Longa noite

Longa noite

di

Film d’apertura di Doclisboa ’19, Longa noite di Eloy Enciso, già in concorso a Locarno, rievoca gli anni bui, la lunga notte della Spagna, della guerra civile e della dittatura franchista, con uno stile di straniamento straubiano, e con la presenza predominante della natura aspra di un territorio estremo come quello della Galizia.

Lettere della resistenza

Dopo la guerra civile, Anxo torna al suo paese nella campagna galiziana. Vinti e vincitori lo accolgono con preoccupazione, vedendo in lui la sfida a intraprendere un viaggio tra ricordi soffocati. [sinossi]

La Galizia è la parte più estrema della Spagna, con quella sua natura aspra che confluisce nel mare, con quella lingua, il gallego, molto vicina al portoghese, con la sua, epsteiniana, finis terrae, considerata dagli antichi romani come l’estremità del mondo. Possiamo fare su questa regione la stessa riflessione che Lav Diaz fa della provincia filippina di Ilocos Norte, nell’unico suo film recente a colori, Norte, the End of History: una terra di grande e pittoresca bellezza che però è stata origine del male, del peccato originale del paese per aver dato i natali al dittatore Ferdinand Marcos. Così la Galizia è la terra d’origine di Francisco Franco, che ha tenuto sotto il suo giogo la Spagna anche lui per decenni. Il regista Eloy Enciso ambienta nella, anche sua Galizia, la lunga notte del ’39, l’inizio di quel sonno della democrazia che è stata la dittatura del Generalísimo.

Due vagabondi, o homeless, un uomo e una donna, si incontrano sui gradini di un palazzo, si raccontano le loro vite; prima di essere caduti in quella condizione, lui faceva il fabbro. Mangiano del pane sui gradini e dai loro volti il regista stacca a inquadrare quel cibo. L’inizio è programmatico per Longa noite, il film di apertura di Doclisboa ’19, dopo la prima al concorso di Locarno. Lo stile di recitazione improntato allo straniamento brechtiano, la fissità delle inquadrature, la rigidità dei personaggi richiamano evidentemente alla forma dei film degli Straub-Huillet, mentre le composizioni a tableau vivant, sempre con personaggi che non sembrano dotati di movimento, fanno pensare allo stile di Roy Andersson. E poi c’è la scena, lunga, in cui i franchisti giocano a carte, seduti attorno a un tavolo, inquadrati uno per uno in primo piano, con stacchi rari sulle carte sul tavolo, che può ricordare la lunga conversazione sulla nave di Un film parlato di De Oliveira. Eloy Enciso rielabora questa forma per mettere in scena, come un recital, come una declamazione teatrale, le voci della resistenza, dei prigionieri, delle vittime, delle lettere dei condannati a morte con le loro ultima volontà, ma anche dei falangisti, le memorie, i diari della guerra civile, assumendo che il dopoguerra, la fase iniziale della dittatura, abbia dato un’impronta fortissima alla storia del paese, percepibile ancora oggi. Voci che si straniano al punto da diventare indipendenti, aleggiare nell’aria, svincolarsi che da chi le pronuncia o le ha pronunciate, nelle voci off della terza e ultima parte. La narrazione è comunque orale, dalla voce dei personaggi nella casa di campagna, per esempio, scaturiscono le scene della guerra, mai visualizzate.

Anxo arriva in paese, su un autobus, dove ode vari discorsi, dialoghi tra ricchi e poveri. C’è chi elogia la vita semplice, di campagna, c’è chi parla delle persone semplici che rappresentano la vera anima del mondo. Poi ci sono i muratori che si interrogano sulla loro opera, sugli edifici che stanno costruendo, come un carcere, e sul loro utilizzo, sulla loro eventuale responsabilità in caso questo sia negativo. E poi i franchisti che giocano a carte, che pure discutono su ricchezza e povertà, sulle differenze sociali. La natura prende il sopravvento, così come la notte, dalla seconda parte per trionfare nella terza. Anxo è nella stalla a parlare con una mucca; i personaggi navigano su una barca, nel fiume, tra i riverberi delle onde, e arrivano in una baita, sempre ieratici, raccolgono bacche nel bosco, camminano sulla neve in campo lunghissimo, passeggiano nel bosco, o passano per scogli e formazioni rocciose. Nella terza parte il paesaggio, percorso da quegli echi, da quelle voci che aleggiano nell’aria, e da quelle anime vagabonde, predomina, un paesaggio aspro e selvaggio, herzoghiano (ancora come non pensare in un ideale percorso di referenze a Cuore di vetro, con quelle persone in stato catatonico). Eloy Enciso, al suo terzo film di finzione, costruisce un’opera notturna per rappresentare le tenebre che hanno avvolto il suo paese.

Info
La scheda di Longa noite sul sito di Doclisboa.

  • Longa-noite-2019-Eloy-Enciso-001.jpg
  • Longa-noite-2019-Eloy-Enciso-002.jpg
  • Longa-noite-2019-Eloy-Enciso-003.jpg

Articoli correlati

  • FID 2019

    Intervista a Rita Azevedo Gomez e Pierre léonCercando il fantasma dell’immagine: intervista a Rita Azevedo Gomez e Pierre Léon

    Reduce dalla presentazione di A Portuguesa, Rita Azevedo Gomez è una regista di cinema, teatro e opera, Pierre Léon è stato critico musicale per Libération, ed è regista e attore. I due hanno presentato il loro lavoro Danses macabres, squelettes et autres fantaisies al FID Marseille, dove li abbiamo intervistati.
  • FID 2019

    Danses macabres, squelettes et autres fantaisies RecensioneDanses macabres, squelettes et autres fantaisies

    di , , Presentato tra gli Écrans parallèles del 30° Fid Marseille, Danses macabres, squelettes et autres fantaisies è il diario di un incontro, e di un viaggio in Portogallo, tra due cineasti, la portoghese Rita Azevedo Gomez e il francese Pierre Léon, e lo studioso d'arte e filosofo Jean-Louis Schefer.
  • Cannes 2019

    L’Âge d’or recensioneL’Âge d’or

    di A quasi novant'anni dalla sua realizzazione L’Âge d’or irrompe in Cannes Classics dimostrando - qualora fosse necessario - la straordinaria modernità del cinema di Luis Buñuel e del suo linguaggio estetico e politico.
  • Cannes 2019

    i figli della violenza recensioneI figli della violenza

    di I figli della violenza è Los olvidados, vale a dire “i dimenticati”. Il terzo film diretto in Messico da Luis Buñuel è anche il primo in cui il cineasta esplora diverse forme del racconto e del concetto di reale. A Cannes Classics.
  • TFF 2018

    le tombe dei resuscitati ciechiLe tombe dei resuscitati ciechi

    di Il primo capitolo della tetralogia che Amando de Ossorio ha dedicato ai crociati che rivivono è senza dubbio uno dei cult-movie più celebri del cinema dell'orrore europeo. Le tombe dei resuscitati ciechi torna a mietere vittime sugli schermi del Torino Film Festival.
  • Bologna 2017

    L’assedio dell’Alcazar

    di Film gravato da una smaccata propaganda fascista, L'assedio dell'Alcazar di Augusto Genina, girato nel 1940, racconta uno degli episodi scatenanti della guerra civile spagnola.
  • Bologna 2016

    Intervista a Esteve Riambau

    Ha dedicato a Orson Welles un documentario, uno spettacolo teatrale e quattro libri. Esteve Riambau, direttore della Filmoteca della Catalogna, è uno dei più importanti studiosi del cineasta americano. Lo abbiamo incontrato nel corso della trentesima edizione del Cinema Ritrovato.
  • In sala

    Kommunisten RecensioneKommunisten

    di Il nuovo viaggio di Straub nel Novecento, ma non solo: partendo da Malraux, si aggira per declamazioni, letture, voci recitanti, mescolando tutto e donando sempre il fianco a una nuova interpretazione. Un’opera che non ha paura a definirsi intellettuale.
  • Archivio

    Ballata dell'odio e dell'amore RecensioneBallata dell’odio e dell’amore

    di Opera confusionaria ma deflagrante nella sua sincerità popolare e viscerale, Ballata dell'odio e dell'amore permette di ritrovare Álex de la Iglesia, cineasta indecifrabile e altalenante, in grado in quest’occasione di offrire il meglio di sé.
  • Doclisboa 2019

    Fantasmas: Caminho Longo para Casa RecensioneFantasmas: Caminho Longo para Casa

    di Presentato nel concorso portoghese di Doclisboa '19, Fantasmas: Caminho Longo para Casa di Tiago Siopa è un film sulla vita rurale, sui ritmi della campagna, dove il fantastico fa parte del quotidiano e gli avi della famiglia rimangono una presenza che accompagna l'esistenza di tutti i giorni.
  • Doclisboa 2019

    Suzanne Daveau RecensioneSuzanne Daveau

    di Presentato a Doclisboa '19, nella sezione Da terra à luna, dopo l'anteprima all'IFFR 2019, Suzanne Daveau di Luisa Homem è un documentario che, avvalendosi di sole immagini d'archivio, segue la vita di una grande donna, pioniera dell'esplorazione geografica.
  • Doclisboa 2019

    Hasta que muera el sol RecensioneHasta que muera el sol

    di Presentato al Doclisboa '19, Hasta que muera el sol è un documentario, di produzione portoghese, del filmmaker Claudio Carbone, il racconto della vita quotidiana nella comunità etnico-linguistica Terraba in Costa Rica, tra riti ancestrali e vita in armonia con la natura, nella lotta contro i rinnovati colonialismi.
  • Festival

    Doclisboa 2019

    Doclisboa 2019 segna l'ultima edizione del festival portoghese sotto l'egida di Cíntia Gil; dal 17 al 27 ottobre a Lisbona il meglio del cinema documentario (e non solo) presso il Culturgest e altre sale cittadine.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Luísa HomemIntervista a Luísa Homem

    Regista, montatrice, produttrice, tra i fondatori del collettivo Terratreme Filmes, la portoghese Luísa Homem ha diretto Suzanne Daveau, in cui segue la storia della geografa che dà il titolo al film. Abbiamo incontrato Luísa Homem in occasione del Doclisboa 2019.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Claudio CarboneIntervista a Claudio Carbone

    Claudio Carbone, nato a Potenza, laureato in architettura, ha compiuto studi nel campo dei movimenti sociali presso varie università di sociologia nel mondo (Brasile, Portogallo, Costa Rica). Il suo primo lungometraggio, Hasta que muera el sol, è stato presentato a Doclisboa, dove lo abbiamo intervistato.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento