nella sezione Festa mobile, Between Us è un film indipendente che vorrebbe guardare un po’ a John Cassavetes, un po’ a Woody Allen, nel raccontare un rapporto di coppia che entra in crisi, ma si perde in facili schematismi.
rutger-hauer

Intervista a Rutger Hauer

Nell’immaginario collettivo è il replicante Roy Batty di Blade Runner, ma la carriera di Rutger Hauer è andata ben oltre i bastioni di Orione... Lo abbiamo incontrato al Trieste Science+Fiction Festival, dove ha ricevuto il premio Urania d'Argento alla Carriera.
evviva-la-liberta

Evviva la libertà

Klein orchestra una satira divertente e divertita che smonta pezzo dopo pezzo l'immaginario e l'imperialismo statunitense. Evviva la libertà (Mr. Freedom) è stato ripescato dal TFF 2016 per la retrospettiva Cose che verranno.