Settimana della Critica 2018 – Presentazione

Settimana della Critica 2018 – Presentazione

Nella cornice della Casa del Cinema a Roma è stato presentato alla stampa il programma della Settimana della Critica 2018, terza edizione sotto l’egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra fantasy, body-horror e documentario, alla scoperta di opere che potranno preconizzare gli orizzonti futuri del cinema, e che fotografano, tra terrore e stupore, lo stato attuale delle cose.

La trentatreesima edizione della Settimana della Critica 2018, la terza sotto la direzione del delegato generale Giona Nazzaro, svela il suo programma a Roma mentre il mondo occidentale appare in balia di venti sempre più forti e sospinti in direzione di una destra xenofoba e feroce. Venti che portano voci di odio, venti che alimentano desideri separatisti, venti che soffiano sul fuoco della discriminazione razziale, dell’ingiustizia sociale, con gli ultimi della classe relegati in fondo, sempre più in fondo, vessati, umiliati, lasciati morire in mare e in terra. Fantasmi. Non è forse un caso che l’edizione numero trentatré della SIC si apra nell’India ancora colonizzata e sotto il giogo britannico, location per un fantasy con tinte orrorifiche – Tumbbad di Rahi Anil Barve e Adesh Prasad – che è però anche narrazione storica, tentativo di ricostruzione di un immaginario nazionale. E non è un caso che a chiudere la più longeva tra le sezioni collaterali della Mostra di Venezia giunga un thriller tunisino, Dachra del trentaquattrenne Abdelhamid Bouchnak, che a sua volta si interroga sulla storia, sul passato, sui misteri che sono collegati alla propria terra, alla propria cultura. Se il cinema è (anche) ricerca della verità, non c’è dubbio che i nove esordienti scelti da Nazzaro e dal comitato di selezione – Luigi Abiusi, Alberto Anile, Beatrice Fiorentino, Massimo Tria – diano l’impressione di voler coniugare l’αλήϑεια con una spinta vitale verso la costruzione e la decostruzione dell’immagine, in una tensione continua allo sminamento dell’icona, superficie calpestabile e modellabile.

È così che trovano collocazione naturale l’uno accanto all’altro un poema notturno sulla classe operaia svanita e dissezionata dal Capitale (il montenegrino You Have the Night di Ivan Salatic), il falso/verissimo autoritratto della popstar tuttofare finlandese Anna Eriksson (M, quasi una riscrittura su se stessa del mito Marilyn Monroe), le commedie sui generis The Roundup del sudanese Hajooj Kuka e Bêtes blondes della coppia franco-svizzera composta da Alexia Walther e Maxime Matray, la storia d’amore sconfinata a cavallo della riunificazione tedesca narrata da Andreas Goldstein in Adam & Evelyn, il conflitto generazionale filtrato attraverso la musica che compone Saremo giovani e bellissimi dell’italiana Letizia Lamartire – già alla SIC l’anno scorso con il cortometraggio Piccole italiane, selezionato in SIC@SIC, la sezione dedicata ai lavori brevi italiani curata in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà e che anche quest’anno sarà presente per dare un contributo alla scoperta del cinema nazionale del futuro e del presente: in apertura e chiusura spazio infatti a nomi già consolidati come Toni D’Angelo e Cosimo Alemà. Rimane da annotare l’unico titolo strettamente documentario presente in concorso, girato nel corso di tre anni dai giovani studenti d’arte siriani Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub, fermo immagine su un paese stravolto dalla guerra, smembrato, bombardato, distrutto e ancora in distruzione. Quel titolo, Still Recording, suona come un sinistro monito che costringe anche lo sguardo cinefilo a confrontarsi con il reale, in un mondo in fiamme. La salvezza forse non si può trovare nell’occhio di una videocamera, ma è lì, e nelle nuove generazioni di cineasti, che si può forse rintracciare l’istinto alla ribellione, alla lotta contro lo stato attuale delle cose, al ritorno all’ethos. Sempre attraverso l’immagine, e la sua potenza destabilizzante.

Info
Il sito ufficiale della Settimana della Critica 2018.

Articoli correlati

  • Festival

    Settimana della Critica 2017

    La Settimana della Critica 2017, seconda edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra sperimentazione, depistaggio e narrazione del reale, tra marinai, viaggi sperduti, ricerca di sé...
  • Venezia 2017

    Settimana della Critica 2017 – Presentazione

    Nella cornice della Casa del Cinema a Roma è stato presentato alla stampa il programma della Settimana della Critica 2017, seconda edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra sperimentazione, depistaggio e narrazione del reale.
  • Festival

    settimana-della-critica-2016Settimana della Critica 2016

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. La Settimana della Critica 2016, dal 31 agosto al 10 settembre.
  • Venezia 2016

    Settimana-della-Critica-2016-PresentazioneSettimana della Critica 2016 – Presentazione

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2016, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Festival

    settimana-della-critica-2015Settimana della Critica 2015

    La Settimana Internazionale della Critica, la più antica e prestigiosa tra le sezioni collaterali che animano i lavori della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, compie trent'anni...
  • Venezia 2015

    Settimana della Critica 2015 – Presentazione

    L'edizione del trentennale, l'ultima con Francesco Di Pace in qualità di delegato generale. Tra Peter Mullan, il racconto espanso di una famiglia cinese e molto altro. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2015, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2014

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014 – Presentazione

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all'Iran. È il resoconto della presentazione della SIC, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2018

    Giornate degli autori 2018, presentato il programmaGiornate degli autori 2018 – Presentazione

    Alle Giornate degli Autori 2018, quindicesima edizione della sezione collaterale veneziana, ci sarà spazio per molte opere prime e di giovani registi, ma anche per capisaldi della storia del cinema del calibro di Alexander Kluge, Peter Medak e Rithy Pahn.
  • Festival

    Mostra del Cinema di Venezia 2018 - PresentazioneMostra del Cinema di Venezia 2018 – Presentazione

    La Mostra del Cinema di Venezia 2018, edizione numero settantacinque del festival, lancia sul tappeto rosso un parterre de roi di nomi altisonanti e celebri, da Olivier Assayas ai fratelli Coen, da Mario Martone a Mike Leigh, fino a László Nemes e Luca Guadagnino.
  • Venezia 2018

    The Roundup RecensioneThe Roundup

    di The Roundup (Akasha è il titolo originale) segna l’esordio al lungometraggio di Hajooj Kuka, quarantaduenne regista sudanese che racconta la guerra civile in atto nella sua nazione attraverso la lente della commedia, del mascheramento e del paradosso.
  • Venezia 2018

    Adam & Evelyn RecensioneAdam & Evelyn

    di Storia d’amore ambientata alla vigilia della riunificazione delle due Germanie, Adam & Evelyn di Andreas Goldstein, è una riflessione sulla difficoltà dello stare insieme: geograficamente, politicamente e sentimentalmente. Alla Settimana della Critica 2018.
  • Venezia 2018

    M RecensioneM

    di Presentato in concorso alla Settimana della Critica 2018, M di Anna Eriksson è un esordio difficilmente classificabile, anche respingente, a suo modo estremamente coraggioso. La messa in scena di un'ossessione personale. La messa a nudo di un mito, di un'icona della sensualità...
  • Venezia 2018

    Saremo giovani e bellissimi RecensioneSaremo giovani e bellissimi

    di Saremo giovani e bellissimi, l’esordio al lungometraggio di Letizia Lamartire, costruisce un rapporto madre-figlio morboso e non privo di stratificazioni, ma preferisce poi scegliere la via più quadrata, chiusa e probabilmente “facile”.
  • Venezia 2018

    Dachra

    di Dachra non è solo l’esordio alla regia di un lungometraggio di Abdelhamid Bouchnak. È anche il primo horror mai prodotto in Tunisia, palesamento di una nazione che ha saputo mantenere le promesse della Rivoluzione. Film di chiusura fuori concorso alla SIC di Venezia.
  • Festival

    Venezia 2018Venezia 2018

    La Mostra del Cinema di Venezia 2018 lancia sul tappeto rosso un parterre de roi di nomi altisonanti e celebri, da Olivier Assayas ai fratelli Coen, da Mario Martone a Mike Leigh, fino a László Nemes e Luca Guadagnino...
  • Festival

    Venezia 2018 Minuto per minutoVenezia 2018 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra di Venezia 2018, tra proiezioni stampa, tardivi recuperi, code, film, sale, accreditati, colpi di fulmine e ferali delusioni: l'appuntamento con il Minuto per minuto, cronaca festivaliera dal Lido con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • Festival

    Settimana della Critica 2018Settimana della Critica 2018

    La SIC 2018, terza edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra fantasy, body-horror e documentario, alla scoperta di opere che potranno preconizzare gli orizzonti futuri del cinema e che fotografano lo stato attuale delle cose.
  • Venezia 2018

    Intervista ad Andreas GoldsteinIntervista ad Andreas Goldstein

    Abbiamo intervistato il regista tedesco Andreas Goldstein, regista di Adam & Evelyn, la sua opera prima presentata alla SIC - Settimana Internazionale della Critica 2018.
  • Venezia 2018

    Still Recording RecensioneStill Recording vince la Settimana Internazionale della Critica 2018

    Still Recording dei registi siriani Saeed Al Batal e Ghiath Ayoub vince il premio del pubblico alla 33esima edizione della Settimana Internazionale della Critica. Un premio meritato a un film che riflette in maniera potente, radicale e sconvolgente su guerra e cinema.
  • Interviste

    Giona A. Nazzaro, cinema politico e politiche del cinemaGiona A. Nazzaro, cinema politico e politiche del cinema

    Alla Mostra del Cinema di Venezia abbiamo incontrato come d'abitudine Giona A. Nazzaro, delegato generale della Settimana Internazionale della Critica. Un modo per ragionare sulla selezione, sul significato di "cinema politico", e sullo stato della produzione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento