For Love’s Sake

For Love’s Sake

di

Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love’s Sake è l’ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.

Per amore, solo per amore

Le alpi giapponesi innevate. I genitori della piccola Ai la lasciano sciare da sola per la prima volta. La bambina viene salvata da un grave incidente da un ragazzino, Makoto, che riceve in dono dall’atto eroico una cicatrice sulla fronte. Una ferita che in qualche modo segna un patto di sangue non dichiarato. Undici anni più tardi, nei meandri della metropolitana di Shinjuku, la liceale Ai assiste a uno scontro tra gang rivali. Un ragazzo che non ha mai visto prima sbaraglia da solo tutti gli avversari; ha una cicatrice sulla fronte… [sinossi]

La breve sinossi che anticipa questa recensione non ha più peso del proverbiale sasso nello stagno per quel che concerne l’economia generale di For Love’s Sake, settantunesimo lungometraggio che Takashi Miike ha diretto in ventuno anni di carriera (al novero vanno poi aggiunti cortometraggi, videoclip, lavori televisivi e chi più ne ha più ne metta): l’inarrestabile e geniale cineasta nipponico, dopo aver presentato lo scorso gennaio al Festival di Rotterdam Ace Attorney, basato su un noto videogioco della Capcom, ha già pronto Aku no kyoten, che potrebbe approdare in Italia alla prima edizione del festival di Roma sotto l’egida di Marco Müller.

Ma queste sono speculazioni del tutto prive di fondamento, per cui appare più opportuno tornare a concentrare l’attenzione su For Love’s Sake, presentato tra le visioni di mezzanotte della sessantacinquesima edizione del Festival di Cannes, in compagnia di Dracula 3D di Dario Argento e Maniac di Frank Khalfoun. Una collocazione che rende già sufficientemente palese l’incomprensione generale alla quale è destinato questo strano parto creativo: se nelle séances de minuit dovrebbero trovare riparo i prodotti di puro genere, dall’approccio popolare, in grado di trovare un pubblico di cultori e appassionati, For Love’s Sake si muove in direzione decisamente opposta. Non che il film sia animato da uno spirito elitario, ma il fatto è che la gragnola di generi, ispirazioni, attitudini e bruschi cambi di prospettiva rischia di abbattersi su un pubblico disabituato a tanta libertà formale senza che questo faccia il benché minimo sforzo per attutire lo scontro. Una dimostrazione la si è avuta proprio alla proiezione notturna nel Grand Théâtre Lumière: gran parte del pubblico, accorso in sala soprattutto per togliersi lo sfizio di poter assistere a un evento ufficiale del festival, si è defilato alla chetichella ben prima del termine del film. Una reazione che non rende ovviamente merito al valore intrinseco dell’opera, ma porta alla luce nel migliore dei modi uno dei più gravi fraintendimenti critici degli ultimi anni: il cinema di Miike, spesso considerato semplice espressione delle tensioni più umorali, è in realtà un universo stratificato, colto, mai prono nell’accettazione della prassi o di una visione condivisa.

Esemplificativo da questo punto di vista il modo in cui viene affrontata dal regista di Ichi the Killer la storia d’amore sui generis tra Ai e Makoto (e non a caso il titolo e originale della pellicola è Ai to Makoto, letteralmente “Ai e Makoto”): un incipit d’animazione a cui fanno seguito plurime battaglie tra adolescenti a colpi di pugni, calci, mazze e quant’altro, intermezzi musical con balletti deliranti, squarci strappacuori di purissimo melò e una messa in scena del Giappone contemporaneo che non risparmia nessuno, pur con uno sguardo teneramente empatico. Chiunque abbia una certa dimestichezza con la poliedrica arte di Miike non potrà evitarsi un doveroso raffronto tra For Love’s Sake e The Happiness of the Katakuris, capolavoro del 2001 che a sua volta dava spazio al musical e alla stop motion, muovendosi però per il resto nel territorio dell’horror e del grottesco: a distanza di più di dieci anni da quel gioiello Miike dimostra di avere ancora voglia di mettersi in gioco, sfondando le porte del nonsense e traducendo in macchina/cinema anche tutti quegli elementi che difficilmente troverebbero collocazione nei lavori dei suoi colleghi, a Tokyo come nel resto del mondo.

Sempre in bilico tra commedia – il primo intervento canoro di Hiroshi, innamorato non ricambiato di Ai, spiazza a tal punto da costringere a una risata irrefrenabile –, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love’s Sake non dimentica il percorso autoriale di Miike, con evidenti riallacci al dittico dedicato alle gang giovanili di Crows Zero. Ma il vero tratto distintivo dell’opera si rintraccia nella struggente riflessione sull’amore: incompreso, smentito, segreto, frustrato, ma sempre elemento essenziale per considerarsi vivi, scopo primo e ultimo dell’esistenza. In questo senso For Love’s Sake dimostra di avere più di un punto di contatto con il clamoroso e monumentale Love Exposure, capolavoro di Sion Sono. Takashi Miike firma l’ennesimo segmento travolgente della sua carriera: un film che avrebbe meritato di poter concorrere per la Palma d’Oro.

INFO
La scheda di For Love’s Sake sul sito ufficiale del Festival di Cannes.
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-01.jpg
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-02.jpg
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-03.jpg
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-04.jpg
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-05.jpg
  • for-love-s-sake-2012-takashi-miike-06.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Festival di Cannes 2012 – Bilancio

    Conclusa l'edizione 2012, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno.
  • Festival

    Cannes 2012

    Finita la 65a edizione, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno. La Palma d'oro a Haneke era scritta nelle stelle...
  • Festival

    Cannes 2012 – Tutto il Festival minuto per minuto

    Aggiornamenti, prime impressioni, folgorazioni, delusioni e news dalla sessantacinquesima edizione del Festival di Cannes.
  • AltreVisioni

    Love Exposure

    di Lo strabordante capolavoro di Sion Sono, tra le opere cinematografiche più devastanti degli ultimi anni.
  • Roma 2014

    As the Gods Will

    di Il nuovo film di Takashi Miike, tratto da un manga di successo, è l'ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • Roma 2013

    The Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    Hara-kiri: Death of a Samurai

    di Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull'iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.
  • Archivio

    13 Assassini

    di Tra i pochi film di Takashi Miike in grado di sfondare il muro di silenzio distributivo italiano, 13 assassini è anche uno dei suoi capolavori recenti. A Venezia 2010.
  • Blu-ray

    13 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • Archivio

    Yattaman – Il film

    di Takashi Miike firma per il grande schermo la versione live action di Yattaman, celeberrimo anime televisivo degli anni Settanta.
  • Rotterdam 2015

    Over Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Cannes 2015

    Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Torino 2015

    Tag

    di Il percorso autoriale di Sion Sono, anno dopo anno, sembra somigliare sempre più a quello di Takashi Miike. E Tag è un film perfettamente “miikiano”, folle, convulso, a tratti confusionario per eccessiva affabulazione. Ma diverso da tutto.
  • Streaming

    Shinjuku Triad Society

    di In streaming sul nostro sito grazie all'accordo con VVVVID.it, il primo capitolo della cosiddetta "Black Society Trilogy", che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.
  • Cannes 2016

    Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • Rotterdam 2017

    The Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento