The Family

The Family

di

Il quarantunenne Liu Shumin realizza con The Family una minimalista epopea familiare, feroce e intima. Ottima pre-apertura della 30esima edizione della Settimana Internazionale della Critica.

Vivere…riesco a vivere?

Liu e Deng sono una coppia di settantenni. Sposati ormai da mezzo secolo, vivono in una piccola città della Cina interna. La loro è una famiglia tutto sommato ordinaria: la figlia maggiore, Liqin, divorziata con un figlio adolescente, vive con loro; la seconda figlia, Xiaomin, e il figlio minore, Xujun, vivono invece in città lontane, sposati e con le loro famiglie. Xiaomin e Xujun sono anche troppo occupati per far visita ai genitori, che così decidono di mettersi in viaggio per andarli a trovare. E sarà un viaggio speciale: Liu e Deng ce la metteranno tutta per tenere unita la famiglia, nonostante la distanza. [sinossi]

Di fronte allo scardinamento socio-culturale in corso nella Cina degli ultimi vent’anni, il cinema locale ha provato a reagire in modi diversi, spesso antitetici. Inutile dire che la risposta migliore, la più profonda e la più ‘esatta’ resta la lettura che emerge dalla cinematografia di Jia Zhangke (il cui titolo più recente, Mountains May Depart, presentato pochi mesi fa a Cannes, si attesta tra le vette del suo cinema). Non meno arguta, ma forse in certo modo più classificabile è la risposta che, di fronte a questo trauma neo-capitalista, arriva invece da Diao Yinan (vincitore nel 2014 dell’Orso d’Oro con Fuochi d’artificio in pieno giorno) e da Vivian Qu (il cui Trap Street venne mostrato due anni fa all’interno della Settimana della Critica qui a Venezia). Questi ultimi tentano (e riescono) a leggere la violenza della società cinese contemporanea attraverso il filtro del noir e della rielaborazione dei meccanismi del giallo già messa in atto decenni or sono da Michelangelo Antonioni; mentre al contrario Jia Zhangke lavora soprattutto sullo spappolamento dell’immagine e dunque sulla de-formazione e – quasi – sull’esplosione dell’iconografia e dei simboli della cultura e della memoria del proprio paese.
Ora, alla 72esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, ci arriva una nuova chiave di lettura, sempre grazie alla Settimana della Critica, che come pre-apertura – per celebrare il suo trentennale – ha messo in programmazione un film denso e complesso come The Family, opera d’esordio del quarantunenne Liu Shumin.

Del resto, come i connazionali sopracitati, anche Liu ci parla direttamente della qualità del vivere del suo paese, della disgregazione sociale, della scomparsa del passato. Ma, per farlo, sceglie di lavorare sulla durata, sul tempo, sull’attesa – come in certo modo il primo Jia Zhangke, quello ad esempio di Xiao Wu e di Unknown Pleasures – dilatando fino allo spasimo i mille piccoli eventi di cui è composto il suo film, tanto da arrivare a un minutaggio decisamente impegnativo (280 minuti). In questo ritratto di famiglia fortemente debitore dell’Ozu di Viaggio a Tokyo, finisce per emergere allora un racconto dell’evenemenziale, un annullarsi nei riti quotidiani, una fatica della parola e dell’esprimersi tra consanguinei che dà il polso di un popolo sradicato, incapace di ritrovarsi. Il cibo – e soprattutto la ritualità del cucinare – resta allora l’unico legame, l’unico appiglio per tener viva la memoria… o forse si tratta anch’esso di una parvenza, del segno fantasmatico di un vivere comunitario ormai dissoltosi (e non è un caso che un pranzo non consumato sarà il controcampo della morte).
Vediamo perciò i due anziani protagonisti andare a far visita ai tre figli, ciascuno con una vita e una famiglia propria e ormai dimentichi del concetto di fratellanza. La maggiore infatti avrebbe bisogno di soldi, tanto che sua madre prova a chiedere un prestito per suo conto agli altri fratelli, con scarso successo. Nel frattempo, il padre passa le sue giornate davanti alla TV, vittima di un’inerzia sempre più inesorabile.

Tutto giocato su un minimalismo formale e su un occhio istintivamente documentaristico (le lunghe inquadrature fisse dei personaggi che si sperdono in strada tra la folla, o che – viceversa – fanno sorprendentemente capolino in campo lunghissimo, ci ricordano la consustanziale piccolezza dell’esistere), The Family si regge su degli equilibri sbalorditivi quanto estremamente fragili: quello secondo cui il giudizio autoriale resta assopito e in qualche modo nascosto nei riti quotidiani e quello che prevede la costante compresenza di fiction e documentario, della ripresa dal vero e dell’artificio. Tutto questo viene però a tratti a mancare, sia per una condanna che di tanto in tanto si fa troppo esplicita, sia per alcuni elementi formali un po’ azzardati (come un paio di dolly), sia soprattutto per una svolta narrativa nel pre-finale che chiude il tutto in una dimensione narrativo-simbolica, rischiando di occludere la potenza dello sguardo. Si tratta però in fin dei conti di dettagli, di sovrastrutture che non intaccano la potenza dell’ambiziosissima struttura, quella di un racconto semplice e lineare racchiuso in una durata quasi-abnorme. E, ben lungi dal poter essere additato come un difetto, è proprio in questa sua apparente discrasia che si coglie la potenza di The Family, nella sua capacità di lavorare sulle sfumature, nel far emergere alla lunga doppiezze ed ambiguità dei suoi protagonisti (come nel litigio tra il padre e l’unico figlio maschio), in un modo che solo un raffinato romanziere è in grado di fare. E allora, non ci sembra di sbagliare nell’identificare in Liu Shumin un nuovo importante cantore della Cina contemporanea, di quella Cina sempre meno disposta a riconoscere se stessa e a guardarsi allo specchio.

Info
The Family sul sito della SIC.
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-01.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-02.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-03.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-04.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-05.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-06.jpg
  • the-family-2015-Jia-Liu-Shumin-SIC-30-07.jpg
  • Liu-Shumin-the-family-2015-Jia-20-SIC.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    mostra-del-cinema-di-venezia-2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Venezia 2015

    Settimana della Critica 2015 – Presentazione

    L'edizione del trentennale, l'ultima con Francesco Di Pace in qualità di delegato generale. Tra Peter Mullan, il racconto espanso di una famiglia cinese e molto altro. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2015, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Archivio

    Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.
  • Venezia 2014

    The Coffin in the Mountain

    di Commedia nera tesa a svelare le ipocrisie di una piccola comunità rurale nell'entroterra cinese: è il film d'esordio di Xin Yukun, in concorso alla Settimana della Critica, a Venezia 71.
  • Interviste

    Intervista a Diao Yinan

    Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao Yinan è stato presentato in anteprima italiana al Far East. Abbiamo intervistato il regista per parlare del suo film ma anche dello stato delle cose nel sistema cinematografico cinese.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • Torino 2013

    Intervista a Yu Likwai

    Omaggiato da una retrospettiva al TFF, all'interno della sezione Onde, il cineata hongkonghese ci ha raccontato la sua idea di cinema, il rapporto con Jia Zhangke (con cui collabora da direttore della fotografia) e il suo approccio verso il digitale.
  • Roma 2013

    Blue Sky Bones

    di Unico film cinese in concorso al festival di Roma, l'esordio al lungometraggio del rocker Cui Jian è una riflessione libertaria e ipnotica sul passato e il presente della Cina (post)comunista.
  • Venezia 2013

    Intervista a Vivian Qu

    Abbiamo incontrato la regista di Trap Street, presentato in concorso nella Settimana Internazionale della Critica.
  • Venezia 2013

    Redemption

    di Miguel Gomes dimostra una volta di più la propria genialità con un cortometraggio abrasivo, divertente, crudele e doloroso. Tra i capolavori di Venezia 70.
  • AltreVisioni

    Xiao Wu

    di L'esordio al lungometraggio di Jia Zhangke, Xiao Wu, è una folgorazione che apre il campo a prospettive fino ad allora sostanzialmente sconosciute nella pratica cinematografica della Cina continentale.
  • Venezia 2015

    The-ReturnThe Return

    di Nel concorso della Settimana della Critica è stato presentato anche il film del regista singaporegno Green Zeng, un viaggio mesto nella Singapore degli ultimi decenni, tempio dell'economia mondiale e della repressione anticomunista.
  • Venezia 2015

    Behemoth

    di Presentato in concorso alla Mostra di Venezia, Behemoth è la nuova opera di Zhao Liang. Smarcandosi dal documentario sociale, per cui il regista cinese si era fatto conoscere, il film approda a una dimensione di lirismo, ma per raccontare sempre il mondo degli umili, degli ultimi, in una società governata da un capitalismo caotico e sregolato.
  • Venezia 2015

    liu-shumin-intervistaIntervista a Liu Shumin

    Abbiamo incontrato al Lido l'esordiente regista di The Family, film che ha aperto fuori concorso la trentesima edizione della Settimana Internazionale della Critica, per parlare di piano sequenza, 35mm e cinema cinese contemporaneo...
  • Venezia 2015

    La calle de la Amargura

    di Fuori concorso a Venezia 72 il nuovo parto creativo di Arturo Ripstein. Un viaggio nei bassifondi (non solo sociali) del Messico, in un bianco e nero che sfonda lo schermo.
  • Venezia 2015

    Tanna vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va al film di Vanuatu diretto da Martin Butler e Bentley Dean la Settimana Internazionale della Critica 2015. Un Romeo e Giulietta immerso negli splendidi paesaggi dell'oceano Pacifico.
  • Venezia 2015

    Intervista a Francesco Di Pace

    Abbiamo intervistato Francesco Di Pace, che ha concluso con questa edizione l'impegno come Delegato Generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Un modo per fare il punto sulla selezione, sul festival e sul sistema-cinema italiano.
  • Torino 2015

    Li Wen at East Lake

    di Mao e le origini della civiltà cinese, la Rivoluzione culturale e lo sfruttamento urbanistico odierno, detection story e film-inchiesta: tutto questo trova in Li wen at East Lake, presentato in Internazionale.doc al Torino Film Festival, una chiosa arguta, brillante e a tratti enigmatica, intorno a quell'enigma che è il potere.
  • Festival

    settimana-della-critica-2015Settimana della Critica 2015

    La Settimana Internazionale della Critica, la più antica e prestigiosa tra le sezioni collaterali che animano i lavori della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, compie trent'anni...
  • Ca' Foscari Short

    Under the Sun

    di Il giovane regista cinese Qiu Yang mette in scena una guerra fra poveri, in una nazione sempre protesa verso il futuro e incapace di leggere il proprio presente.
  • Torino 2016

    The Donor

    di Esordio di Zang Qiwu, The Donor mette in scena lo sfruttamento di classe (e di reni) nella Cina contemporanea, aderendo parzialmente allo stilema del thriller dilatato tipico di altri suoi connazionali. Corretto, ma con pochi guizzi. Vincitore del concorso internazionale alla 34esima edizione del Torino Film Festival.
  • Cannes 2017

    Walking Past the Future

    di Tra dramma sociale e melò urbano, Walking Past the Future del cinese Li Ruijun è l'ennesima imitazione malriuscita del cinema di Jia Zhangke. In Un certain regard alla 70esima edizione del Festival di Cannes.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento