Intervista a Damien Manivel

Intervista a Damien Manivel

Damien Manivel comincia la sua carriera artistica come danzatore, prima di passare al cinema. Dal 2014 ha realizzato quattro lungometraggi, Un jeune poète presentato a Locarno, Le Parc all’Acid di Cannes, Takara – La notte che ho nuotato, con Kohei Igarashi, a Venezia. Les enfants d’Isadora è stato selezionato al 72 Locarno Film Festival, dove ha vinto il Pardo per la migliore regia. Abbiamo incontrato Damien Manivel a Locarno.

Les enfants d’Isadora è stato realizzato con una coproduzione sudcoreana, collegata al Jeonju International Film Festival. Puoi raccontarmi com’è nato questo progetto?

Damien Manivel: Per molto tempo ho desiderato fare un film sulla danza. Ero un ballerino prima di mettermi a fare cinema, per cui ho sempre avuto questa idea di fare un film sulla danza, è qualcosa che sento molto vicino anche se non sapevo bene come realizzarlo. Nel mio film precedente ho cercato di inserire elementi della danza nei gesti della vita quotidiana, in modo da poter fare una ricerca a riguardo. Poi però mi sono ritrovato ad aver già realizzato tre film per cui a un certo punto ho pensato: «È ora di rischiare e realizzare una pellicola sulla danza, è il momento». Sono stato al Jeonju International Film Festival con il mio film Le Parc che ha vinto un premio; mi hanno detto che l’anno seguente avrebbero realizzato una competizione per finanziare nuovi progetti chiamata JCP, dicendomi, se avessi del materiale, di presentarlo. La mia prima reazione è stata: «No, non sono assolutamente bravo in queste cose, non scrivo molti copioni, non sono molto bravo a raccontare storie». È quello che credo. Ci ho ripensato più e più volte finché non ho realizzato che forse avrei dovuto provarci. Dopotutto riguardava la realizzazione di cinema indipendente che è proprio quello che faccio io. Per cui alla fine ci ho provato e ho vinto il premio, una bella somma di denaro, e grazie a questo ho iniziato il mio progetto. Tutto questo è successo a maggio, ho iniziato a scrivere a tra giugno e luglio per poi cominciare le riprese a ottobre. È stato tutto molto veloce grazie a questa coproduzione sudcoreana, sono riuscito a realizzare in modo indipendente il mio film.

Come mai hai deciso di focalizzarti proprio sulla coreografia Mother di Isadora Duncan?

Damien Manivel: Quando ho iniziato a lavorare alla pellicola ero intenzionato a collaborare con Agathe Bonitzer, una delle protagoniste, ma lei mi disse che aveva problemi a danzare, che non era in grado. Le ho detto che ci avremmo provato, che saremmo andati in studio e che avremmo lavorato insieme con un coreografo. Stavamo improvvisando, le ho detto di fare gesti molto lenti al che lei ha provato a farne uno: era sdraiata sul pavimento e ha alzato un braccio e in quel momento la mia coreografa francese mi ha detto: «Wow, sembra Mother di Isadora Duncan». Le ho chiesto cosa fosse e lei mi ha raccontato la storia, mi ha fatto sentire questa musica meravigliosa e ho pensato subito: «Questo è il film, questo è ciò di cui vorrei parlare, il modo in cui posso parlare della danza in modo personale e universale allo stesso tempo». Da quel momento ho cominciato ad avere queste idee sui corpi che “cantano”, sulla gestualità delle persone.

Quel gesto della danza, come a tenere in braccio un bambino, è la coreografia originale oppure una nuova creazione?

Damien Manivel: Questo pezzo di danza ha un centinaio di anni, è stato realizzato nel 1921. È tutto originale, non ho cambiato nulla, tutto è di Isadora Duncan. L’idea del film è di ridare vita alle movenze inventate da Isadora Duncan: donne di oggi che si muovono e danzano con quei passi.

Il film funziona con una sorta di shift tra i personaggi, come una staffetta nelle tre parti in cui è suddiviso. Un meccanismo che usavi anche in Le parc. Come l’hai concepito?

Damien Manivel: Per quanto mi riguarda sento una sorta di energia che si sprigiona da Isadora Duncan, che viene dal passato e attraversa tutti questi personaggi. Si parla di come questa gestualità venga trasmessa, di questa storia e queste emozioni che toccano ogni persona e più è così più queste si espandono senza limiti. Di questa danza non c’è nulla di Isadora Duncan che balla, non c’è fotografia, ma solo uno spartito. Per cui ho pensato: «Ho solo questo, devo cercare di capire cosa sono queste movenze, qual è la coreografia». I miei personaggi all’interno della pellicola cercano di fare lo stesso. Cercano di capire, di trasmettere il tutto e di aprire questa danza al mondo. Come i personaggi si muovono è lo stesso di come si muove il mio film. Non volevo realizzare un film corale, non volevo seguire un montage parallèle, volevo che si aiutassero tra di loro: il primo personaggio che dà energia al secondo e così via. Come se si trattasse di una comunità, è molto importante per me.

Da filmmaker ed ex-danzatore ti trovi a mettere in relazione il cinema con la danza. Scegli per esempio di non mostrare lo spettacolo di danza vero e proprio, il grande evento a lungo preparato che sarebbe il momento clou in un tradizionale film alla Scarpette rosse. Mostri solo il prima e il dopo, le prove e le emozioni suscitate in una spettatrice. Come mai?

Damien Manivel: È come fare delle bozze. Fare ricerca, riprendere l’idea della danza e le emozioni che la circondano. Il mio progetto è di fare un film utilizzando i mezzi che offre il cinema. La danza è nella mente e nel cuore del pubblico, non è davvero necessario che la faccia vedere. Si tratta di cinema e questo è legato a un diverso tipo di emozioni, ha un rapporto differente con la realtà. Mi piace vedere le persone e gli artisti al lavoro. Quando ci sono dei dialoghi si parla di prove, di danza… ci sono molti motivi e tutti riguardano cos’è l’arte e cos’è la danza.

Come mai utilizzi, in tutti i tuoi film, il desueto formato 1,33:1, il 4/3, e non l’anamorfico?

Damien Manivel: È vero che ho utilizzato questo formato per tutti i miei lavori precedenti, ma non vuol dire che farò sempre così. È qualcosa di molto intuitivo, per questo film c’erano molti primi piani soprattutto sui movimenti e i gesti, quindi mi sembrava il formato giusto da utilizzare. Sentivo una specie di collegamento con la terra e il cielo, come se il film si sviluppasse verticalmente, come i gesti…e avevo bisogno di sentire anche io la terra e il cielo.

Nell’ultima parte la donna di colore è come una nuova Isadora Duncan che ha perso un figlio. Il sentimento si trasmette, attraverso la danza, nella vita reale di questa persona, è come uno specchio rispetto alla grande danzatrice?

Damien Manivel: Certamente, ma è anche uno specchio con il pubblico. C’è una sequenza piuttosto lunga sui volti del pubblico e credo che sia un punto in cui la pellicola si sposta e gli spettatori capiscono che ora si tratta della loro storia, che non è più solo un’opera sulla danza ma che è anche loro e di chiunque altro. Che tu abbia perso un figlio o meno, c’è qualcosa che tocca il concetto di perdita e di mancanza, chiunque può sentirlo e comprenderlo. Come questa donna si muove, è semplicemente prendere quell’energia e quelle emozioni e portarle nella vita reale. Il suo modo di muoversi è come ballare, abbiamo visto così tante danze che c’è qualcosa di magico del tipo che qualsiasi cosa faccia, anche solo prendere un bicchiere d’acqua, diventa una danza.

Info
La scheda di Les Enfants d’Isadora sul sito del Locarno Film Festival.

Articoli correlati

  • Locarno 2019

    Les Enfants d’Isadora

    di Vincitore del Pardo per la migliore regia al Locarno Film Festival, Les Enfants d’Isadora di Damien Manivel, partendo dalla grande Isadora Duncan, è un film sulla danza, su come questa si perpetui nel tempo e si trasmetta tra le persone, su come l'arte possa trasformare una tragedia in bellezza.
  • Festival

    Locarno 2019

    Dal 7 al 17 agosto, la 72esima edizione del Locarno Film Festival, che segna l'esordio alla direzione della quarantaduenne francese Lili Hinstin. Il concorso, la Piazza Grande, la retrospettiva che si focalizza sul cinema "black": tutti i nostri articoli dal Canton Ticino.
  • FID 2019

    Danses macabres, squelettes et autres fantaisies RecensioneDanses macabres, squelettes et autres fantaisies

    di , , Presentato tra gli Écrans parallèles del 30° Fid Marseille, Danses macabres, squelettes et autres fantaisies è il diario di un incontro, e di un viaggio in Portogallo, tra due cineasti, la portoghese Rita Azevedo Gomez e il francese Pierre Léon, e lo studioso d'arte e filosofo Jean-Louis Schefer.
  • In sala

    Takara - La notte che ho nuotato RecensioneTakara – La notte che ho nuotato

    di , Frutto di una collaborazione tra un regista francese e uno giapponese, Takara - La notte che ho nuotato sembra un saggio programmatico sullo sguardo ideale dell’infanzia al cinema, ma filtrato attraverso il canone del realismo d’autore.
  • AltreVisioni

    Con el viento RecensioneCon el viento

    di Rarefatto e profondo, emotivamente potente e privo di tentazioni lacrimevoli, Con el viento di Meritxell Colell Aparicio racconta l'elaborazione di un lutto attraverso i paesaggi, gli agenti atmosferici, i volti e i corpi dei suoi personaggi. In anteprima al MedFilm Festival 2018.
  • Queer 2017

    Le parc

    di Presentato al Sicilia Queer Filmfest 2017 il nuovo lavoro di Damien Manivel, Le parc, che aveva iniziato il suo percorso festivaliero all’Acid di Cannes del 2016.
  • In Sala

    Dancing with Maria

    di L'esordiente Ivan Gergolet tratteggia con mano ferma il ritratto composito di una danzatrice ostinatamente alla ricerca di nuove forme per esprimere la sua creatività, perché questa è, in fondo, la missione di ogni artista...
  • Locarno 2019

    Intervista a Nadège TrebalIntervista a Nadège Trebal

    Nadège Trebal ha diretto due documentari, Bleu pétrole nel 2012 e Casse nel 2014, attraverso cui ha incontrato operai che hanno fatto poi da modello per il suo esordio nella finzione, Douze Mille. Abbiamo incontrato Nadège Trebal al Locarno Film Festival, dove Douze Mille è stato presentato in concorso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento