Berlinale 2014 – Presentazione

Berlinale 2014 – Presentazione

Inizia oggi la Berlinale 2014, sessantaquattresima edizione della kermesse germanica. Un’edizione all’insegna della tradizione, tra grandi maestri e scoperte delle sezioni collaterali.

Alla Berlinale 2014 non fa freddo. È questa la prima, principale notizia che circola, come un virus informatico, tra gli accrediti stampa della kermesse tedesca: Berlino ha accolto il popolo cinefilo con una temperatura mite, primaverile (non fosse per le improvvise buriane ventose che fanno accapponare la pelle), e questa novità è stata accolta con una certa enfasi, in attesa che il festival prenda realmente corpo. Perché sarà finalmente la volta di Wes Anderson – a cui è toccata in sorte l’apertura con The Grand Budapest Hotel, che ospita uno dei cast più ricchi e sorprendenti visti in giro negli ultimi anni –, Lars Von Trier, Tsai Ming Liang, Richard Linklater, Alain Resnais e via discorrendo. Toccherà al cinema, come sempre, prendere il sopravvento su gossip, rumori di corridoio, speculazioni più o meno consapevoli e interessanti sul ruolo della settima arte nella contemporaneità. In questo senso un festival come Berlino, che segue da vicino un evento ancora poco riconosciuto dal microcosmo cinematografico italiano come Rotterdam, permette di aprire il fianco a una discussione sul rapporto tra i festival e le città in cui si sviluppano. Laddove realtà consolidate come Cannes e Venezia faticano e non poco a relazionarsi con il tessuto umano, sociale e politico che li circonda, la Berlinale spalanca da sempre le porte alla città: in un periodo storico in cui la cultura viene sovente abbandonata al proprio destino, una risorsa indispensabile per non essere messi da parte, relegati in un cantuccio ben poco confortevole. Berlino è la dimostrazione di come un festival cittadino non debba necessariamente scendere a compromessi con il proprio pubblico per riempire le sale.

E se American Hustle approda sulle sponde dello Sprea quando oramai ha già trovato distribuzione in tutto il mondo, e la conclusione affidata alla bella e la bestia versione Christophe Gans corre il rischio di far ansimare il festival proprio a pochi metri dal traguardo, universi sommersi come la selezione di Forum permettono di accontentare anche il più intransigente e schizzinoso dei cinefili. Si obietterà che il concorso non rappresenta il fulcro d’interesse della programmazione (per quanto presenti al suo interno titoli particolarmente attesi come il già citato Anderson, Aimer, boire et chanter di Alain Resnais, Boyhood di Richard Linklater – già applaudito al Sundance pochi giorni fa –, The Little House di Yoji Yamada, Blind Massage di Lou Ye), ma questo non può in fin dei conti che sottolineare l’eccellente lavoro di selezione che nella maggior parte dei casi caratterizza i palinsesti di Forum e Panorama. Cinema a trecentosessanta gradi che non si cura di fare distinzione di nazionalità, genere, estetica o poetica espressiva: da Hollywood all’estremo oriente, passando per il Vecchio Continente e persino per la derelitta Italia (Winspeare, Amelio e poco altro, a dimostrazione di come il nostro cinema stia perdendo sempre di più la bussola all’interno delle traiettorie cinematografiche mondiali), senza dimenticare l’America Latina. Il grande assente semmai dovrebbe essere considerato il cinema africano, presente a Berlino solo in Panorama Dokumente con Difret dell’etiope Zeresenay Berhane Mehari, ma questo discorso sarebbe da allargare alla maggior parte delle kermesse mondiali, che si limitano a snobbare ancora oggi la stragrande maggioranza delle produzioni provenienti dalle terre a sud dell’Europa.

In attesa di scoprire quali opere avranno maggiori chance di successo nella battaglia per la conquista dell’Orso d’Oro, e preparandoci a giornate di intense visioni nella zona di Potsdamerplatz, lasciamo che a concludere queste poche righe sia il sottofondo pulsante ma mai inutilmente rumoroso di una delle poche, vere, capitali europee, in grado di riflettere l’oggi ragionando sul domani e senza lasciar macerare il passato. Come il Cinema, dopotutto, arma del quotidiano che è futuro e passato nello stesso istante, senza essere realmente nessuno dei due…

Info
Il sito ufficiale della Berlinale

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2014

    La sessantaquattresima edizione del Festival di Berlino, dal 6 al 16 febbraio 2014. Le nostre recensioni tra i film in concorso, fuori concorso, nelle sezioni Forum, Panorama, Generation…
  • Archivio

    The Monuments Men recensioneMonuments Men

    di Alla sua quinta regia, George Clooney firma un romanzone bellico polifonico inneggiante al coraggio degli uomini e al valore dell'arte, con qualche sermone di troppo.
  • Berlinale 2014

    Kumiko, the Treasure Hunter

    di Il ritorno dei fratelli Zellner, con la storia tra il drammatico e il grottesco di una trentenne giapponese alla ricerca di un tesoro, e della propria vita.
  • Berlinale 2014

    Shadow Days

    di Zhao Dayong racconta in Shadow Days la Cina rurale, immobile nel tempo e ancora preda di superstizioni, in un film che sfiora in più di un’occasione il ridicolo involontario.
  • Berlinale 2014

    Two Men in Town RecensioneTwo Men in Town

    di In concorso alla sessantaquattresima edizione della Berlinale, Two Men in Town sembra quasi accontentarsi dell'idea di fondo, di un canovaccio comunque trito e ritrito, e di un cast sulla carta più che interessante.
  • Berlinale 2014

    Loulou, l’incroyable secret

    di Presentato alla Berlinale, il film di Omond è l’ennesimo piccolo miracolo creativo della francese Prima Linea Productions.
  • Berlinale 2014

    Jack

    di Il ritratto di un bambino alla disperata ricerca della propria madre, in una Berlino accogliente e desolata, umana e fredda. In concorso alla Berlinale 2014.
  • FEFF 2014

    The Midnight After

    di Il genio anarcoide di Fruit Chan si mette al servizio di una storia a metà tra horror e fantascienza, dimostrando una volta di più la sua salvifica follia. Al Far East di Udine.
  • Archivio

    '71 Recensione’71

    di A tredici anni dall’esordio al lungometraggio, Yann Demange torna dietro la macchina da presa per raccontare un giorno di ordinaria follia a Belfast.
  • Berlinale 2014

    Beloved Sisters

    di Dominik Graf racconta il triangolo amoroso che legò sul finire del Settecento il poeta Friedrich Schiller a due sorelle, Caroline e Charlotte. In concorso alla Berlinale 2014.
  • In Sala

    Kreuzweg – Le stazioni della fede

    di La grottesca e dolorosa vicenda di un’adolescente cresciuta seguendo i dettami del cattolicesimo tradizionalista. In concorso alla Berlinale 2014.
  • Firenze 2014

    Last Hijack

    di , Il documentario di Tommy Pallotta e Femke Wolting, che mescola anche elementi di finzione e segmenti animati, non riesce però a convincere. Nella sezione Panorama alla Berlinale 2014 e al Festival dei Popoli di Firenze.
  • Berlinale 2014

    Aimer, boire et chanter

    di Alain Resnais mette in scena con la consueta classe una pièce di Alan Ayckbourn, illuminando la Berlinale 2014, dove è in corsa per l’Orso d’Oro.
  • Berlinale 2014

    Journey to the West RecensioneJourney to the West

    di Dopo aver annunciato il suo addio al cinema, Tsai Ming-liang regala al pubblico della Berlinale un diamante puro da conservare nella memoria. Nella sezione Panorama.
  • Berlinale 2014

    The Second Game

    di In The Second Game Corneliu Porumboiu rivede insieme al padre, all’epoca arbitro di serie A, il sentito derby Steaua-Dinamo del 1988, con il padre del regista in campo con la giacchetta nera. Nella sezione Forum alla Berlinale 2014.
  • Archivio

    Yves Saint Laurent RecensioneYves Saint Laurent

    di Il biopic, firmato dall’attore Jalil Lespert per rendere omaggio al celebre stilista francese, ha aperto ufficialmente la sezione Panorama alla Berlinale.
  • In Sala

    Güeros

    di L’esordio alla regia del regista teatrale messicano Alonso Ruizpalacios, presentato nella sezione Panorama alla Berlinale 2014 e nelle sale italiane a più di due anni di distanza. Un’opera prima che non lascia indifferenti.
  • Archivio

    Boyhood RecensioneBoyhood

    di Il cinema di Richard Linklater tocca uno dei suoi vertici artistici. Un coming-of-age tenero e illuminante, la visione più esaltante della Berlinale 2014, finalmente anche nelle sale italiane.
  • Berlinale 2014

    Berlinale 2014 – Bilancio

    La sessantaquattresima edizione della Berlinale si è divisa tra un pugno di opere destinate a rimanere incastonate nella memoria e un resto della selezione dispersivo e poco convincente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento