Festival di Cannes 2016 – Presentazione

Festival di Cannes 2016 – Presentazione

Al via il Festival di Cannes 2016, dall’11 al 22 maggio, sessantanovesima edizione: l’apertura ufficiale con l’ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film… e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai, ma che prende sempre più velocità, lasciando il resto del mondo a debita distanza.

Guardi la Croisette e pensi a Venezia. Ti avvicini al Palais du Cinéma e si visualizza di fronte a te l’incancellabile immagine del cratere del Lido, grottesca metafora di parole, promesse, soldi buttati, progetti nati male e finiti peggio. Il Festival di Cannes 2016 continua ad allungare il passo, a sventolare in alto il vessillo dell’industria cinematografica francese, della cultura transalpina, di una nazione capace di investire, progettare, pensare in grande. Già, quella grandeur che spesso canzoniamo. Il cratere, ancora lui. Una voragine. Un abisso.

L’abisso. No, non sono soltanto i nomi in concorso o fuori concorso, sparsi tra Un Certain Regard o le Séances de Minuit, a sottolineare energicamente il distacco transalpino e il ritardo veneziano/italiano. Prima delle scelte artistiche (che spesso tanto artistiche non sono), c’è la struttura organizzativa, ci sono le infrastrutture, dal Palais alle singole sale, fino alla ampia ricettività della città. Ci sono negozi, ristoranti, vetrine di lusso, locali notturni, diurni, supermercati, giornalai e tutto quel che segue e che serve. Perché il Festival di Cannes 2016 non sarà fatto di sole visioni, residui di celluloide e immagini digitali, ma di infinite propaggini commerciali. E anche artistiche e culturali, perché il grande carrozzone serve anche a questo: la brillante Quinzaine des Réalisateurs, a questo giro dai riflessi tricolori (Fai bei sogni di Marco Bellocchio, La pazza gioia di Paolo Virzì, Fiore di Claudio Giovannesi); la Semaine de la Critique tutta da scoprire; la programmazione alternativa di Acid (Association du Cinéma Indépendant pour sa Diffusion). E poi il Mercato, un universo parallelo densissimo, costellato di proiezioni, incontri, produttori, distributori, film commission, cataloghi, locandine: un brulicare di film in cerca di collocazione, dai festival grandi o piccoli fino al circuito home video. Stupefacente il numero di lungometraggi horror e d’animazione che non rivedremo mai più…

Il Festival di Cannes 2016 è una macchina apparentemente perfetta, scossa però dal timore degli attentati. La sicurezza ha stretto le maglie. Staremo a vedere. Perché vedere, in fin dei conti, è l’unica cosa che possiamo fare: divorare con gli occhi le pellicole più attese, e ancor di più quelle inattese. I nomi si rincorrono edizione dopo edizione, perché Cannes non ama rischiare, ma ama dannatamente il glamour che la stessa Croisette crea, nutre, amplifica e glorifica. Ed ecco, allora, i vari Almodóvar (Julieta), Assayas (Personal Shopper), Jean-Pierre e Luc Dardenne (The Unknown Girl), l’enfant prodige Xavier Dolan (Juste la fin du monde), Jarmusch (Paterson), Ken Loach (I, Daniel Blake), Park Chan-Wook (The Handmaiden), Sean Penn (The Last Face), l’attesissimo Nicolas Winding Refn (The Neon Demon). Ed è solo una parte del Concorso, tinto inevitabilmente di tricolore transalpino: dieci pellicole su ventuno sono prodotte o coprodotte dalla Francia. Se lo possono permettere. E il pensiero torna al cratere, alla voragine, all’abisso.

Tra l’11 e il 22 maggio perderemo molti film, perché Cannes non è a misura d’uomo. Cannes deve essere e restare irraggiungibile – è la sua forza, è il suo limite. Cercheremo di non perdere La Tortue Rouge di Michael Dubok de Wit, After the Storm di Hirokazu Kore-Eda, Il GGG – Il grande gigante gentile di Steven Spielberg, Gimme Danger di Jim Jarmusch, Bu-san-haeng di Yeon Sang-ho, Hissein Habré, une tragédie tchadienne di Mahamat-Saleh Haroun, La mort de Louis XIV di Albert Serra, Le Cancre di Paul Vecchiali, Neruda di Pablo Larraín, Dog Eat Dog di Paul Schrader, Two Lovers and a Bear di Kim Nguyen… e molto molto altro. Tanto. Troppo?

Info
Festival di Cannes 2016, il sito ufficiale.
Il concorso del Festival di Cannes 2016.
  • Festival-di-Cannes-2016-poster.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Cannes 2016

    La Quinzaine des réalisateurs 2016

    Pablo Larraín, Anurag Kashyap, Paul Schrader, Marco Bellocchio: come sempre la Quinzaine des réalisateurs si conferma sulla carta come uno degli indispensabili polmoni verdi della Croisette.
  • Cannes 2016

    Svelata la selezione di Cannes 2016

    Il secondo festival dell'era-Lescure conferma la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.
  • Cannes 2016

    Il pozzo e il pendolo

    di La presenza del film di Roger Corman all'interno di Cannes Classics permette di riscoprire uno dei grandi classici del cinema del terrore.
  • Cannes 2016

    I racconti della luna pallida d’agosto

    di Cannes Classics riscopre uno dei massimi capolavori del cinema giapponese e mondiale, e l'opera forse più conosciuta di Kenji Mizoguchi.
  • Festival

    Cannes-2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Cannes 2016

    Café SocietyCafé Society

    di Leggiadro, ironico, romantico, nostalgico. Il nuovo film di Woody Allen apre ufficialmente la 69a edizione del Festival di Cannes. Un’apertura glamour, da copertina, col riflesso della Hollywood d’antan e le bellezze di oggi Kristen Stewart e Blake Lively.
  • Cannes 2016

    Farrebique

    di A settant'anni dalla prima assegnazione di un premio FIPRESCI, Cannes Classics omaggia il primo trionfatore. Farrebique di Georges Rouquier è un rarissimo esempio di come documentario e finzione siano due categorie del tutto superflue.
  • Cannes 2016

    I tempi felici verranno presto

    di L'opera seconda di Alessandro Comodin conferma la poetica del giovane autore, lontano dalla prassi e alla ricerca di una propria dimensione del racconto, che fonde umano e natura. Ma stavolta il meccanismo si fa più artefatto, depauperando il potenziale metaforico del film.
  • Cannes 2016

    L’ultima spiaggia

    di , Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan firmano un documentario bizzarro e diseguale, con molti spunti di riflessione ma al quale forse gioverebbe una sforbiciata...
  • In sala

    Neruda

    di Pablo Larraín si conferma uno dei più grandi registi in attività, trasformando un biopic sul poeta e senatore Neruda in una riflessione sul potere, sull'arte, sulla scrittura della vita propria e altrui. Alla Quinzaine des réalisateurs 2016.
  • Cannes 2016

    Ma Loute

    di Per scandalizzare la borghesia Bruno Dumont mette in scena una farsa sfrenata e delirante, dove la lotta di classe assume connotati paradossali grazie anche all'utilizzo sapiente di interpreti ben noti a certo cinema "borghese".
  • Cannes 2016

    Exil

    di Rithy Panh continua a elaborare il lutto personale e universale di una nazione, la Cambogia, che ancora soffre le ferite della dittatura di Pol Pot. A Cannes tra le séances spéciales.
  • Cannes 2016

    Poesia sin fin

    di Sincero, poetico (ovviamente) e toccante, Poesia sin fin è un’esperienza immersiva nella formazione dell’immaginario di Alejandro Jodorowsky, un viaggio dal quale anche lo spettatore, quando fa ritorno, non è più lo stesso. Alla Quinzaine.
  • Cannes 2016

    Tiempo de morir

    di Cannes Classics riporta alla luce l'esordio alla regia di Arturo Ripstein, con tanto di sceneggiatura di Gabriel García Márquez; un western che mina la classicità con una regia nervosa e la lettura psicologica dei personaggi.
  • In sala

    Il GGG – Il grande gigante gentile

    di Steven Spielberg adatta per il grande schermo il celebre romanzo di Roald Dahl, racchiudendo in un film per l'infanzia tutta la sua poetica, il suo immaginario e la sua umanità. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    Paterson

    di Jim Jarmusch porta in scena una volta di più la sua poetica, in cui lirismo e terracea quotidianità si fondono. Stavolta racconta la storia di Paterson, un autista di bus (e poeta) a Paterson, nel New Jersey...
  • In Sala

    Mal di pietre

    di Melodramma provenzale lacrimevole e incoerente, Mal di pietre di Nicole Garcia scivola verso il finale in colpi di scena risibili e trovate a tratti demenziali. In concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Le Voyage au Groenland

    di Sébastien Betbeder arricchisce la storia già accennata nel cortometraggio Inupiluk. In ACiD a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    La jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Cannes 2016

    Fiore

    di Fiore di Claudio Giovannesi, alla Quinzaine des réalisateurs a Cannes, è un racconto intimo e universale sulla prigionia, e l’impossibilità di trovare un proprio posto al mondo.
  • In sala

    Personal Shopper

    di Olivier Assayas porta in concorso a Cannes (e ora in sala) una ghost-story che è riflessione sul desiderio, sul proibito e sull'immateriale. Con una splendida Kristen Stewart.
  • Cannes 2016

    Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • Cannes 2016

    Julieta

    di In bilico tra melodramma e noir, Pedro Almodóvar racconta di un rapporto interrotto tra madre e figlia, ma appare troppo concentrato sui dettagli per dare forma compiuta al tutto. In concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    L’effetto acquatico

    di Tra personaggi bislacchi e situazioni assai originali, L'effetto acquatico procede agile e frizzante, grazie alla notevole leggerezza del tocco della regista Sólveig Anspach. Alla Quinzaine 2016.
  • Cannes 2016

    Aquarius

    di Kleber Mendonça Filho mette in scena la lotta di una donna per il diritto di continuare a vivere nell'appartamento in cui è cresciuta, e narra allo stesso tempo il Brasile degli ultimi trent'anni.
  • Cannes 2016

    Psycho Raman

    di Anurag Kashyap torna sulla Croisette per approfondire ulteriormente il discorso sul peccato e il crimine nella società indiana, dove tutto è meticciato e bene e male si specchiano l'uno nell'altro.
  • Cannes 2016

    Adieu Bonaparte

    di Film di attualità stringente, anche per le sue contraddizioni politiche, Adieu Bonaparte segnava nel 1985 l'atto d'inizio per Youssef Chahine delle co-produzioni tra Francia ed Egitto. Ripresentato a Cannes Classics in una eccellente versione restaurata.
  • Cannes 2016

    Le Cancre

    di A 86 anni per la prima volta Paul Vecchiali viene selezionato al Festival di Cannes. Le Cancre è l'occasione per incontrare di nuovo il suo cinema, boccata d'aria per cervello e cuore.
  • Cannes 2016

    La ragazza senza nome

    di , Troppo sicuri della giustezza della loro indagine etica, i Dardenne con La ragazza senza nome dimenticano di oliare i meccanismi del racconto e scivolano nella maniera di se stessi. In concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    È solo la fine del mondo

    di Il talento di Xavier Dolan non è in discussione, e si mette in mostra forse di più in un kammerspiel tutto giocato sui volti dei suoi protagonisti.
  • Cannes 2016

    La Mort de Louis XIV

    di Albert Serra porta a Cannes gli ultimi giorni di vita del Re Sole oramai agonizzante, smitizzando una volta di più il secolo dei lumi e raccontando la putrefazione del potere.
  • Cannes 2016

    The Transfiguration

    di L'esordio alla regia di Michael O'Shea è una rilettura non troppo originale del mito del vampiro, ambientato nel Queens, a New York. In Un certain regard.
  • In Sala

    Cane mangia cane

    di Paul Schrader confeziona un divertissement frenetico, un po' "gory" e ricco di humour nero, ma tra esplosioni scorsesiane e vaniloqui tarantiniani, la sua poetica appare un po' appannata. Alla Quinzaine 2016.
  • In sala

    Elle

    di La borghesia cattolica e il suo ineludibile sadomasochismo sono al centro di Elle di Paul Verhoeven, thriller-commedia spietata e spassosissima presentata in concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    Gimme Danger

    di Jim Jarmusch gira un documentario sull'amico Iggy Pop e gli Stooges. Peccato che Gimme Danger, a parte la verve del cantante, non abbia molto di interessante da offrire allo spettatore.
  • Cannes 2016

    Close Encounters with Vilmos Zsigmond

    di Documentario sin troppo classico sul maestro della fotografia Vilmos Zsigmond, il film di Pierre Filmon ha comunque il merito di ripercorrerne la carriera e di raccogliere le testimonianze di alcuni dei suoi colleghi della New Hollywood.
  • Festival

    Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2016

    L'Albo d'Oro del Festival di Cannes, dalla vittoria di Union Pacific di Cecil B. DeMille nel 1939 al trionfo di Ken Loach con I, Daniel Blake.
  • Festival

    I-Premi-di-Cannes-2016I premi di Cannes 2016

    Ultimo atto della sessantanovesima edizione del Festival di Cannes, con la Palma d'oro a Ken Loach per I, Daniel Blake, il Grand Prix a Juste la fin du monde di Xavier Dolan, la regia ex-aequo per Olivier Assayas e Cristian Mungiu.
  • Cannes 2016

    Valley of Peace

    di Cannes Classics ha omaggiato uno dei principali capolavori del cinema sloveno, Valley of Peace di France Štiglic.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento