My Name Is Emily
Con circa due anni di ritardo arriva nelle nostre sale My Name Is Emily di Simon Fitzmaurice, affetto da SLA da quasi un decennio e scomparso a soli 43 anni pochi giorni prima della distribuzione del film in Italia. Leggi tutto
Le complexe de Frankenstein
Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2017 il nuovo documentario di Gilles Penso Le complexe de Frankenstein che si occupa dei maestri degli effetti speciali che hanno sostituito la stop-motion nella realizzazione di mostri cinematografici. Leggi tutto
Cure a domicilio
Per Lab80 arriva in sala Cure a domicilio di Slávek Horák: commedia sobria e crudele, che riflette in modo intelligente su corpo (della donna) e presenza sociale. Leggi tutto
Manifesto
Esaltato e fagocitato al tempo stesso dalle incontenibili performance di Cate Blanchett, il Manifesto dei Manifesti di Julian Rosefeldt è un gioco pop ammiccante e divertente. Leggi tutto
The Devil’s Candy
Interessante tentativo di fondere le inquietudini dell’horror con la più standardizzata iconografia heavy metal, The Devil's Candy trasmette genuina inquietudine, restando tuttavia un po' involuto. Leggi tutto
Angoscia
L'esordiente Sonny Mallhi dirige con Angoscia un interessante horror adolescenziale con ambizioni esistenzialistiche, che però rimane presto prigioniero del suo minimalismo. Leggi tutto
L’infanzia di un capo
Opera prima dell'attore statunitense Brady Corbet, ambiziosa e insolita, a tratti straniante, L'infanzia di un capo (The Childhood of a Leader) approda nelle sale italiane due anni dopo la presentazione a Venezia. Leggi tutto