I Mille Occhi 2016 – Presentazione

I Mille Occhi 2016 – Presentazione

Si apre con il capolavoro di Carmelo Bene Nostra Signora dei Turchi, alla presenza della protagonista Lydia Mancinelli la quindicesima edizione del festival I Mille Occhi. L’evento è in collaborazione con CSC-Cineteca Nazionale che ne ha curato il restauro nella sua versione integrale. Dal 16 al 22 settembre, con anteprima a Roma il 13 e il 14, sette giorni d’intense visioni tra anteprime e riscoperte assolute, senza confini né limiti all’amore per le infinite forme del cinema, con tutte le proiezioni e gli incontri a ingresso libero.

Diretto e messo in scena da Sergio M. Grmek Germani, I Mille Occhi – Festival internazionale del cinema e delle arti festeggia quest’anno i suoi primi 15 anni, riaffermando l’inconfondibile poetica – critica e curatoriale – che ne ha contraddistinto tutte le precedenti edizioni: l’esplorazione libera e trasversale del cinema d’ogni tempo, senza apriorismi né discriminazioni geografiche, storiografiche, tematiche o di genere; il dialogo con le altre arti (teatro, letteratura, poesia, musica, arti visive…) in eclettici intrecci culturali che trovano origini e sponde nel cinema senza mai esaurirvisi; l’attenzione per i formati del cinema, ritenendo essenziale riproporre i film girati in pellicola nel loro formato originario e ricorrendo al digitale solo in caso di accertata irreperibilità delle copie; non ultima, la vocazione a esplorare i margini e le zone d’ombra del cinema, in modo particolare italiano, senza per questo abbandonare i grandi autori che non cessano di essere rivelatori della vera identità del festival come del cinema tutto (di ieri e di oggi). A partire da Roberto Rossellini, che con il suo controverso film biografico su Alcide De Gasperi dà il nome all’associazione che indice il festival e allo stesso Premio Anno Uno, il riconoscimento con il quale ogni anno I Mille Occhi omaggiano la grandezza di un cineasta contemporaneo, che con particolare forza emerge da un’ultima opera ancora troppo poco valorizzata dall’establishment festivaliero o dalla critica del nostro tempo.

Annunciato quest’oggi, il programma dell’edizione 2016 – dal 16 al 22 settembre al Teatro Miela di Trieste, con anteprima a Roma il 13 e 14 settembre, al Cinema Trevi – Cineteca Nazionale – prevede il premio a un regista vicino al festival triestino non solo geograficamente, lo sloveno Vlado Škafar, proponendone la personale completa, affiancandovi la mostra della pittrice e musa Joni Zakonjšek. L’omaggio al giovane cineasta, noto per essere anche il cofondatore della Cineteca Slovena e del festival Kino Otok di Izola, conferma l’interesse dei Mille Occhi per il cinema più vitale del cuore d’Europa: curato dalla drammaturga Mila Lazić, co-fondatrice del festival insieme a Sergio Germani, culminerà nella serata di chiusura con l’assegnazione del Premio Anno Uno per il suo ultimo film, la coproduzione italiana Mama, proiettato in anteprima nazionale.

A conferma del fatto che I Mille Occhi intendono smentire anche quest’anno “l’idea che solo il cinema appena realizzato sia rivolto all’oggi” (S. Germani), un’ampia parte del programma 2016, curata da Olaf Möller ad ampliamento della retrospettiva del festival di Locarno, si concentra sul tema più che mai urgente ed attuale dei migranti e degli esuli visto attraverso una selezione di film tedeschi dell’era Adenauer in significativo confronto con le attuali politiche dell’Europa comunitaria, proponendo film da riscoprire di autori come Harald Braun (Herz der Welt e Solange Du da Bist) e G.W. Pabst (A Modern Hero), e tornando con due ulteriori film sull’oscura grandezza di Frank Wysbar, a cui Möller aveva già dedicato una prima personale nella scorsa edizione del festival.

Con la consueta attenzione ai punti d’incontro tra distinte autorialità del cinema, vi saranno alcune anteprime di film che legano diverse generazioni di cineasti, artisti e presenze femminili: la storica ospite e collaboratrice del festival Jackie Raynal presenta i suoi due ritratti filmati del cineasta sperimentale Jonas Mekas, Notes on Jonas Mekas e Reminiscences of Jonas Mekas (realizzato su invito di André S. Labarthe per la serie Cinéastes de notre temps); mentre l’attrice icona di Walerian Borowczyk Marina Pierro sarà ospite del festival e al centro del suo trittico registico realizzato in collaborazione con il figlio pittore Alessio Pierro, proposto al festival da Cecilia Ermini: si tratta della serie di cortometraggi Floaters, In versi e Himorogi, i cui due primi tasselli video vengono presentati in anteprima assoluta in una versione appositamente rimontata per quest’edizione dei Mille Occhi.

Lo sconfinamento verso le altre arti continua e si approfondisce con gli omaggi a due grandi personalità letterarie del secondo ‘900, il friulano Siro Angeli e il palermitano Franco Scaldati, quest’ultimo in un ricordo curato da Fulvio Baglivi attraverso il cinema di Franco Maresco. Al primo dei due poeti, anche drammaturgo e sceneggiatore per il cinema, è dedicato l’evento speciale di presentazione del Fondo a lui intitolato e curato da Sergio M. Grmek Germani presso la Cineteca del Friuli, alla presenza di Omero Antonutti, Ermes Dorigo, Livio Jacob e Michele Zanetti, in ricordo del 40° anniversario del terremoto in Friuli e con un omaggio al giornalista e storico Guido Botteri, direttore della sede RAI del Friuli Venezia Giulia.
Se di opere che conversano con la figura di Angeli, si proporranno in particolare quattro titoli tra film, documentari e addirittura programmi radiofonici, del drammaturgo siciliano Franco Scaldati si vedrà un trittico di opere su di lui centrate e tutte realizzate dal grande Franco Maresco, regista Premio Anno Uno 2013, del quale saranno proiettati a Trieste il film biografico Gli uomini di questa città io non li conosco, presentato nel 2015 fuori concorso al festival di Venezia, il programma televisivo realizzato con Daniele Ciprì, e infine un montaggio inedito realizzato appositamente per I Mille Occhi, a partire da materiali inediti del lungometraggio di Maresco.

Il capolavoro muto di Elvira Giallanella Umanità sarà proiettato con accompagnamento musicale di Francesca Bergamasco alla voce e Alessandro Fogar al live electronics. In collaborazione con la Cineteca del Friuli anche per l’omaggio a Luca Comerio organizzato con Le Giornate del Cinema muto (e un prosieguo della già avviata rassegna sulla Grande Guerra, con il preziosissimo recupero del film televisivo Gli ultimi giorni dell’umanità di Luca Ronconi, da Karl Kraus), I Mille Occhi ribadiscono di voler ricordare i più grandi registi del cinema italiano anche dal primo giorno di proiezioni, con l’anteprima assoluta di un film di Mario Camerini che si riteneva perduto da decenni, Il documento (1939), ritrovato e restaurato dalla Cineteca del Friuli nella collezione del veneto Gian Maria Buffatti, presente alla proiezione con il figlio Michaël, il direttore della Cineteca Livio Jacob e la figlia del regista Manitta Camerini, da quest’anno entrata a far parte anche del direttivo del festival. A seguire, sempre durante la giornata inaugurale e a ricordare l’ultimo passaggio al cinema di quello stesso Ruggero Ruggeri che svetta dal cast dell’importante recupero cameriniano, si terrà un evento altrettanto speciale realizzato in collaborazione con CSC-Cineteca Nazionale, con la proiezione della versione integrale inedita del primo lungometraggio di Carmelo Bene Nostra Signora dei Turchi (1968), restaurata dalla stessa Cineteca (la quale, sempre in fatto di capolavori ritrovati, permetterà ai Mille Occhi di proporre anche la rara versione estesa di Paisà di Roberto Rossellini), in contemporanea nella stessa giornata alla videoproiezione del girato integrale del film, e proiettata all’attesissima presenza dell’attrice feticcio di Bene, Lydia Mancinelli.

Ma i percorsi dei Mille Occhi tra le infinite storie del cinema italiano non si fermano certo alle pietre miliari già conclamate: dal secondo appuntamento con I figli di nessuno del collezionista e collaboratore del festival Simone Starace, con rarissimi film italiani fortunosamente recuperati in pellicola dopo decenni d’oblio (tra i titoli più sorprendenti, Teheran, co-diretto dal triestino Giacomo Gentilomo e introdotto al festival dal critico e giornalista de Il giornale Maurizio Cabona) alla prima parte di un percorso di riscoperta pluriennale di cineasti veneti ingiustamente dimenticati da ogni storia del cinema, involontari propugnatori di un’idea di cinema “lontana da Roma” e oggi pienamente meritevoli di essere riscoperti e restituiti al nostro presente (dal rodigino Renato Dall’Ara, avventuroso ed emarginato cineasta degli anni ’60, al padovano Walter Santesso, noto solo come interprete del Paparazzo ne La dolce vita di Fellini eppure autore rigoroso di originali e personalissimi film per ragazzi).
In stretta relazione con la discussa centralità cinematografica di Roma, infine, nonché di ulteriore rimando allo stesso Carmelo Bene e ai fermenti non solo cinematografici del ’68, non sono da dimenticare le meraviglie scelte dalla collezione di pellicole dell’Officina Film Club, in una selezione di film curata dai suoi animatori Paolo Luciani e Cristina Torelli, con l’epocale film manifesto di quasi 4 ore Anna di Grifi e Sarchielli, l’apolide Claro di Glauber Rocha con Bene e il Tony Scott già filmografato con commozione da Franco Maresco, Ciao Renato! sul leggendario assessore alla cultura di Roma Renato Nicolini, e le due versioni italiano/francese di Bella di notte, suggestiva visita guidata da Luciano Emmer tra le bellezze di Villa Borghese.

Tutte le proiezioni e gli incontri sono a ingresso libero.

Info
Il sito del festival I Mille occhi.

Articoli correlati

  • I Mille Occhi 2015

    Intervista a Sergio M. Germani

    "Credo che il modo più giusto per realizzare un festival sia il fatto di essere disponibili ad accogliere delle cose che ti arrivano, che è anche il modo migliore - come ci insegna Rossellini - per fare il cinema". Abbiamo intervistato Sergio M. Germani, direttore del festival I Mille Occhi, la cui 14esima edizione si è chiusa lo scorso 23 settembre a Trieste.
  • I Mille Occhi 2015

    Abuna Messias

    di Si muove tra orientalismo e documentarismo, thriller geopolitico e western Abuna Messias di Goffredo Alessandrini, raro e importante esempio del cinema coloniale nostrano. Ai Mille Occhi 2015.
  • I Mille Occhi 2015

    Anna-und-ElizabethAnna und Elisabeth

    di Tra i percorsi più preziosi affrontati dalla 14esima edizione del festival Mille Occhi vi è senz'altro l'omaggio al dimenticato cineasta tedesco Frank Wisbar, autore nel 1933 con Anna und Elisabeth di una riflessione sulla sacralità, anticipatrice dell'Ordet dreyerano.
  • Festival

    I-Mille-Occhi-2015I Mille Occhi 2015

    La quattordicesima edizione della kermesse triestina, dal 18 al 23 settembre. Il festival prevede anche un’anteprima romana, alla Sala Trevi. In cartellone, tra gli altri, omaggi a Ermanno Olmi, Ciro Giorgini, Raffaele Andreassi e al cineasta tedesco Frank Wysbar.
  • Festival

    I Mille Occhi 2015 – Presentazione

    Si tiene a Trieste dal 18 al 23 settembre la quattordicesima edizione di I Mille Occhi - Festival internazionale del cinema e delle arti. Diretto da Sergio M. Germani, il festival prevede anche un'anteprima romana, alla Sala Trevi, in programma oggi - 15 settembre - e domani. In cartellone, tra gli altri, omaggi a Ermanno Olmi, Ciro Giorgini, Raffaele Andreassi e al cineasta tedesco Frank Wysbar.
  • Venezia 2015

    Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati

    di A un anno da Belluscone, Franco Maresco torna al Lido con un film di nero pessimismo che si costruisce come un nuovo elogio della sconfitta: Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati, dedicato al poeta, drammaturgo, regista e attore palermitano scomparso poco più di due anni fa.
  • DVD

    Nostra signora dei turchi

    di In dvd per Rarovideo e Mustang Entertainment il primo film di Carmelo Bene in versione restaurata. Un ricco cofanetto da edizione critica con due dischi e un libro. Tra i vari contributi, il cortometraggio Hermitage e una lunga intervista di Bene con Sandro Veronesi.
  • I Mille Occhi 2016

    Carmelo Bene e il Camerini ritrovato

    Si è aperta ieri sera la 15esima edizione di I Mille Occhi con la versione estesa di Nostra Signora dei Turchi e con un'opera del 1939 di Camerini, Il documento, che si credeva perduta. Due film e due ere cinematografiche apparentemente inconciliabili, eppure stranamente confluenti.
  • I Mille Occhi 2016

    Ciao Renato!

    di , , In un momento in cui Roma sembra sprofondare senza più speranza, riscoprire un documentario quale Ciao Renato! ci ricorda come bisognerebbe ritornare sempre all'insegnamento di Renato Nicolini. Alla 15esima edizione di I Mille Occhi.
  • Festival

    i-mille-occhi-2016I Mille Occhi 2016

    Dal 16 al 22 settembre, con anteprima a Roma il 13 e il 14, I Mille Occhi 2016: sette giorni d'intense visioni tra anteprime e riscoperte assolute, senza confini né limiti all'amore per le infinite forme del cinema, con tutte le proiezioni e gli incontri a ingresso libero.
  • I Mille Occhi

    Claro

    di Con Claro, film 'romano' e anti-imperialista, Glauber Rocha portava - alla metà degli anni Settanta - il tropicalismo tra i Fori imperiali e le baraccopoli. Con l'apparizione, tra gli altri, di Carmelo Bene en travesti. A I Mille Occhi 2016.
  • I Mille Occhi 2016

    Durchbruch Lok 234

    di Ben oltre la drammatizzazione della storia vera di Harry Deterling lanciato a tutta velocità con la sua locomotiva al di là della cortina di ferro, Durchbruch Lok 234 fa riflettere, a 53 anni dalla sua realizzazione, su quale fosse lo sguardo della Repubblica Federale Tedesca sulla DDR. A I Mille Occhi 2016.
  • I Mille Occhi 2016

    Letter to a Child

    di Proiettato a I Mille Occhi 2016 in occasione del Premio Anno Uno tributato a Vlado Škafar, Letter to a Child è un viaggio intimo e poetico nelle fasi della vita, nelle gioie e nei dolori, nella depressione e nella memoria, nella speranza e nell'amore.
  • I Mille Occhi 2016

    Avanzi di galera

    di Partendo da un dato tipicamente sociologico - il reintegro di ex detenuti - Vittorio Cottafavi con Avanzi di galera realizzava alla metà degli anni Cinquanta un apologo tripartito sbalorditivo per forza visionaria, sintesi narrativa e tensione epica. A I Mille Occhi 2016.
  • I Mille Occhi 2016

    Scano Boa

    di Girato nel Polesine all'inizio degli anni Sessanta, Scano Boa del dimenticato Renato Dall'Ara è una storia di pescatori miracolosamente in equilibrio tra istanze documentarie, necessità produttive e felice bozzettismo quasi da commedia all'italiana. A I Mille occhi 2016.
  • I Mille Occhi 2016

    Dad

    di Tenero, potente e poetico, Dad di Vlado Škafar è l'incontro tardivo e bucolico fra un padre divorziato e un figlio, pronti a rompere progressivamente le distanze e scoprirsi forse per la prima volta.
  • Festival

    I Mille Occhi 2017 – Presentazione

    Si tiene dal 15 al 21 settembre a Trieste la 16esima edizione de I Mille Occhi, con ospiti d'onore l'attrice Dagmar Lassander e il cineasta greco Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento