Il capolavoro restaurato di Lang a Pordenone

Il capolavoro restaurato di Lang a Pordenone

Nel video realizzato dalle Giornate del Cinema Muto immagini da I Nibelunghi di Fritz Lang e interviste al restauratore del film e a alla pianista che ha curato l’accompagnamento musicale dal vivo della proiezione.

Vedere un capolavoro del cinema muto come I Nibelunghi di Fritz Lang in versione restaurata, in 35mm e con accompagnamento musicale dal vivo è una delle tante perle rare offerte dalle 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto. Inserito all’interno della sezione Il canone rivisitato, il film è stato restaurato dalla Fondazione Friedrich Wilhelm Murnau per un lavoro durato quattro anni, dal 2006 al 2010. Come ci ha raccontato il curatore della sezione e co-organizzatore delle Giornate del Cinema Muto Paolo Cherchi Usai nell’intervista che ci ha rilasciato in questi giorni (e che pubblicheremo a breve): “Questo restauro in particolare è speciale perché la tintura per imbibizione di questa copia è stata effettuata manualmente, cioè con il classico sistema a immersione. Quindi quella che è stata vista qui a Pordenone è una copia veramente unica e veramente speciale”.

Lang realizzò I Nibelunghi tra il 1922 e il 1924, durante il turbolento periodo storico della Repubblica di Weimar, anni che forse rappresentano – in una carriera peraltro ricchissima di capolavori – la fase artisticamente più felice del regista tedesco e che va dal ’22 della prima versione del Dottor Mabuse al ’33 della seconda versione sempre del Mabuse (Il testamento del Dottor Mabuse) e passa per pietre miliari come Metropolis (1927) e M – Il mostro di Dusseldorf (1931).

Nel video realizzato dalla Giornate del Cinema Muto si possono vedere alcune immagini da I Nibelunghi, corredate da interviste alla restauratrice del film, Anke Wilkening, e alla pianista Maud Nelissen che ha suonato la partita musicale di I Nibelunghi, al fianco di Frank Bockius (percussioni), Romano Todesco (contrabbasso e fisarmonica) e Elizabeth-Jane Baldry (arpa).

Immagine anteprima YouTube
Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto

Articoli correlati

  • Pordenone 2014

    I Nibelunghi

    di Quando ha davvero senso parlare di un “classico senza tempo”: il sincretismo lungimirante de I Nibelunghi di Fritz Lang, riproposti sul grande schermo, in 35mm, alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone.
  • Pordenone 2014

    Il Golgota serbo – Fuoco nei Balcani

    di La storia di come un film, passato nei decenni attraverso mille peripezie e numerose guerre, sia diventato - suo malgrado - un potentissimo racconto anti-militarista: è Il Golgota serbo, presentato alle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i gendaigeki

    Seconda parte del programma delle Giornate di Pordenone dedicato alle opere della collezione dell’Università Waseda, questa volta dedicata ai film di ambientazione contemporanea, i gendaigeki.
  • Pordenone 2014

    Chaplin e Keaton

    Alle Giornate del Cinema Muto la proiezione di The Immigrant di Charlie Chaplin e di The Boat di Buster Keaton ha permesso - anche per via di alcune similitudini tematiche e di gag - di intavolare un piccolo gioco di confronti tra i due film.
  • Pordenone 2014

    Mussolini hollywoodiano alle Giornate del Cinema Muto

    Quando Hollywood flirtava con il fascismo: nel video di oggi delle Giornate del Cinema Muto un estratto di The Eternal City del 1923, rivisitazione apologetica dell'ascesa al potere di Mussolini, che appare nella parte di se stesso.
  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i jidaigeki

    Il programma dedicato alle origini del cinema giapponese in cartellone alla 33esima edzione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2014

    Giornate del Cinema Muto: il Technicolor con Ben Hur

    Nel video dedicato al secondo giorno delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, alcune immagini del Ben Hur del 1926, uno dei primi kolossal in Technicolor.
  • Pordenone 2014

    Giornate del Cinema Muto: Barrymore e il Vitaphone

    La proiezione di apertura delle Giornate del Cinema Muto è stata When a Man Loves, con protagonista John Barrymore. Il video realizzato dal festival.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto 2014

    Dal 4 all'11 ottobre si tiene a Pordenone la 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto con un programma che, come al solito, propone straordinari recuperi del cinema del passato, tra inediti, restauri e (ri)scoperte. Le nostre recensioni, interviste e approfondimenti.
  • Venezia 2015

    Aleksandr Nevskij

    di Tra i restauri digitali di Venezia Classici c'è anche il capolavoro di Sergej Ejzenstejn, che ritorna a vivere sul grande schermo grazie alla Mosfil'm; l'occasione per godere di una delle visioni indispensabili della storia del cinema.
  • Pordenone 2015

    Intervista a Jay Weissberg

    Critico cinematografico per Variety, Jay Weissberg dal prossimo anno succederà a David Robinson alla direzione delle Giornate del Cinema Muto. Lo abbiamo intervistato per parlare con lui del modo in cui intende svolgere il suo incarico e delle sue passioni: Griffith, il cinema arabo e il 35mm.
  • DVD

    La confessione della signora Doyle

    di Melodramma sensuale e simbolico in ambiente proletario, La confessione della signora Doyle di Fritz Lang mostra tracce ben riconoscibili di coerenza autoriale. Protagonista una sempre straordinaria Barbara Stanwyck, e uno dei primi ruoli di rilievo per Marilyn Monroe. In dvd per Sinister e CG.
  • Locarno 2016

    La tigre di Eschnapur

    di Il primo capitolo del dittico tratto da un romanzo di Thea von Harbou, che si concluderà con "Il sepolcro indiano". Fritz Lang torna a lavorare in Germania appropriandosi del "popolare" ed esaltandone il senso, e la teoria. A Locarno 2016.
  • Locarno 2016

    Il sepolcro indiano

    di Con Il sepolcro indiano si conclude il dittico avventuroso iniziato da Fritz Lang con La tigre di Eschnapur. Un viaggio ipnotico nel meraviglioso, senza alcun timore. Nella retrospettiva dedicata da Locarno 2016 al cinema tedesco.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento