La danza della realtà

La danza della realtà

di

Alejandro Jodorowsky torna a dirigere un film dopo oltre venti anni, e lancia come d’abitudine un guanto di sfida alla placidità borghese. La danza della realtà è un’autobiografia surreale, sarcastica e dolorosa, presentata a maggio a Cannes e recuperata dal TFF.

Questa è la mia vita

Per il piccolo Alejandro, l’unico mezzo per sfuggire alla difficile realtà che lo circonda è l’immaginazione. Nato da una famiglia d’immigrati russi di religione ebraica a Tocopilla, nel bel mezzo del deserto cileno, si trova schiacciato tra la rigida educazione impartitagli dai genitori e l’ostilità dei suoi coetanei, che vedono in lui, troppo diverso da loro, un estraneo. I suoi alleati in questa lotta quotidiana? La letteratura, il cinema, la filosofia. [sinossi]

All’interno di quel testo bizzarro, al contempo effimero e fondamentale, che è Psicomagia. Una terapia panica (pubblicato nel 1997), Alejandro Jodorowsky si trova ad affermare che “Il mero fatto di ricordare un sogno equivale a organizzarlo”. In un altro punto del medesimo testo è invece possibile leggere “Posso affermare che la mia vita è in sintonia con i sogni più fantastici”. Al di là di tutte le speculazioni alle quali ci si può affidare per tentare di spiegare il silenzio cinematografico (nelle vesti di regista) cui Jodorowsky si è trincerato negli ultimi ventitré anni, le due frasi succitate permettono forse di cogliere con una certa precisione i fantasmi che hanno agitato e acque della mente del cineasta cileno al momento di tornare dietro la macchina da presa per dirigere La danza della realtà, ospitato nella selezione della Quinzaine des réalisateurs durante le giornate della sessantaseiesima edizione del Festival di Cannes e quindi riproposto dal Torino Film Festival all’interno della sezione non competitiva Festa Mobile.
La danza della realtà, settimo lungometraggio diretto da Jodorowsky in quarantacinque anni di carriera, rappresenta il definitivo ritorno a sé di un autore fieramente sperimentale, mai allineato – spesso neanche al proprio stesso pensiero –, ossessionato da una messa in scena in grado di debordare oltre gli argini del prevedibile, dell’ovvio, del già fruito. Non è facile approcciarsi a un film che, senza filtri di sorta, costringe lo spettatore a confrontarsi direttamente con la memoria storica del regista, scrittore, poeta, fumettista e psicomago: la storia narra infatti della sua infanzia a Tocopilla, capoluogo della regione di Antofagasta (nel nord del Cile). Figlio di un militante comunista, il piccolo Alejandro cresce nella sartoria di famiglia negli anni del governo fascistoide di Carlos Ibáñez del Campo. Questa, a voler rimanere fermi alla bieca sinossi, è La danza della realtà. Ma, come ampiamente previsto da chiunque abbia conoscenza del percorso artistico di Jodorowsky, il film  si trasforma da subito in un percorso onirico, in cui sogno e incubo sono due facce della medesima medaglia e si confondono l’uno nell’altro fino a perdere qualsiasi definizione reale, smarrendo i propri connotati.

Jodorowsky, presente anche in scena come io narrante e anziana memoria del “reale” (termine che nel cinema jodorowskyano assume sempre una valenza ambigua e fluttuante), infarcisce La danza de la realidad di dettagli che vanno dal grottesco al surreale, in un amplesso tra avanguardie storiche e dissacrante lettura del quotidiano che spariglia le carte in direzione di una nuova concezione di visione. Lo spettatore può così di volta in volta confrontarsi con una madre che comunica solo ed esclusivamente attraverso acuti da soprano, una agguerrita gang di disabili privi degli arti, un nano che sponsorizza la sartoria Ukrania, un concorso in cui si premiano il migliore e il peggiore vestito per cani, un’invasione di gabbiani sulla spiaggia, e chi più ne ha più ne metta. D’altro canto Jodorowsky non perde neanche l’occasione per promuovere la propria filosofia psicomagica: è così che prendono corpo sullo schermo, per esempio, sequenze come quella del colera guarito grazie all’urina della donna amata o quella in cui si rintraccia nelle foto date alle fiamme l’unico modo per ritrovare un rapporto equilibrato con il proprio ego.

Oggi come quarant’anni fa è fin troppo facile scagliarsi contro un’opera panica, disturbante e caotica come La danza della realtà: si tratta infatti di una forma di autodifesa borghese da tutto ciò che non è controllabile, circoscritto, denaturato. Tossico e delirante, il cinema di Jodorowsky racconta ancora oggi il blaterante ballo del potere e lo demitizza attraverso le armi del paradosso. Il ghigno disilluso e vagamente stanco che appare di quando in quando all’angolo della bocca di Jodorowsky racconta forse meglio di qualsiasi bombardamento visionario, l’esistenza artistica di un uomo che non ha mai accettato la prassi, pagandone spesso anche le conseguenze. La danza della realtà è un’opera stordente anche grazie alle proprie imperfezioni, piccole smagliature di cui si può curare solo chi deve adeguarsi a un programma: e di questo il regista de El Topo e La montagna sacra non si è mai dovuto preoccupare.

INFO
La danza della realtà sul sito della Pathé International.
La pagina facebook de La danza della realtà.
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-01.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-02.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-03.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-04.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-05.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-06.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-07.jpg
  • la-danza-della-realt---2013-alejandro-jodorowsky-08.jpg

Articoli correlati

  • Interviste

    Intervista Refn/Jodorowsky

    Dell'arte e della divinazione, tra questioni edipiche e passioni cinefile: di questo e di tanto altro hanno parlato Alejandro Jodorowsky e Nicolas Winding Refn, in occasione di un incontro con la stampa, a Roma, per presentare il doppio DVD refniano Drive/Solo Dio perdona.
  • Festival

    Torino 2013

    Ormai stanchi di polemiche che tornano in campo, anche quando sembravano sopite, polemiche che ruotano sempre intorno alla competizione tra la triade Venezia-Torino-Roma, finalmente ci si può concentrare sui film, con la 31esima edizione del TFF.
  • Interviste

    intervista-a-mauro-bonanni-seconda-parteIntervista a Mauro Bonanni – Seconda parte

    Ferreri, Jodorowsky e Claudio Caligari sono solo alcuni dei registi con cui, oltre a Orson Welles, ha lavorato Mauro Bonanni nel corso della sua lunga carriera da montatore. Ne abbiamo parlato con lui nella seconda parte dell’intervista che ci ha concesso, interpellandolo anche sul passaggio dal montaggio analogico a quello digitale.
  • Cannes 2016

    Poesia senza fine

    di Sincero, poetico (ovviamente) e toccante, Poesia senza fine è un’esperienza immersiva nella formazione dell’immaginario di Alejandro Jodorowsky, un viaggio dal quale anche lo spettatore, quando fa ritorno, non è più lo stesso. Alla Quinzaine.
  • Festival

    Locarno 2016

    Dal 3 al 13 agosto, la 69esima edizione del Locarno Film Festival, per la quarta volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Un'edizione dedicata a Michael Cimino e Abbas Kiarostami: tutti i nostri articoli.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento