Night and Day

Night and Day

di

Un piccolo film – pur nella sua durata elefantiaca – che descrive l’umanità e le sue debolezze senza pretese particolari, ma con l’occhio lungo di chi sa di aver già ampiamente maneggiato la materia in passato. Night and Day non farà altro che rafforzare ulteriormente i raffronti tra il cinema di Hong Sangsoo e quello di Eric Rohmer: ma non a tutti è concesso di uscire dal campo nemico indenne.

Parigi val bene un esilio

Bam Gua Nat (questo il titolo originale, soppiantato a livello internazionale da Night and Day), ottavo lungometraggio del quarantottenne Hong Sangsoo, segna indiscutibilmente un punto di arrivo all’interno della filmografia del regista di Seul. Il suo cinema è da sempre accostato al nome di Eric Rohmer: conducono a questo apparentamento lo stile adottato, la scrittura dei dialoghi, il mood imperante e, soprattutto, il senso filosofico della vita e dell’umano progredire che le sue pellicole trasmettono. Con Night and Day Hong compie finalmente il passaggio definitivo e arriva ad ambientare un suo film a Parigi, nel cuore di quella Francia alla quale ha sempre di fatto guardato come a una patria artistica ideale. La storia che mette in piedi ha il fascino del provvisorio e del minimale che da sempre gli viene riconosciuto: un quarantenne, pittore di successo a Seul, fugge dalla Corea per paura di venire arrestato dopo essere stato scoperto a fumare marijuana, ubriaco. Si rifugia dunque a Parigi, dove entra ben presto in contatto con la multiforme comunità coreana (sud e nord qui convivono senza particolari problemi di sorta): si innamora, frequenta donne diverse, gira in maniera incessante musei e atelier, si muove per la città cercando, in maniera quasi sempre fallimentare, una sua postura per poi tornare a pensare all’adorata moglie lasciata a Seul.

Non c’è molto altro da aggiungere da un punto di vista sinottico alla sottile trama messa in piedi da Hong: il suo è un cinema che non ha bisogno di nulla per funzionare, anzi, a volte sembra sia paradossalmente vero il contrario. Quando è costretto a confrontarsi con situazioni troppo dettagliate, il suo sguardo tende a farsi meno lucido, meno profondo, meno poeticamente coerente: questo si avverte qua e là anche durante Night and Day, per fortuna solo in maniera leggera e sporadica. Altrove nel film la messa in scena arriva invece veramente a sfiorare il sublime, sia quando si sofferma in maniera aneddotica su dettagli non essenziali (il protagonista, bloccato su un marciapiede dalle riprese di un film, salva un passerotto caduto dal nido), sia quando invece affronta di petto gli snodi fondamentali della trama (la splendida sequenza della gita a Deauville in compagnia della ragazza di cui si è invaghito e che dopo tanto penare lo ricambia, destinata a concludersi in camera da letto, o il memorabile litigio con il coreano del nord durante una festa a casa di amici): si avverte in questi casi l’urgenza di un cinema elegante e delicato, mai intenzionato a guardarsi allo specchio ma semmai più interessato al contesto nel quale sta agendo il suo protagonista.

E la Parigi fotografata da Hong è una città al medesimo tempo meravigliosa e anonima, grandiosa e minimale, multiculturale e monocentrica. Un oceano nel quale il povero pittore si trova sballottato, senza scialuppa di salvataggio di sorta: l’unica soluzione è il ritorno a casa, dalla amatissima moglie, solo per scoprire che anche in Corea, nella patria venerata, i sogni possono coglierti di sorpresa.
Un piccolo film – pur nella sua durata elefantiaca – che descrive l’umanità e le sue debolezze senza pretese particolari, ma con l’occhio lungo di chi sa di aver già ampiamente maneggiato la materia in passato. Night and Day non farà altro che rafforzare ulteriormente i raffronti tra il cinema di Hong Sangsoo e quello di Eric Rohmer: ma non a tutti è concesso di uscire dal campo “nemico” indenne.

Info
Il trailer originale di Night and Day.
La scheda di Night and Day sul sito della Berlinale.
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-01.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-02.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-03.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-04.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-06.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-07.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-08.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-09.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-10.jpg
  • Night-and-Day-2008-Hong-Sangsoo-11.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2017

    The Day After

    di The Day After porta Hong Sangsoo in concorso alla settantesima edizione del Festival di Cannes, dopo aver presentato fuori dalla competizione il sublime La caméra de Claire. Tornato in Corea il regista torna anche alle sue abitudini, riproponendo schemi già strutturati in precedenza senza per questo cedere alla noia della ripetitività.
  • Cannes 2017

    La caméra de Claire

    di Dopo In Another Country, Isabelle Huppert torna a recitare per Hong Sangsoo: La caméra de Claire è una riflessione sulla chiarezza dell'immagine e del discorso meta-cinematografico del cineasta coreano.
  • Berlinale 2017

    On the Beach at Night Alone

    di Nel nuovo film di Hong Sangsoo, On the Beach at Night Alone, il doppio vita-arte è quantomai esplicito visto che ripercorre le vicende sentimentali dell'attrice Kim Minhee, premiata come miglior interprete, con il regista stesso.
  • Rotterdam 2017

    Yourself and Yours

    di Presentato al Festival di Rotterdam, Yourself and Yours di Hong Sangsoo che passa per omaggi a Buñuel e all’alcol per raccontare ancora di schermaglie tra i sessi, friabili rapporti di coppia tra sospetti e maldicenze, rotture e nuovi incontri.
  • Locarno 2015

    intervista-a-hong-sangsooIntervista a Hong Sangsoo

    "L’intenzione per me è sempre qualcosa di non interessante. Se dovessi lavorare seguendo le intenzioni non lavorerei, è noioso. Ho bisogno che qualcosa di nuovo e inaspettato mi succeda ogni giorno, per sentirmi vivo e per voler lavorare." Hong Sangsoo, vincitore del Festival di Locarno con Right Now, Wrong Then, ci spiega i segreti della sua prassi registica.
  • Locarno 2015

    Right Now, Wrong Then

    di Pardo d'Oro a Locarno, Right Now, Wrong Then è il nuovo film di Hong Sangsoo, abituato a sfornare opere almeno due volte l’anno. Ancora un protagonista che viene dal mondo del cinema, ancora tanti cliché cui l’autore sudcoreano ci ha abituato… E stavolta il minimalismo e la leggerezza di Hong sfiorano il sublime.
  • Venezia 2014

    Hill of Freedom

    di Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 71 il nuovo lavoro del sudcoreano Hong Sangsoo, un film di poco più di un’ora in cui il regista si riconferma massimo alfiere di un cinema leggero e delicato, in grado di restituire il tempo della vita con rinnovata grazia.
  • DVD

    In Another Country

    di In un dvd targato CGHV e Tucker Film il delizioso e inevitabile incontro tra Isabelle Huppert e il sudcoreano Hong Sangsoo, rohmeriano per scelta e per talento.
  • AltreVisioni

    Nobody’s Daughter Haewon

    di Haewon, una giovane studentessa, si sente abbandonata: la madre sta per emigrare in Canada e la storia clandestina col suo professore è destinata a finire... Presentato al Festival di Berlino 2013.
  • Archivio

    In Another Country

    di Tre donne, tutte chiamate Anne, visitano una dopo l'altra una piccola stazione balneare di Mohang e dormono nello stesso piccolo hotel sulla costa. Incontreranno, tra l'altro, sempre le stesse persone, tra le quali un bagnino che continua a camminare avanti e indietro...
  • AltreVisioni

    The-Day-He-ArrivesThe Day He Arrives

    di Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l’opera di Hong, ritroverà le coordinate necessarie per entrarvi in relazione già nei primi cinque minuti di The Day He Arrives: Sang-joon fa ritorno a Seoul e cammina per strada, dove incrocia un’aspirante attrice che ha lavorato con lui anni prima...
  • Venezia 2010

    Oki’s Movie

    di A pochi mesi da Ha ha ha, presentato al Festival di Cannes, il cineasta sudcoreano Hong Sangsoo arriva a Venezia con un altro mirabile film, Oki's Movie, che è allo stesso tempo un perfetto saggio meta-cinematografico.
  • Berlinale 2018

    Grass RecensioneGrass

    di L'ormai annuale appuntamento festivaliero con Hong Sangsoo avviene quest'anno alla Berlinale, al Forum, dove presenta Grass, ennesimo film sui rapporti uomo-donna che si snoda tra bevute nei tavolini di un bar, tra personaggi del mondo del cinema. Ma ora fa capolino anche la morte...
  • Locarno 2018

    Hotel by the River RecensioneHotel by the River

    di Secondo film dell'anno di Hong Sangsoo, Hotel by the River, in concorso a Locarno dopo Grass al Forum della Berlinale. Contemplando un fiume d'inverno, in bianco e nero, il regista sudcoreano supera le sue abituali schermaglie tra i sessi per approdare alla poesia, alla natura, alla vita e alla morte.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento