Gilda
A distanza di quasi ottant'anni, l'entrata in scena di Rita Hayworth, i suoi numeri musicali e i vestiti creati per lei da Jean Louis mantengono il loro fascino magnetico, ricordandoci ancora una volta che l'industria dei sogni concede alle sue stelle più splendenti l'immortalità e l'eterna giovinezza... Leggi tutto
Ghostbusters – Minaccia glaciale
Tornano gli Acchiappafantasmi in Ghostbusters - Minaccia glaciale, con Jason Reitman che passa il testimone alla regia al sodale in fase di scrittura Gil Kenan. Ne viene fuori un film ondivago, forse troppo poco interessato al lato ectoplasmatico della vicenda. Leggi tutto
Foglie d’autunno
Robert Aldrich affronta con Foglie d'autunno alcuni dei temi classici del melodramma, a partire dal passato burrascoso che riemerge per mettere in crisi lo status quo faticosamente raggiunto, ma poi dirazza alla sua maniera muovendosi anche in direzione del thriller paranoide. Leggi tutto
Picnic
Melodramma addolcito rispetto a opere coeve, Picnic affonda a piene mani tra le crepe del confronto generazionale e sociale. Attorno a uno smagliante William Holden gravita un microcosmo femminile reso magnificamente da Kim Novak, Susan Strasberg, Betty Field e Verna Felton. Leggi tutto
Da qui all’eternità
A solo un anno di distanza da Mezzogiorno di fuoco Fred Zinnemann torna a riflettere sull'inanità della violenza e delle istituzioni tramutando in immagini il romanzo Da qui all'eternità, in cui James Jones descriveva alcune delle esperienze vissute in prima persona durante la Seconda guerra mondiale. Leggi tutto
Il ginocchio di Claire
Quinta e particolarmente felice declinazione dei Sei racconti morali, Il ginocchio di Claire (1970) segna quello che è forse il gioiello più luminoso nella prima fase di carriera di Éric Rohmer, manifesto esemplare di tutto il suo cinema. Leggi tutto
Madame Web
Quarta tappa del cosiddetto Sony's Spider-Man Universe, Madame Web recupera in corsa uno dei personaggi più bizzarri dell'universo collaterale di Spider-Man, quello di una Cassandra Webb qui alle sue origini, insieme alle tre future donne ragno ancora adolescenti. Leggi tutto
Tutti tranne te
Dopo essersi dedicato al film musicale con Annie e al dittico dedicato a Peter Rabbit il regista statunitense Will Gluck torna con Tutti tranne te al genere che più di ogni altro pare essere nelle sue corde, la commedia romantica in odor di “screwball”, basata sul battibecco amoroso (e non) tra i personaggi. Leggi tutto