Fuocoammare

Fuocoammare

di

Ci sono due mondi in Fuocoammare di Gianfranco Rosi, quello arcaico (e ottuso) degli abitanti di Lampedusa, e quello dei migranti in fuga sul Mediterraneo e destinati alla catastrofe.

L’occhio pigro

Samuele ha 12 anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia. Gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola. Ma non è un’isola come le altre, è Lampedusa, approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libertà. Samuele e i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi… [sinossi]

Tutto è ancora fermo al giugno del 1961, quando sul numero 120 dei Cahiers du cinéma Jacques Rivette scriveva: “Guardate, in Kapò, l’inquadratura in cui Emmanuelle Riva si suicida, gettandosi sul filo spinato ad alta tensione: l’uomo che decide, a questo punto, di fare un carrello in avanti per inquadrare il cadavere dal basso verso l’alto, avendo cura di porre la mano alzata esattamente in un angolo dell’inquadratura, ebbene quest’uomo merita solo il più profondo disprezzo”. L’uomo in questione era Gillo Pontecorvo, principale destinatario di un articolo dal titolo inequivocabile: Dell’abiezione. Sono trascorsi quasi cinquantacinque anni, ma il punto della questione non si è spostato di molto, come dimostrano le reazioni a Fuocoammare, nuovo lungometraggio documentario che Gianfranco Rosi ha portato in concorso alla sessantaseiesima edizione della Berlinale. Se in Germania il film sembra essere stato accolto con grande interesse, e a pochi giorni dalla conclusione del festival continua a essere considerato uno dei vincitori più accreditati dell’Orso d’Oro, in Italia ci si è divisi da subito in due fazioni: da un lato coloro che vedono nell’operazione di Rosi una scelta coraggiosa, estrema ma doverosa, dall’altro i detrattori, che attaccano Fuocoammare per gli stessi motivi che spinsero Rivette a disprezzare Kapò. Alla stessa stregua di quella querelle, anche l’agitazione attorno al lavoro di Rosi riguarda un’unica inquadratura, centrale però nello sviluppo e nel senso che vuole acquistare il film.
Dopo aver mostrato in ogni suo dettaglio le difficili operazioni di salvataggio di un barcone carico di disperati in fuga dalla Libia da parte delle autorità italiane, Rosi entra con la videocamera nel barcone, oramai vuoto di persone vive ma ancora pieno dei cadaveri di coloro che non ce l’hanno fatta. La morte, nella società dell’ipervisione, è un tabù. Vedere la morte non è etico. Sempre Rivette scriveva: “Ci sono cose che non devono essere affrontate che nel timore e nel brivido, e la morte è una di queste”.

Il punto della questione, una volta di più, non è però il cosa può essere mostrato, ma il come. Chi si è interrogato, anche con termini forti, sulla sequenza del barcone di Fuocoammare, nella maggior parte dei casi non ha rigettato in sé l’idea che quei corpi ammassati senza vita potessero diventare oggetto dello sguardo di Rosi; il problema viene a crearsi quando ci si accorge che quell’inquadratura è studiata, con il quadro cinematografico che prende il sopravvento sull’attimo, sull’istante. Si suppone dunque che vi sia un calcolo estetico, che la morte reale diventi in ogni caso elemento di studio per l’immaginario. C’è però un punto su cui in pochi si sono soffermati: quell’inquadratura, centrale come si è scritto per la messa a fuoco del film, acquista nella sua postura un potere sacrale. Il corpo martoriato di uomini e donne, il corpo anonimo, è il centro. Un corpo che spesso durante i servizi dei telegiornali non viene mostrato, per non turbare la suscettibilità degli spettatori. C’è una lunga sepoltura illacrimata, nel corso di questi anni, con il Mediterraneo a fungere da immensa tomba; i numeri rimbalzano da un media all’altro, parlando di migliaia e migliaia di morti, ma le immagini principalmente diffuse sono quelle dei “fortunati” che hanno oltrepassato il guado, finendo nei centri di accoglienza. I numeri impressionano, ma restano numeri; nello sfondare la parete dello sguardo censurato Rosi mostra cosa “significano” quelle cifre, in un’operazione non poi così dissimile dalle cineprese che per prime ripresero l’apertura dei campi di sterminio nazisti.

Di tutto questo ne è ben consapevole Rosi, che resiste al desiderio di concentrare l’attenzione su una o più storie dei migranti: tolta la breve parentesi di una preghiera/racconto di profughi nigeriani (segmento in cui la retorica deborda in maniera poco convincente), questi restano poco più che fantasmi, figure spettrali che nel tragitto in mare hanno perso ogni specificità, e vengono mostrate solo come popolo, massa. Un mondo in viaggio che si scontra, senza mai incontrarsi, con quello degli isolani di Lampedusa; questi ultimi vivono in modo quasi arcaico, ancorati a una vita che non sembra più appartenere alla società contemporanea.
In questa dicotomia tra lampedusani e migranti, nel viaggio infernale che sta compiendo Fuocoammare trova il suo Virgilio in Samuele, un dodicenne che non si trova molto a suo agio sul mare e si appassiona solo alla sua fionda; è nel suo occhio pigro – che il ragazzo deve combattere portando una benda – che si nasconde la verità di Rosi. Il mondo occidentale, così abituato a guardare, si è dimenticato come si fa a osservare; posa con pigrizia il suo occhio sull’universo circostante, dandolo sempre per scontato ed evitando di soffermarsi su ciò che non procura piacere. L’ansia che attanaglia Samuele togliendogli di quando in quando il respiro è l’ultimo singulto di un’esistenza che non vorrebbe farsi omologare al senso comune. Come il dottore che non riesce ad abituarsi alle atrocità con cui ha a che fare all’approdo di ogni nuovo barcone; ma anche con l’occhio pesto, sanguinante, di un migrante scioccato, che non ha neanche la forza per parlare e serra le labbra, racchiudendo il dolore. Nella sua ricerca di uno sfogo di fronte a qualcosa che non si può accettare e che deve essere mostrato, Rosi non può che essere anche impotente, perdendo volutamente per strada alcune narrazioni ipotetiche – il pescatore subacqueo. Restano le fucilate metà gioco metà desiderio di Samuele, contro il cielo, su un pontile che dovrà abituarlo a farsi lo stomaco. Impresa a volte impossibile.

Info
Il trailer di Fuocoammare.
  • fuocoammare-2016-gianfranco-rosi-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2016

    La sessantaseiesima edizione della magmatica kermesse berlinese: l'apertura con i fratelli Coen, i film del concorso, di Forum, di Panorama, di Generation, le splendide sale e la città, la fiumana di gente...
  • Festival

    Berlinale-2016Berlinale 2016 – Presentazione

    Al via la Berlinale 2016. La consueta immersione in una fiumana di film, sezioni, retrospettive. La 66a edizione della magmatica kermesse berlinese apre con Hail, Caesar! dei fratelli Coen: nell'ottica festivaliera, un mix perfetto di cinefilia e glamour.
  • Conferenza stampa

    In viaggio sul G.R.A.

    La conferenza stampa di Sacro GRA, il nuovo film di Gianfranco Rosi che ha trionfato alla settantesima edizione della Mostra del Cinema di Venezia.
  • Venezia 2013

    Sacro GRA

    di Gianfranco Rosi conquista il Leone d'Oro a Venezia con il suo nuovo documentario, un viaggio nell'umanità romana che vive a ridosso del Grande Raccordo Anulare.
  • In sala

    Human

    di Human è un lavoro estremamente ambizioso, spiazzante per il contrasto tra il rigore delle interviste frontali e l’astrazione delle riprese aeree; un’opera non sempre equilibrata, ma di cui non si possono non cogliere sincerità e urgenza espressiva.
  • Festival

    Bif&st 2016

    Otto giorni di anteprime internazionali, esordi italiani, mostre, convegni e omaggi, tra cui quelli a Ettore Scola, Marcello Mastroianni e Cecilia Mangini: è di scena a Bari dal 2 al 9 aprile il Bif&st 2016.
  • Bellaria 2016

    Intervista a Jacopo Quadri

    Intervistare Jacopo Quadri a proposito del suo lavoro come montatore significa fare un viaggio in quasi un trentennio di cinema italiano. Lo abbiamo incontrato all'ultima edizione del Bellaria Film Festival, dove è stato presidente di giuria e ha ricevuto il Premio Casa Rossa alla carriera.
  • Biografilm 2016

    Intervista a Hussain Currimbhoy

    Programmatore dal 2014 per il Sundance Film Festival nell’ambito del cinema documentario e in precedenza direttore di programmazione dello Sheffield Doc/Fest, Hussain Currimbhoy è stato presidente di giuria dell'edizione 2016 del Biografilm. Lo abbiamo intervistato in questa occasione.
  • Locarno 2016

    Pescatori di corpi

    di Presentato tra i Cineasti del presente al Festival del Film Locarno, il primo lungometraggio di Michele Pennetta affronta il problema dei boat people del canale di Sicilia, un tema di drammatica attualità, con un approccio originale, indiretto, e con un linguaggio tra narrazione e documentario.
  • Trieste 2017

    La natura delle cose

    di Vincitore del Premio Corso Salani alla 28esima edizione del Trieste Film Festival, La natura delle cose è il racconto rigoroso, mai patetico, e anzi filosofico, dell'esistenza di un uomo malato di SLA.
  • Archivio

    I Am Not Your Negro RecensioneI Am Not Your Negro

    di Distribuito in occasione della giornata internazionale contro il razzismo, I Am Not Your Negro è un’opera preziosa, che da un progetto risalente ad oltre un trentennio fa allarga il suo sguardo per trattare, senza retorica, le contraddizioni e i nodi irrisolti dell’America attuale.
  • Venezia 2017

    Human Flow

    di Presentato in concorso a Venezia, Human Flow dell’artista cinese Ai Weiwei è un viaggio nel mondo dei migranti, dei boat people, dei campi profughi.
  • AltreVisioni

    El Sicario - Room 164 RecensioneEl Sicario – Room 164

    di Un documentario di ottanta minuti sulla vita di un killer. Il protagonista ha ucciso centinaia di persone, è esperto in torture e rapimenti, ha lavorato per molti anni come comandante della polizia statale del Chihuahua ed è stato perfino addestrato dall’FBI...
  • Archivio

    Terraferma RecensioneTerraferma

    di Terzo capitolo di un’ideale trilogia isolana (che compone insieme a Respiro, 2002, e Nuovomondo, 2006), il quarto lungometraggio di Emanuele Crialese è anche il primo titolo della sua filmografia a connotarsi di un aspetto decisamente politico. In concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2011.
  • In sala

    Iuventa RecensioneIuventa

    di Girato senza facili cedimenti alla retorica e costruito con uno sguardo dal sapore wisemaniano, Iuventa di Michele Cinque mette in scena la storia dell'equipaggio della nave dedita al salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, almeno finché un assurdo sequestro nell'agosto del 2017 da parte della procura di Trapani non ha interrotto forzatamente queste azioni umanitarie.
  • In sala

    La libertà non deve morire in mare RecensioneLa libertà non deve morire in mare

    di Realizzato tra il 2016 e il 2017, drammaticamente superato dagli eventi, La libertà non deve morire in mare resta un documento importante, mirato a dare tridimensionalità al dramma dei migranti attraverso il linguaggio dell’immediatezza.
  • Roma 2018

    Fahrenheit 11/9 RecensioneFahrenheit 11/9

    di Con Fahrenheit 11/9, presentato alla Festa del Cinema di Roma, Michael Moore realizza un generoso ma confuso atto d'accusa nei confronti dell'America ai tempi di Trump, non risparmiando nessuno - da Obama alla Clinton - per la situazione in cui si trovano oggi gli Stati Uniti.
  • Venezia 2019

    Intervista a Mehdi M. BarsaouiIntervista a Mehdi M. Barsaoui

    Mehdi M. Barsaoui ha esordito al lungometraggio con Bik Eneich – Un fils, in cui mette in scena le contraddizioni della società tunisina nella delicata fase di passaggio successiva alla primavera araba. Abbiamo incontrato Mehdi M. Barsaoui a Venezia, dove il film è stato presentato nella sezione Orizzonti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento