Zerzura

Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, Zerzura è l’odissea di un tuareg, il viaggio in un deserto dove echeggiano i miti ancestrali dell’umanità.

Odissea nel deserto

Un viaggio mitico attraverso il Sahara insieme al protagonista, il chitarrista Ahmoudou Madassane, in cerca dell’antica città che si favoleggia ricca di tesori. Lungo il cammino incontra nomadi, jinn, banditi, cercatori d’oro e migranti. [sinossi]

Zerzura è una mitica città nel deserto, favoleggiata, leggendaria, citata da alcuni manoscritti del XV secolo, come in Il libro delle perle nascoste, e definita anche “l’oasi dei piccoli uccelli”. La sua esistenza non è mai stata in realtà confermata da ritrovamenti di rovine, nonostante le numerose spedizioni archeologiche dedicate, tra cui quella di László Almásy, ispiratore del libro, e del film Il paziente inglese.

Zerzura – in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 – parte come un film etnografico, nella tradizione dichiarata dal regista dell’Oregon, Christopher Kirkley, etnologo e musicologo, del cinéma vérité di Jean Rouch. Il film di un villaggio di pastori, con la sua struttura familiare e le sue regole. Da qui parte il lungo viaggio nel deserto da parte del protagonista, alla ricerca del fratello nella città di Zerzura, viaggio pervaso di misticismo ed esoterismo. Il regista cita come ispirazione il surrealismo psicomagico di Alejandro Jodorowsky, ma nella peregrinazione del protagonista, entrano in risonanza tanti miti archetipici dell’umanità. Le città e le terre leggendarie dell’El Dorado, di Atlantide, di Troia, la ricerca di un Sacro Graal, le spade magiche di Excalibur e quelle laser di Star Wars, la raccomandazione, come a Orfeo, pure un poeta e musicista, di non voltarsi indietro. E poi la tradizione dei cantastorie africani subsahariani, i griot, cui Ahmoudou Madassane può essere ricondotto.

Zerzura è un viaggio musicale, come lo era il precedente film del regista, Rain the Color of Blue with a Little Red in It, un’odissea nel deserto, un’operazione cinematografica che potrebbe avvicinarsi a quella di Nostos di Franco Piavoli, una peregrinazione tra le dune di sabbia, tra incontri e insidie, presenze fantasmatiche e canti delle sirene. Tra rovine e manufatti di antiche città abbandonate, tra escrescenze rocciose, pietre magnetiche ancestrali capaci di far perdere la bussola, elementi di un’archeologia misteriosa, moai dell’Isola di Pasqua, megaliti di Stonehenge, Hanging Rock, monoliti kubrickiani, piramidi egiziane e precolombiane. Ahmoudou Madassane è un cowboy da western che si trova ad affrontare un duello in una spianata come nel finale di Il buono, il brutto, il cattivo. È un astronauta il cui copricapo tuareg avvolto attorno al viso richiama la visiera del casco di una tuta spaziale, un viaggiatore di spazi siderali, un Buck Rogers in un contesto di teatro dell’assurdo che nello spazio ritrova se stesso, come Buster Keaton in Film, o Dave Bowman nella stanza rococò. Un viaggiatore solitario che il regista, nella composizione dell’immagine, lo raffigura spesso come sormontato da un sole accecante, equivalente speculare della luna che sovrasta il capo di Moonwatcher, la scimmia-uomo della kubrickiana alba dell’umanità.

La ricerca etnografica di Christopher Kirkley porta agli elementi primordiali di una culla dell’umanità. Una stratificazione di miti ancestrali che si traduce alla fine nella struttura pura del viaggio, scarnificata e distillata, che confluisce nell’astrazione. Un viaggio che alla fine si rivela per la sua circolarità, nel ritorno degli uccelli “ladri di bambini” della scena iniziale. Una chiusa che rimanda a infiniti nuovi viaggi e peregrinazioni dell’umanità.

Info
La scheda di Zerzura sul sito della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

Articoli correlati

  • Festival

    Pesaro 2018Pesaro 2018

    Con la proiezione in piazza dell'intramontabile Hollywood Party di Blake Edwards, si inaugura la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, giunta alla 54a edizione. Alle protagoniste femminili del nostro cinema è dedicato l'evento speciale We Want Cinema.
  • Roma 2016

    Into the Inferno

    di Al cospetto dei vulcani più turbolenti del mondo, Werner Herzog con il vulcanologo Clive Oppenheimer enuclea in Into the Inferno una serie di argute riflessioni sull'uomo, la natura e il sentimento che li unisce: la paura. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Locarno 2016

    Intervista a Franco Piavoli

    Franco Piavoli ha presentato al Festival di Locarno il suo ultimo lavoro Festa. Un'occasione per parlare con lui di cinema, antropologia, riti e stagioni della vita.
  • Berlino 2015

    Queen of the Desert

    di Tanto deserto ma poco Herzog: per una volta non è una contraddizione in termini, perché Queen of the Desert - in concorso alla 65esima edizione della Berlinale - è un film quasi-addomesticato.
  • Torino 2013

    Habitat [Piavoli]

    di , Un documentario d'osservazione dedicato a Franco Piavoli, maestro dimenticato del nostro cinema, che però finisce per perdersi in una manierata ricerca della bella immagine.
  • Bologna 2018

    C'era una volta il West RecensioneC’era una volta il West

    di Summa dei primi film di Sergio Leone della Trilogia del dollaro, summa di un genere cinematografico e al contempo suo epitaffio, epopea della nascita di una nazione, con la violenza e il sangue, nel completamento del suo sistema ferroviario...
  • Pesaro 2018

    Los años azules RecensioneLos años azules

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, Los años azules è un racconto di vita di alcuni ragazzi che vivono in una sorta di comune, un palazzo fatiscente che è un crocevia delle precarie vite di giovani tra i venti e i trent'anni.
  • Pesaro 2018

    Beware! The Dona Ferentes RecensioneBeware! The Dona Ferentes

    di Visto in concorso all'ultima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, opera del filmmaker Daniele Pezzi, Beware! The Dona Ferentes segue il musicista sperimentale Dona Ferentes realizzando una riflessione su come musica e rumore possano essere tradotte in un equivalente di immagini filmiche.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento