The Alphabet

The Alphabet

di

Quando porta a termine The Alphabet David Lynch ha solo ventidue anni. Ne viene fuori un bizzarro oggetto d’avanguardia, che gioca con la fiaba nera.

Come i lettori più attenti dello spazio che Quinlan dedica ai cortometraggi potranno confermare, non è la prima volta che su queste pagine virtuali ci si sofferma sulle opere di David Lynch, autore tra i più magmatici e apparentemente inafferrabili dell’intero panorama mondiale. Un lavoro come The Alphabet, portato a termine quando il cineasta aveva appena ventidue anni, permette di comprendere in pieno l’evoluzione autoriale a cui è andato incontro nel corso degli anni l’apparato visionario di Lynch; sua opera seconda, dopo il misconosciuto, Six Figures Getting Sick del 1966, The Alphabet è un’immersione senza bombola d’ossigeno in un universo incubale, angoscioso e malato dal quale non sembra esservi alcuna via d’uscita. L’idea, partorita dalla mente dell’allora moglie di Lynch (Peggy Reavey, anche protagonista nelle parti in live action), nasce non a caso da un sogno oscuro vissuto in prima persona una notte dalla stessa Reavey.

Sfruttando tutte le armi (non convenzionali) del cinema d’avanguardia, Lynch lavora con l’animazione in stop-motion, con il patchwork fotografico, elementi che torneranno preponderanti nel bellissimo mediometraggio The Grandmother (1970) per essere poi progressivamente abbandonati, per scartare verso una messa in scena della paranoia e del tangibile/intangibile densa di realtà. The Alphabet è un prodotto strano, inusuale persino per i fans incalliti del regista di Missoula: lo è per il suo incipit pressoché indecifrabile, per quell’animazione sporca e vagamente terracea, per l’improvvisa deflagrazione orrorifica. Un oggetto da maneggiare con cura, senza dubbio, ma di fronte al quale si corre il forte rischio di rimanere eternamente affascinati. Perché se c’è un regista che ha capito cos’è, nel suo significato più profondo, la paura, quello è proprio David Lynch. Buona visione.

Immagine anteprima YouTube
Info
Il sito di David Lynch.
  • the-alphabet-david-lynch-01.jpg
  • the-alphabet-david-lynch-02.jpg
  • the-alphabet-david-lynch-03.jpg
  • the-alphabet-david-lynch-04.jpg

Articoli correlati

  • Blu-ray

    Strade perdute

    di In blu-ray per la Koch Media una tra le creature meno comprese e amate partorite dalla mente di David Lynch. Un'occasione per riscoprire un gioiello degli anni Novanta.
  • DVD

    Eraserhead

    di L'esordio al lungometraggio di David Lynch, oggetto di culto per milioni di cinefili, torna in dvd grazie alla RaroVideo.
  • Archivio

    INLAND EMPIRE

    di L'ennesimo capolavoro partorito dalla mente di David Lynch. Un viaggio nel sogno/incubo del cinema, senza via d'uscita alcuna.
  • Documentari

    David Lynch: The Art Life

    di , , Tre registi hanno seguito David Lynch, riprendendolo al lavoro e ascoltando le narrazioni sulla sua vita, negli anni che anticiparono Eraserhead. Tra i documentari di Venezia Classici.
  • Saggi

    David Lynch, un alchimista intrappolato nel sogno

    Il cinema di David Lynch, fra le esperienza autoriali più ammalianti e stratificate degli ultimi trent'anni, si muove nella sottile linea di demarcazione che divide l'avanguardia dal popolare.
  • Saggi

    David Lynch. L’incubo industriale e la serialità

    All’elemento industriale, anima dello stridore e del disturbo, si affianca la fascinazione di Lynch per la serialità: l’atmosfera lynchiana, più volte celebrata all’alba del nuovo millennio, si fonda sulla reiterazione di oggetti e luoghi.
  • Saggi

    David Lynch. La memoria americana

    David Lynch trasporta sul grande e sul piccolo schermo un cinema dell’inesprimibile che prende corpo nell’ovvietà delle situazioni, passaggio onirico che non interpreta un ruolo antitetico alla realtà.
  • Saggi

    Un cerchio che si chiude: Lynch e Moebius

    La ciclicità insita nella figura geometrica detta Nastro di Moebius permette di cogliere la centralità di un'opera come Lost Highway, spesso considerata minore dalla maggior parte della critica e di fatto non compresa.
  • Saggi

    Il sogno in Lynch. Una fine?

    Giungere alla fine di un viaggio, per quanto breve, episodico e incompleto, non è possibile quando si affronta il cinema di David Lynch. Un cinema alla perenne ricerca della (con)fusione tra realtà e parentesi onirica.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks

    di , , , , , , , , , , , , , In attesa che venga trasmessa la terza stagione, Twin Peaks rimane una delle più clamorose demitizzazioni dell'idea stessa di serialità televisiva...
  • Cult

    Fuoco cammina con me

    di Fuoco cammina con me, braccio estendibile di Twin Peaks, è il film con cui si apre in maniera ufficiale l'incomprensione tra David Lynch e parte del pubblico e degli addetti ai lavori. Una limpida dichiarazione di poetica visionaria.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 3 & 4

    di Il blocco che contiene terzo e quarto episodio di Twin peaks inizia con una dichiarazione d'intenti autoriale di David Lynch, un flusso onirico d'immagini che sfonda la norma e ne restituisce una forma inedita; ma è anche l'ingresso nel racconto...
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 5

    di Il quinto episodio di Twin Peaks, il primo a essere mandato in onda “spaiato”, palesa uno dei tratti essenziali di questa come della serie "originale": la scrittura di Mark Frost, anello di congiunzione tra l'immaginario di David Lynch e le necessità televisive.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 6

    di Il sesto episodio di Twin Peaks marca il confine 'affettivo' del cinema di David Lynch, con l'apparizione di alcuni attori-feticcio del regista, da Laura Dern a Harry Dean Stanton, fino a Balthazar Getty. Prosegue intanto il viaggio nel corpo-non-corpo di Dougie Jones.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 7

    di Tutti a Twin Peaks iniziano a 'ricordare', come se stessero uscendo dallo stesso coma in cui piombò (così si dice) Audrey Horne, uno dei personaggi che ancora tardano a ritornare in scena. Intanto il Cooper "cattivo" ritrova la libertà...
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 8

    di Tra non-morte e imitazione della vita l'ottavo episodio di Twin Peaks si lancia nella messa in scena della genesi del male nel Ventesimo Secolo. David Lynch firma uno schizzo sperimentale di poco meno di un'ora, oltrepassando qualsiasi confine del piccolo schermo.
  • Cult

    Cuore selvaggio

    di Nel bel mezzo della lavorazione di Twin Peaks David Lynch estrae dal cappello Cuore selvaggio, traendolo da un romanzo di Barry Gifford. Un'opera deflagrante, sudata, umorale e priva di freni inibitori, che scava in profondità nelle ossessioni del regista.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 9

    di Twin Peaks torna dopo la pausa per i festeggiamenti del 4 luglio e dopo l'episodio numero otto, che ha sconvolto la prassi seriale proponendo una discesa negli abissi della visione, fino all'origine dello sguardo, e del male.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 10

    di Mentre Janey-E Jones (ri)scopre le qualità virili del marito Dougie, il male si aggira per le strade di Twin Peaks, veicolato dall'incontrollabile Richard Horne. Un continuo campo-controcampo tra tragedia e farsa, tra orrore e commedia.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 11

    di I figli ripetono gli errori dei genitori, incapaci di interrompere una linea continua, la tensione verso l'oscuro che attira anche Gordon Cole, in quel vortice di orrore e mistero che tutto sovrasta e avvolge. David Lynch, le sue ossessioni e le sue memorie.
  • Altrevisioni

    Twin Peaks – Ep. 12

    di Tutti gli spettatori aspettano la svolta decisiva alle indagini dell'FBI e della polizia di Twin Peaks, ma Lynch e Frost vanno fuori pista per raccontare l'intimo dolore dei propri personaggi, e la ricerca di una tenerezza forse impossbile.
  • Altrevisioni

    Twin Peaks – Ep. 13

    di James Hurley suona la canzone che scrisse per Laura e Donna al Roadhouse; nei suoi occhi c'è ancora la Twin Peaks di quando era un ragazzo, la stessa che si riflette negli occhi di Shelley Johnson, e nell'isteria di Audrey Horne. Non c'è rifugio neanche a casa.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 14

    di Siamo come il sognatore, che sogna e poi vive dentro al suo sogno. Ma chi è il sognatore? Twin Peaks prosegue verso la sua inevitabile fine, sempre che questo termine abbia un reale senso, e lo fa attraversando un episodio che è visione del nucleo.
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 15

    di L'addio alla 'Log Lady' si consuma in uno dei passaggi più intensi e commoventi di una serie che, tra un'immersione nell'incubo e l'altra, continua a rappresentare un continuo colpo al cuore; c'è anche l'addio a Bowie, ma fuori campo e "fuori voce".
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 16

    di Con una capacità unica di fondere lo studio dell'immagine allo sviluppo narrativo, David Lynch e Mark Frost hanno fatto tornare in vita una creatura mitica senza in nessun modo idolatrarla o oltraggiarla; un risveglio che è lo stesso dell'agente Cooper...
  • AltreVisioni

    Twin Peaks – Ep. 17 & 18

    di Tutto prima o poi deve finire (forse...); è così anche per la nuova serie di Twin Peaks, che saluta il suo esiguo ma appassionato pubblico con due ore scisse in due parti, dove l'una smentisce l'altra e allo stesso tempo la fortifica. Un capolavoro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento