Nyai – A Woman from Java

Nyai – A Woman from Java

di

Presentato nella sezione Onde del Torino Film Festival, Nyai – A Woman from Java è l’ultima opera dell’eclettico regista indonesiano Garin Nugroho, sempre guidato dalla ricerca e dalla sperimentazione estetiche nell’ibridazione tra le arti, cinema, musica, teatro, danza e arti performative varie. Con questo lavoro offre un quadro impietoso del colonialismo olandese, con il linguaggio, filologicamente accurato, dello spettacolo musicale dell’epoca.

Il piccolo teatro di Garin Nugroho

Indonesia, 1927, sul finire dell’epoca coloniale olandese. Una donna giovane e bella vive con l’anziano e infermo marito olandese. La donna ha perso il proprio nome e ora è Nyai, “la concubina di uno straniero”. Si rende conto di vivere in una sorta di prigione. Deve occuparsi dei visitatori che vengono a trovare il marito malato per il suo compleanno e per discutere della gestione dei suoi terreni. Nyai è forte, orgogliosa, in grado di gestire il patrimonio del marito: ma ora la gente del luogo e la famiglia del consorte è arrivata per chiederle conto della sua ricchezza e dei suoi privilegi… [sinossi]

Regista estremamente eclettico è Garin Nugroho, che ha fatto della contaminazione delle arti performative il suo marchio di fabbrica. Eppure una sperimentazione continua, ogni film è frutto di diverse elaborazioni. Così dopo l’estetica colorata e kitsch al ritmo di canzoni pop d’epoca di Chaotic Love Poems, che partiva da Shakespeare, e dopo un film paradossalmente lineare e tradizionale, il kolossal storico agiografico Soegija, Nugroho torna alla sperimentazione dei linguaggi della tradizione indonesiana, come in Opera Jawa, il film che lo fece conoscere nel 2006 alla Mostra di Venezia. Eppure Nyai – A Woman from Java è ancora qualcosa di nuovo nella sua filmografia e sostanzialmente diverso anche dal film veneziano che trasponeva in chiave attuale, in un contesto metropolitano odierno, un antico poema sanscrito. Con Nyai – A Woman from Java, Nugroho evoca le arti performative degli anni Venti, con rigore filologico, le rimette in scena in un kammerspiel teatrale e musicale dove viene messo alla luce l’ingiustizia del sistema coloniale olandese. Che peraltro differisce da come questo fosse trattato in Soegija, visto non in maniera così negativa anche a paragone dello spietato dominio giapponese. Ma sono anche due fasi diverse, Nyai – A Woman from Java è ambientato negli anni Venti, Soegija negli anni Quaranta.

Tutto avviene in un piano sequenza di novanta minuti, in una rappresentazione che si fonda sulle unità aristoteliche di tempo, luogo e azione. La macchina da presa non fa grandi movimenti, nella maggior parte del film, rimane quasi fissa e cambia leggermente il punto di vista al variare dei numeri musicali che si susseguono. Non c’è, ovviamente, montaggio, non ci sono primi piani: allo spettatore del film viene data una fruizione equivalente a quella di un ipotetico pubblico teatrale. Tutto avviene in quella grande stanza del palazzo del colono, l’anticamera della sua stanza da letto dove giace, malato. Uno spazio governato da geometrie simmetriche secondo l’armonia della casa tradizionale giavanese. Questa grande stanza corrisponde a un palcoscenico teatrale, dove si alternano gruppi musicali, musicisti e numeri di danza, e dove il separè con la stanza da letto rappresenta la scenografia e le quinte teatrali da cui possono uscire gli attori. Le esibizioni che si alternano in questo stage, rappresentano uno spaccato della cultura di quel periodo, carico di tensioni sociali e religiose tanto interne, quanto nei confronti dell’occupante europeo. Preghiere tradizionali, canti religiosi islamici, il numero del matto del palazzo. Danze e arti performative dell’epoca, segnate dall’ibridazione dell’influsso culturale straniero con le tradizioni autoctone. Il dramma musicale di Istanbul che si è fuso con la tradizione locale di un teatro di maschere e marionette. E tra le forme d’arte non può mancare anche il cinema: si cita un film prodotto dal governatore con l’uso di indigeni e si cita anche Chaplin. E gli schiamazzi fuori del palazzo, la gente che tira ortaggi rappresenta un pubblico inferocito che non gradisce quello spettacolo che sta andando in scena. La gente non accetta il matrimonio della bellissima indigena Nyai con lo straniero, anziano e malato, metafora dell’asservimento coloniale, dello sfruttamento indiscriminato degli occupanti europei, dello stupro di un popolo. È la stessa donna a raccontare, in un numero di danza, come da piccola sia stata venduta dai genitori. E ogni inquadratura della donna nella vita privata è seguita da un’altra in cui lei diventa un emblema sociale.

“Lo sai che mettono la foglia di tè in una bustina?”, dice Nyai. Una frase che non semplicemente il segno dei tempi, ma dell’evoluzione industriale che vedeva la madrepatria olandese ingorda di risorse. Situazione che portò il governo coloniale a elaborare la dottrina detta cultuurstelsel che imponeva agli agricoltori delle Indie orientali olandesi di riservare una quota di terre a coltivazioni commerciali, cioè merci da esportazioni come tè e caffè, invece di coltivare prodotti di consumo come il riso, generando così malnutrizione nelle popolazioni locali. Nel teatrino di Nyai – A Woman from Java sono messe in scena queste tensioni sociali, etniche e religiose, tra collaborazionisti e oppositori all’occupante, con i musulmani e i comunisti, i lavoratori e i contadini, ridotti a schiavi, con le loro rivendicazioni sindacali represse con la forza.

Tutto porta alla parte finale, quando la mdp per la prima volta varca, timidamente e solo per poco, la porta di separazione. Si affaccia alla camera da letto, passando dallo stage al backstage teatrale. E in quello spazio Nyai arriverà a sparare al suo marito-padrone. Una ribellione ma messa in scena ancora in forma estremamente stilizzata, riproponendo ancora uno stile di danza dell’epoca che vedeva effettivamente la ballerina impugnare una pistola. Non si capisce bene quale sia l’effetto di quello sparo. Il tutto finisce nell’ambiguità di quel rigore formale con cui il regista ha condotto tutta l’operazione.

Info
Il trailer di Nyai – A Woman from Java.
  • nyai-a-woman-from-java-2016-garin-nugroho-02.jpg
  • nyai-a-woman-from-java-2016-garin-nugroho-01.jpg

Articoli correlati

  • Notizie

    torino-film-festival-2016-minuto-per-minutoTorino 2016 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2016, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte.
  • Festival

    torino-2016Torino 2016

    Il Torino Film Festival 2016, dal 18 al 26 novembre. La trentaquattresima edizione della kermesse piemontese, tra opere prime, sci-fi, punk, documentari, film di ricerca... Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2016

    Torino 2016 – Presentazione

    David Bowie che si muove sul palco è l'immagine scelta per il Torino Film Festival 2016, un omaggio che è anche dichiarazione di intenti. Tra passato punk e futuro che è forse a sua volta passato. Come il cinema.
  • Rotterdam 2016

    Chaotic Love Poems RecensioneChaotic Love Poems

    di Presentato nella sezione Voices dell’International Film Festival Rotterdam Chaotic Love Poems, il nuovo lavoro di Garin Nugroho, che riprende lo shakespeariano Romeo e Giulietta per trarne una storia tra due ragazzi indonesiani che si dipana tra gli anni Settanta e Novanta. Come sempre il regista non rinuncia al musical per un film che passa volentieri dal kitsch al sublime.
  • AltreVisioni

    Opera Jawa

    di Il nuovo gioiello partorito dalla fervida mente di Garin Nugroho è un viaggio iniziatico nel mito indonesiano. A Venezia 2006.
  • Documentari

    Kancil's Tale of Freedom RecensioneKancil’s Tale of Freedom

    di Con il documentario Kancil's Tale of Freedom Garin Nugroho conferma la statura maiuscola del suo cinema, esperienza fondamentale per la rinascita della produzione indonesiana.
  • AltreVisioni

    Love is a Slice of Bread

    di Lo stupefacente esordio alla regia dell'indonesiano Garin Nugroho, punto di ripartenza del cinema dell'arcipelago del sud-est asiatico.
  • Far East 2009

    the rainbow troops recensioneThe Rainbow Troops

    di Con The Rainbow Troops Riri Riza mette alla berlinale le ipocrisie della società indonesiana, in un lavoro che è la quintessenza del buon cinema popolare, semplice e diretto. Al Far East 2009.
  • Torino 2016

    Intervista a Garin Nugroho

    L’indonesiano Garin Nugroho è un regista estremamente eclettico, che ha fatto della commistione tra le arti performative la sua cifra stilistica. Nella sezione Onde del TFF, ha portato Nyai – A Woman from Java, opera che tratta il tema del colonialismo olandese con lo stile del teatro musicale dell’epoca. A Torino abbiamo incontrato Garin Nugroho.
  • Festival

    Rotterdam 2017

    Con Rotterdam 2017 prende il via la quarantaseiesima edizione del festival olandese, un luogo di incontro tra cineasti del mondo, dove si celebra l’esperienza del cinema. Un'edizione segnata dalle masterclass, ma anche dal cinema come visione in sala.
  • Far East 2009

    The Forbidden Door RecensioneThe Forbidden Door

    di The Forbidden Door, presentato al Far East Film Festival di Udine, conferma il talento del giovane Joko Anwar; un thriller non privo di difetti e di passaggi a vuoto ma che ha il coraggio di osare, e di cercare un immaginario proprio, personale e in grado di mescolare raffinatezza e violenza.
  • Far East 2018

    Night Bus RecensioneNight Bus

    di Un pullman notturno viaggia nei territori della fantapolitica trasformando il suo tragitto in un progressivo e sempre più atroce inoltrarsi nell'orrore della guerra civile. Miglior film ai Citra indonesiani dello scorso anno, Night bus giunge con tutta la sua forza disturbante al ventesimo Far East di Udine.
  • Venezia 2018

    Memories of My Body RecensioneMemories of My Body

    di Garin Nugroho torna a Venezia presentando nella sezione Orizzonti Memories of My Body, film sulla vita del danzatore Lengger Wahyu Arjuno, dove intreccia ancora una volta il cinema alle arti tradizionali giavanesi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento