Il-diritto-di-uccidere-2015-gavin-hood

Il diritto di uccidere

Helen Mirren, guerra dei droni ed etica militare. Il diritto di uccidere di Gavin Hood si affida al "dramma digitale" per tentare una riflessione sulle rinnovate tecnologie belliche, senza sollevarsi mai da un forte sospetto di fasullo. Ultimo film per Alan Rickman.
paradise-beach-2016-the-shallows-jaume-collet-serra-cov932

Paradise Beach – Dentro l’incubo

La lotta tra umano e natura bestiale vista con gli occhi di una surfista braccata da un famelico squalo bianco. A dirigere Jaume Collet-Serra, per un thriller svogliato e ai limiti del demenziale.
torno-da-mia-madre-2016-Eric-Lavaine-recensione

Torno da mia madre

Éric Lavaine dirige con Torno da mia madre una innocua commedia tra facile sociologismo e descrizione di un nucleo familiare con personalità sempre in (quasi) conflitto.
el-futuro-perfecto-2016-Nele-Wohlatz-recensione

El futuro perfecto

Presentato tra i Cineasti del presente al Festival del Film Locarno, dove si è aggiudicato il premio come migliore opera prima, El futuro perfecto è una commedia che mette in gioco la comunicazione, il linguaggio, lo spaesamento di chi giunge in un altro paese e deve impararne la lingua. Brillante prova della regista, tedesca naturalizzata argentina, Nele Wohlatz.
dagobert-1984-dino-risi-recensione

Dagobert

Opera tarda di Dino Risi, Dagobert mostra evidenti segni di cedimento nella compattezza d'ispirazione dell'autore. Prodotto con una certa ricchezza, evidenzia i suoi maggiori limiti proprio nel linguaggio. Cast prestigioso variamente sprecato. In dvd e blu-ray per Pulp Video e CG.
el-auge-del-humano-2016-eduardo-williams

El auge del humano

Esordio nel lungometraggio di Eduardo Williams, El auge del humano è pornografia ed è sguardo del pornografo (e dello spettatore), è pellicola ed è digitale, è internet ed è contatto umano, è vita, strada, natura e pixel. Vincitore di Cineasti del Presente a Locarno 2016.

No Sid! Non dare la colpa al cinema. I film non fanno nascere nuovi pazzi, li fanno solo diventare più creativi.

da "Scream" di Wes Craven.
pescatori-di-corpi-2016-michele-pennetta-recensione

Pescatori di corpi

Presentato tra i Cineasti del presente al Festival del Film Locarno, il primo lungometraggio di Michele Pennetta affronta il problema dei boat people del canale di Sicilia, un tema di drammatica attualità, con un approccio originale, indiretto, e con un linguaggio tra narrazione e documentario.
destruction-babies-2016-Tetsuya-Mariko-recensione

Destruction Babies

Presentato al Festival del Film Locarno nella sezione Cineasti del presente, Destruction Babies di Tetsuya Mariko è una storia di desolazione esistenziale, di vuoto assoluto delle nuove generazioni nipponiche che si esprime in una sequela interminabile di risse tra gang rivali.
L-era-glaciale-in-rotta-di-collisione-2016-Mike-Thurmeier-Galen-T-Chu-recensione

L’era glaciale – In rotta di collisione

Sempre fedele a se stessa, inevitabilmente invecchiata nel contesto della moderna animazione, la saga targata Blue Sky arriva con L’era glaciale - In rotta di collisione ad un quinto episodio stanco ed evanescente.
Mohenjo-Daro-2016-Ashutosh-Gowariker-recensione

Mohenjo Daro

Film di chiusura in Piazza Grande a Locarno, Mohenjo Daro è il nuovo kolossal epico bollywoodiano di Ashutosh Gowariker, l'autore di Lagaan: Once Upon a Time in India.
Godless-2016-Ralitza-Petrova-recensione

Godless

Pardo d'oro a Locarno 2016, Godless racconta di uno sprofondamento agli inferi dell'abiezione, di una realtà di sopravvivenza al di là di ogni morale nella Bulgaria attuale. Un film che annega nel compiacimento e nell'ostentazione della degradazione.