Behemoth

Behemoth

di

Presentato in concorso alla Mostra di Venezia, Behemoth è la nuova opera di Zhao Liang. Smarcandosi dal documentario sociale, per cui il regista cinese si era fatto conoscere, il film approda a una dimensione di lirismo, ma per raccontare sempre il mondo degli umili, degli ultimi, in una società governata da un capitalismo caotico e sregolato.

Black Coal

Sotto il sole, la celestiale bellezza delle distese erbose sarà presto consumata dalla polvere delle miniere. Tra le ceneri e il frastuono causati dalle pesanti attività minerarie, i pascoli si riducono e ai pastori non resta che partire. Al chiaro di luna le miniere di ferro sono illuminate a giorno. I lavoratori che azionano le trivelle devono rimanere svegli. È una dura lotta, contro le macchine e contro se stessi.[sinossi]

Il poeta della giustizia, come lo definisce Albert Serra, Zhao Liang torna a occuparsi di temi sociali, ambiente, sanità. A cambiare tuttavia è la forma. Dopo Petition, Crime and Punishment, Paper Airplane e altri documentari, il filmmaker cinese realizza ora con Behemoth – in concorso a Venezia 2015 – un poema visivo, un Koyaanisqatsi apocalittico, che riprende La Divina Commedia dantesca arrivando a dei momenti che si avvicinano alla video-installazione, con lo schermo diviso da linee oblique.
Una sinfonia che è una progressione all’inferno, fatta di enormi voragini generate dall’attività estrattiva, paesaggi lunari talmente grandi che non si riesce neanche a scorgerne più i contorni, pur in inquadrature in campo lunghissimo. Miniere che sprofondano per un’infinità di piani nel sottosuolo, autentici gironi danteschi. File interminabili di palazzoni tutti uguali a comporre città fantasma. Il consumo del suolo, del territorio rurale o naturale appare inesorabile, un buco nero che inghiotte tutto a grande velocità. E poi si arriva alle piaghe, alla contaminazione dei corpi dei lavoratori, alle morti bianche.

Siamo certamente vicini al cinema di Wang Bing ma, mentre quest’ultimo genera una sensazione di degrado, della sporcizia, dell’impurità, in Behemoth Zhao Liang realizza un’estetica, una figurazione formando disegni e geometrie che tendono all’astrazione. Sono le immagini che arrivano, prepotenti, dal miglior cinema cinese contemporaneo, basta pensare anche al film Fuochi d’artificio in pieno giorno. E sono immagini che risultano devastanti pur – o forse proprio per – il loro valore estetico.
Concepito inizialmente come un documentario on the road, il progetto è stato poi modificato in corso d’opera, arrivando alla forma definitiva e alla struttura che richiama La Divina Commedia. Il rosso degli altoforni, con le loro scintille, è l’inferno; il grigio della povere generata dalle file di camion è il purgatorio; mentre il blu del cielo della città fantasma di Ordos è il paradiso. Difficile pensare però a un reale paradiso, a una concezione idilliaca. La grande città è disabitata, fatta di grandi scheletri che si stagliano nell’aria, carcasse vuote, cattedrali nel deserto. E dovrebbe essere ripetuta la performance che si vedeva in Bored Youth, dove il ragazzo demolisce il fatiscente edificio.
Tutto viene orchestrato dalla bacchetta del direttore Zhao Liang. Il capitalismo, il consumismo sempre più globalizzati creano un’enorme fame che reclama risorse naturali. Un gigantesco leviatano è stato scatenato, e la responsabilità è di tutti, in quanto consumatori di energia, di risorse, che tengono un alto livello di benessere. Ma quello che emerge, nelle grandi città fantasma, è anche il senso di un enorme spreco, di pianificazioni inutili o mal concepite.
Se il cinema di Zhao Liang ha sempre reso il contrasto tra mondo rurale e mondo urbano, raccontando il secondo come terreno di degrado, come un grande tugurio, vedi film come City Scene o Bored Youth, ora sembra che il primo stia venendo inesorabilmente divorato dal secondo.

Info
La scheda di Behemoth sul sito della Biennale.
  • behemoth-2015-zhao-liang-001.jpg
  • behemoth-2015-zhao-liang-002.jpg
  • behemoth-2015-zhao-liang-003.jpg
  • behemoth-2015-zhao-liang-004.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2015

    liu-shumin-intervistaIntervista a Liu Shumin

    Abbiamo incontrato al Lido l'esordiente regista di The Family, film che ha aperto fuori concorso la trentesima edizione della Settimana Internazionale della Critica, per parlare di piano sequenza, 35mm e cinema cinese contemporaneo...
  • Venezia 2015

    the-familyThe Family

    di Il quarantunenne Liu Shumin realizza con The Family una minimalista epopea familiare, feroce e intima. Ottima pre-apertura della 30esima edizione della Settimana Internazionale della Critica.
  • Archivio

    Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.
  • Rotterdam 2015

    Intervista a Wang Bing

    Uno dei più importanti nomi del cinema documentario, Wang Bing, punta la sua camera sulla vita di un padre e due figli, che vivono in uno spazio di quattro metri quadrati. È il suo nuovo lavoro, Father and Sons, concepito come videoinstallazione e presentato al Festival di Rotterdam, dove abbiamo incontrato il regista.
  • Rotterdam 2015

    Father and Sons

    di Opera tra documentario e videoinstallazione, il nuovo film di Wang Bing è ancora una volta uno squarcio su un frammento della popolazione cinese, la vita di tutti i giorni in un angusto stanzino di un bambino, suo fratello e il padre, in una zona mineraria dello Yunnan.
  • Interviste

    Intervista a Diao Yinan

    Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao Yinan è stato presentato in anteprima italiana al Far East. Abbiamo intervistato il regista per parlare del suo film ma anche dello stato delle cose nel sistema cinematografico cinese.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • AltreVisioni

    Le tre sorelle RecensioneLe tre sorelle

    di Quadri terrificanti, divertenti e spiazzanti: Le tre sorelle di Wang Bing è un'opera dallo sconvolgente potere immaginifico con cui il cineasta cinese sublima il concetto di cinema documentario.
  • Festival

    Venezia 2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Torino 2015

    Li Wen at East Lake

    di Mao e le origini della civiltà cinese, la Rivoluzione culturale e lo sfruttamento urbanistico odierno, detection story e film-inchiesta: tutto questo trova in Li wen at East Lake, presentato in Internazionale.doc al Torino Film Festival, una chiosa arguta, brillante e a tratti enigmatica, intorno a quell'enigma che è il potere.
  • Berlinale 2016

    crosscurrent recensioneCrosscurrent

    di Una pellicola visivamente imponente, un viaggio dall’incedere ipnotico, tra suggestioni storiche, geografiche, letterarie, metafisiche. La Cina che muta inesorabilmente pelle, lasciando tracce e ferite di un passato pronto a riemergere. Alla Berlinale 2016.
  • Ca' Foscari Short

    Under the Sun

    di Il giovane regista cinese Qiu Yang mette in scena una guerra fra poveri, in una nazione sempre protesa verso il futuro e incapace di leggere il proprio presente.
  • Festival

    Trento-Film-Festival-2016Trento Film Festival 2016

    Il Trento Film Festival 2016, dal 28 aprile all'8 maggio, sessantaquattresima edizione della storica kermesse sul cinema della montagna, tra documentari nazionali e internazionali, anteprime per il grande pubblico, il focus sul Cile, mediometraggi e cortometraggi, mostre fotografiche...
  • Berlinale 2017

    Ghost in the Mountains

    di Presentato alla sezione Panorama della Berlinale, Ghost in the Mountains di Yang Heng prosegue il suo percorso nella Cina rurale e marginale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento