Il posto delle fragole

Il posto delle fragole

di

Terzo titolo proposto dalla rassegna Bergman 100, organizzata al Palazzo delle Esposizioni da CSC-Cineteca Nazionale e La farfalla sul mirino, Il posto delle fragole è una delle pellicole più note del cineasta scandinavo, un road movie catartico e intriso di rimpianti per una giovinezza e una felicità oramai lontanissime, per una vita che sta inevitabilmente volgendo al termine. Il viaggio esistenziale del professor Isak Borg (un commovente Victor Sjöström), così intrinsecamente rivolto al passato, rivela ancora oggi una inscalfibile vitalità narrativa ed estetica.

Dissolvenze

L’anziano e illustre professor Isak Borg viene insignito di un prestigioso riconoscimento accademico e dovrà recarsi a Lund per ritirarlo. La festosa giornata inizia però con un incubo: Borg sogna di trovarsi da solo in una città sconosciuta, con orologi privi di lancette, un uomo che cade a terra afflosciandosi su se stesso, un carro funebre che sbatte contro un lampione e un cadavere col volto identico al suo. Al risveglio, dopo aver chiesto la colazione alla governante, decide di non affrontare il viaggio in aereo bensì in automobile: lo accompagnerà la nuora Marianne… [sinossi]
Lei non è altro che un vecchio egoista.
Non ha riguardo per nessuno e in vita sua non ha ascoltato che se stesso.
Si cela dietro una maschera, un paravento di bonarietà e di modi molto raffinati,
ma è solo un perfetto egoista.
Marianne – Il posto delle fragole
Forgiai una personalità esteriore che aveva ben poco a che fare con il mio vero io.
Non riuscendo a tenere separate la mia maschera e la mia persona,
ne risentii il danno fin nella vita e nella creatività dell’età adulta.
Ingmar Bergman – Lanterna magica

Le note di Erik Nordgren anticipano il tono drammatico che affiora timidamente nella presentazione dell’anziano professore Isak Borg. Un incipit sussurrato, eppure a suo modo implacabile, una calamita emotiva. Una vita raccontata in due minuti, con l’affabulazione della voce del protagonista – con gli annessi e connessi emotivi suscitati dal monumentale interprete, Victor Sjöström, uno dei pilastri del cinema svedese e maestro di Bergman. I titoli di testa arrivano dopo una dissolvenza in nero e Il posto delle fragole (ri)comincia con un incubo. Con una maschera che inizia a incrinarsi.

Il sogno, l’incubo. Le lancette mancanti, il tempo che continua comunque a scorrere. Il tempo implacabile, come la Morte che raggiunge il professore, lo agguanta. Il simbolismo bergmaniano è affascinante, volutamente semplice, intelligibile. Così come il lungo battibecco con la governante, burbera e amorevole, o gli sguardi distolti e le parole non dette nel breve dialogo tra Borg e la nuora Marianne (Ingrid Thulin). Poi la partenza, il road movie racchiuso in una lunga e decisiva giornata, le parole che si fanno taglienti. Macigni, verità: «…e per questo mi rispetta», «sì, certo. Ma la odia, anche…». Isak Borg è un «egoista che si cela dietro una maschera di bonarietà e modi raffinati», è uno dei possibili Bergman, come lo potrebbe essere il figlio Evald (Gunnar Björnstrand).

Dissolvenze incrociate. Quattro piccole ellissi ci accompagnano dolcemente verso la macchina del tempo congegnata da Bergman. Il road movie s’interrompe, lascia il posto ai ricordi del professore, ai fantasmi, a una dimensione onirica, quasi fantastica. La giovinezza, la villeggiatura, il posto delle fragole. «Fino all’età di vent’anni venivo a villeggiare qui, eravamo dieci figli tra fratelli e sorelle». Altre dissolvenze, una dietro l’altra. Il Tempo regala al professore frammenti di quello che è stato, di quello che poteva essere, i riflessi di una vita senza maschera. Il Tempo inclemente e la paura della morte tornano in un altro riflesso, in uno specchio, nel volto anziano di Borg. Dissolvenze e figure ricorrenti. Il posto delle fragole è un film straziante, immenso nel suo minimalismo, nell’immancabile rigore bergmaniano.

In questo viaggio da Stoccolma a Lund che scoperchia amarezze e rancori, le uniche parole gentili rivolte a Borg, ma di stima professionale, arrivano dal benzinaio (Max von Sydow), mentre il mosaico ricomposto tassello dopo tassello attraverso i confronti con gli altri personaggi, persino con la madre (Naima Wifstrand), ci restituisce un ritratto diverso, una vita sentimentale gettata al vento, arida. Il viaggio serve anche a questo, a rendere visibile il solco scavato da Borg nei suoi settantotto anni. Ma la fine del viaggio ha un’altra meta, quella redenzione che permette di gettare la maschera e di farla gettare anche a Evald. Ancora Vita e Morte; il confronto infinito tra fede e ateismo nell’acceso dialogo tra i due amici di Sara (Bibi Andersson); quella redenzione che aveva trovato anche il cavaliere Antonius Block ne Il settimo sigillo.

Io sono il simbolo della vita che continua.
Desidero tanto questo bambino.
Impazzirò se non si sbriga a crescere.
Stina – Alle soglie della vita

Nel paragrafo Paesaggio d’autore e il paesaggio come «stimmung» del corposo saggio Il cinema e le arti visive, Costa parte da alcuni punti fermi – Bergman, Kurosawa, Ford – per individuare e riassumere il ruolo del paesaggio nel cinema d’autore e di genere: «un particolare sentimento del paesaggio può costituire uno degli elementi essenziali di un universo figurativo» [1]. Stimmung. L’eterno ritorno al posto delle fragole. La disposizione dell’animo e il rapporto simbiotico, intimo, vitale e doloroso col paesaggio, fonte primaria dei ricordi, di questo viaggio nel tempo che ha una fine già scritta (la morte di Isak, sempre più vicina) e un possibile nuovo inizio (il ravvedimento di Evald, così ostinatamente uguale al padre).
Il biennio 1957-58 è il più fertile e produttivo per Bergman: Bakomfilm Smultronstället, Il settimo sigillo, Herr Sleeman kommer e Il posto delle fragole, realizzati nel 1957; Venetianskan, Alle soglie della vita, Rabies e Il volto, usciti l’anno successivo, tra grande e piccolo schermo [2]. La pioggia di premi, il successo internazionale, una nuova fase della carriera. I fili rossi che percorrono l’intera filmografia del cineasta di Uppsala attraversano anche questo biennio e sono lampanti nel dittico della consacrazione critica e festivaliera Il settimo sigillo & Il posto delle fragole, ma anche nel meno noto Alle soglie della vita ritroviamo quella circolarità che permea la filosofia bergmaniana, il susseguirsi e quasi sovrapporsi della Vita e della Morte. Ritroviamo nelle parole e nella tenacia di Stina («io sono il simbolo della vita che continua») la forza d’animo di Marianne, il suo restare avvinghiata a un figlio non voluto e a un marito sempre più distante. La vita e la morte si sfiorano, arrivano persino a scambiarsi i ruoli in Alle soglie della vita, con Stina che perde il bambino, mentre Hjordis partorisce, rinunciando all’aborto. Slittamenti non dissimili da Il posto delle fragole, col ravvedimento di Evald e il suo nuovo inizio, il (possibile) passo in avanti rispetto al padre. Isak, Marianne, Evald e l’eterno ritorno al posto delle fragole, a quella stimmung che sgorga direttamente dall’esperienza personale di Bergman, dai suoi conflitti, dalle sue circolarità. In questa messa in scena di un’adolescenza oramai lontana, persa per sempre, si rispecchia il percorso umano e intellettuale di un artista che ha continuato ad analizzare se stesso, a proiettarsi sullo schermo, a utilizzare la lanterna magica come specchio rivelatore.

Who can forget such images?
Woody Allen.
Note
1. Antonio Costa, Il cinema e le arti visive, Einaudi, Torino 2002.
2. Senza contare l’intensa attività teatrale. In questi due anni, Bergman mise in scena Peer Gynt di Ibsen, Il misantropo di Molière, Gente di Värmland di Dahlgren e Urfaust di Goethe.
Info
Il trailer de Il posto delle fragole.
L’edizione blu-ray e dvd Criterion de Il posto delle fragole.
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-01.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-02.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-03.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-04.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-05.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-06.jpeg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-07.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-08.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-09.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-10.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-11.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-12.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-13.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-14.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-15.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-16.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-17.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-18.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-19.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-20.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-21.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-22.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-23.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-24.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-25.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-26.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-27.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-28.jpg
  • Il-posto-delle-fragole-Smultronstallet-1957-Ingmar-Bergman-29.jpg

Articoli correlati

  • Bergman 100

    Monica e il desiderio RecensioneMonica e il desiderio

    di Tra i titoli della prima parte della filmografia di Ingman Bergman, Monica e il desiderio si segnala come il più moderno, già pienamente intriso dei tratti distintivi della poetica dell'autore svedese: la nostalgia della memoria, il desiderio inappagabile, l'illusione della felicità solo nella fuga dalla stratificazione sociale.
  • Bergman 100

    Il settimo sigillo RecensioneIl settimo sigillo

    di Titolo di apertura della rassegna Bergman 100, Il settimo sigillo mantiene inalterata la sua ossimorica levità, mostrandosi anche oggi, a sessant'anni di distanza, una straordinaria allegoria della vita e della morte, dell'esistenza umana, della fede...
  • Rassegne

    Bergman 100Bergman 100

    Nel centenario della nascita la rassegna Bergman 100 omaggia il cinema del maestro svedese con una selezione dei suoi film più celebri, rigorosamente proiettati in 35mm. Al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal 18 gennaio al 4 marzo.
  • Bergman 100

    Persona

    di Titolo ineludibile della filmografia di Ingmar Bergman, Persona aggredisce con ricercata essenzialità nella messa in scena i temi più frequentati dal regista: la metamorfica molteplicità della psiche, la menzogna che si cela in ogni identità sociale e in ogni identità che non fa i conti con la propria “ombra”.
  • Bergman 100

    Conversazioni private

    di Su sceneggiatura di Ingmar Bergman, Conversazioni private di Liv Ullmann s'ispira alle vicende dei genitori del Maestro svedese per comporre un'ulteriore riflessione su sacro, individuo, morale e coscienza. Al Palazzo delle Esposizioni per la rassegna Bergman 100.
  • Bergman 100

    Crisi

    di Opera prima su commissione, Crisi di Ingmar Bergman rivela un universo espressivo già fortemente personale, che fin dal primo film scava a fondo nelle ambiguità psicologiche dei suoi personaggi, alla ricerca di una (impossibile) idea d'amore libero e necessario per l'altro.
  • Bergman 100

    Fanny e Alexander RecensioneFanny e Alexander

    di Fanny e Alexander sono i piccoli protagonisti del fluviale racconto televisivo che Ingmar Bergman dedicò alla famiglia Ekdahl, liberi teatranti a Uppsala nella Svezia di inizio Novecento. Un'opera che racchiude forse la summa del pensiero bergmaniano sulla memoria, il tempo, e la vita.
  • Bergman 100

    Un’estate d’amore

    di Tra i lavori giovanili di Ingmar Bergman Un'estate d'amore è uno di quelli in cui con maggior forza sembrano emergere i tratti distintivi della poetica del regista, dalla metafora dell'estate come istante di giovinezza fino al concetto della perdita della fede, e dunque anche dell'amore.
  • Bergman 100

    La fontana della vergine

    di Parabola sacra e fiaba pagana, opera di altissimo rigore espressivo, La fontana della vergine di Ingmar Bergman si delinea come una presa di coscienza del travaglio tra Fede e dubbio, poco prima del "silenzio di Dio". Oscar per il miglior film straniero.
  • Bergman 100

    Sussurri e grida RecensioneSussurri e grida

    di Non esiste più il dubbio, né il silenzio di Dio, né la patetica parola dell'uomo, ma solo il rantolo di fronte alla morte che incombe: Sussurri e grida è tra gli approdi più estremi della filmografia di Ingmar Bergman.
  • Bergman 100

    Il carretto fantasma RecensioneIl carretto fantasma

    di Folgorazione giovanile di Ingmar Bergman, Il carretto fantasma è fra i capolavori più celebrati di Victor Sjöström, che già nel 1921 incastonava in un perfetto connubio visivo di naturalismo ed espressionismo la sua parabola morale di rimorsi, pentimento, perdono, redenzione e resurrezione.
  • Bergman 100

    Sorrisi di una notte d'estate RecensioneSorrisi di una notte d’estate

    di Raffinata opera che suggellò il successo internazionale di Ingmar Bergman, Sorrisi di una notte d'estate è un'agrodolce «commedia romantica» di marca elisabettiana che, nei suoi intrighi amorosi, innesta alcune fra le ossessioni più care all'autore.
  • Bergman 100

    Il silenzio RecensioneIl silenzio

    di Film scandalo nel '63, censurato in Italia, Il silenzio appare oggi, nella sua carnalità di messa in scena e nel contemporaneo scacco del linguaggio verbale, un fondamentale film di passaggio da una fase all'altra della filmografia di Ingmar Bergman.
  • Bergman 100

    La notte RecensioneLa notte

    di Sesso, arte e denaro. In La notte, Michelangelo Antonioni presenta la sua lucida analisi di tre fondamentali problemi borghesi. Senza offrire soluzioni, tanto non ce ne sono. Un film amato da Ingmar Bergman e per questo inserito nella rassegna Bergman 100, organizzata da CSC-Cineteca Nazionale e La farfalla sul mirino. Al Palazzo delle Esposizioni.
  • Bergman 100

    La leggenda di Gösta Berling RecensioneLa leggenda di Gösta Berling

    di Il finlandese di origine polacca Mauritz Stiller, tra i nomi più lucenti della ricca cinematografia svedese di inizio Novecento, è oramai dimenticato. Con lui rischia l'oblio anche La leggenda di Gösta Berling, il suo capolavoro della maturità, che segna la prima apparizione di rilievo sullo schermo per Greta Garbo.
  • Bergman 100

    Come in uno specchio RecensioneCome in uno specchio

    di Primo capitolo della cosiddetta trilogia del silenzio di Dio, Come in uno specchio rappresentò anche il primo deciso passo verso un sempre più complesso studio della luce naturale e verso un asciugamento degli orpelli estetici, per approdare al tipico dramma da camera bergmaniano.
  • Bergman 100

    La prigione RecensioneLa prigione

    di Primo lavoro di Bergman basato su una sceneggiatura originale, pensato appositamente per il grande schermo, La prigione anticipa molti dei temi successivi del cineasta, esplicitando la tensione morale e spirituale (ma anche l’approccio intimamente pessimista) del suo cinema.
  • Bergman 100

    Luci d'inverno RecensioneLuci d’inverno

    di Secondo e più esplicito capitolo della Trilogia del silenzio di Dio, Luci d'inverno scava con ineguagliabile profondità nelle crisi della Fede e nei tormenti dell'uomo, delineando la personale parabola di Passione di un pastore/padre non più in grado di offrire conforto nemmeno a se stesso.
  • Bergman 100

    Il volto RecensioneIl volto

    di Tra verità e menzogna, maschera e smascheramento, scienza e fede, teatro e vita, Il volto - girato da Ingmar Bergman nell'estate del 1958 - costruisce il ritratto del cinema quale perfetto meccanismo illusionistico.
  • Bergman 100

    Dopo la prova RecensioneDopo la prova

    di Tra le ultime opere di Bergman, Dopo la prova è un film televisivo finito al cinema contro il volere del regista. Un momento introspettivo per il grande regista, un bilancio e un primo epitaffio di una vita dedicata al cinema e al teatro.
  • Cannes 2018

    Bergman - A Year in a Life RecensioneBergman – A Year in a Life

    di La svedese Jane Magnusson dedica un documentario al suo celeberrimo connazionale: Bergman - A Year in a Life, presentato in Cannes Classics. Lo fa però in maniera confusa e poco centrata abbandonando troppo presto la chiave di lettura che si era scelta, vale a dire raccontare il 1957, anno de Il settimo sigillo e di Il posto delle fragole.
  • Bologna 2018

    Ciò non accadrebbe qui RecensioneCiò non accadrebbe qui

    di Titolo rimosso dalla cosmogonia cinematografica di Ingmar Bergman, Ciò non accadrebbe qui, girato nel 1950, riesce a mettere in scena - pur nelle sue grossolanità ideologiche - un convincente thriller dal sapore hitchcockiano, al cui centro vi è la figura di una donna sposata a una spia comunista. Al Cinema ritrovato 2018.
  • Giornate 2018

    The Price of Beatrayal RecensioneThe Price of Betrayal

    di Creduto per lunghissimo tempo perduto, miracolosamente ritrovato in Svizzera e straordinariamente restaurato con piena filologia dal CNC, il dramma morale di The Price of Betrayal restituisce finalmente un altro tassello straordinario della filmografia di Victor Sjöström. Alle Giornate del Cinema Muto 2018.
  • Trieste 2019

    The Interpreter RecensioneThe Interpreter

    di Diretto dal regista slovacco Martin Šulík, The Interpreter si misura nella difficile impresa di riuscire a far incontrare, comunicare e familiarizzare il figlio di vittime dello sterminio nazista con il figlio di uno dei carnefici. Nel concorso lungometraggi al Trieste Film Festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento