The Birth of a Nation

The Birth of a Nation

di

The Birth of a Nation narra la vera storia di Nat Turner, nato schiavo in Virginia e alla guida, poco più che trentenne, di un tentativo di insurrezione contro il padronato bianco. Alla Festa di Roma 2016.

Parola del Signore

Ambientato in Virginia nel 1831, il film racconta di Nat Turner, uno schiavo istruito il cui padrone in difficoltà economiche, Samuel Turner, sfrutta la sua abilità come predicatore per sottomettere gli schiavi ribelli. Dopo esser stato testimone di innumerevoli atrocità, Nat escogita un piano per condurre la sua gente alla libertà. [sinossi]

The Birth of a Nation non è un film che vuole passare inosservato, e lo si evince con facilità fin dal titolo, che occhieggia in tralice la Nascita di una nazione di David W. Griffith, che ha spento lo scorso anno le cento candeline e si ritrova, come l’esordio al lungometraggio di Nate Parker, ospitato all’interno dei lavori dell’undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma. Il sottotitolo italiano scelto per il film è Il risveglio di un popolo, e l’effetto che produce nello spettatore è straniante. Perché la storia – vera, come rimarca fin da subito il film – di Nat Turner, lo schiavo della Virginia che si ribellò ai suoi padroni e fece strage di un buon numero di proprietari terrieri prima di essere portato al patibolo, dovrebbe rappresentare il “risveglio di un popolo”? Più giusto e decoroso fare riferimento semmai alla nascita di una nazione, una nazione in cui anche coloro che sono ridotti al silenzio hanno il diritto e il dovere di imbracciare le armi per trovare la propria dignità, ribadire il proprio diritto all’esistenza.
Come tutti gli slavery movie anche The Birth of a Nation diventa immediatamente un oggetto di riflessione politica, che non può che tracimare all’oggi, invadendo lo spazio di una quotidianità che parla di un’enorme disparità sociale esistente (per fermarsi agli Stati Uniti d’America, ma il tema è anche europeo, visto e considerato il dibattito sui migranti) tra la popolazione bianca, in particolare i wasp di origine anglosassone, e le altre comunità, in particolar modo gli afrodiscendenti che proprio in questi giorni stanno mettendo a ferro e fuoco la nazione, in protesta con il trattamento ricevuto da parte delle forze dell’ordine.
Il tema della schiavitù e della guerra di secessione che comportò anche uno scontro tra abolizionisti e i negrieri che volevano mantenere lo status quo sembra aver trovato nel Terzo Millennio una certa continuità produttiva, a Hollywood e nelle strette vicinanze della stessa: lo dimostrano, al di là di casi eloquenti come Django Unchained di Quentin Tarantino e 12 anni schiavo di Steve McQueen, anche i vari Amazing Gracez di Michael Apted, Manderlay di Lars Von Trier (già il precedente Dogville, seppur in modo allegorico, metteva in scena la schiavitù) e, approfondendo l’aspetto puramente legislativo, Lincoln di Steven Spielberg.

Parker, che veste anche i ruoli del protagonista, sembra ritagliare intuizioni e immaginari da Tarantino e McQueen; è proprio nella sua messa in scena, piuttosto difficoltosa e tendente a un magniloquente abuso di retorica (tralasciando derive nel cattivo gusto come l’immagine dell’angelo che accompagna, e domina, la vita di Turner), che The Birth of a Nation perde la sua occasione di incidere in maniera davvero forte e netta nella storia del cinema, per lo meno quello recente. Se le turpitudini cui erano soggetti gli schiavi non si discostano da immagini oramai diventate abituali e le situazioni si rifanno, spesso in maniera didascalica e senza una propria forza essenziale, a quelle descritte in tutta la slave narrative, da quella storica – vista in ogni caso con l’occhio del bianco, magari pietoso ma mai davvero giusto nei confronti di chi pativa condizioni inumane di prigionia –, la struttura narrativa appare poco fluida, alcuni personaggi secondari sono tratteggiati senza alcuna sfumatura e ridotti a mero utilizzo di tipi.
Questa grossolanità nella gestione della storia non impedisce in ogni caso a The Birth of a Nation di portare sullo schermo un personaggio principale di notevole interesse: schiavo educato fin da bambino alla lettura, infervorato dalla scoperta della Bibbia (unico libro a cui ha accesso, visto che gli altri sono “da bianchi” e secondo questi ultimi gli risulterebbero incomprensibili), Turner trova proprio in quella che ritiene la parola del Signore la spinta per sollevarsi contro i padroni portando con sé i suoi fratelli in catene. Così come Django Freeman trovava un’educazione laica alla giustizia e alla lotta nell’incontro con il medico tedesco King Schultz, lo stesso insegnamento Turner lo rintraccia nel “libro dei libri”. Il verbo come primo punto di partenza per una rivoluzione, un’idea quasi prossima a Thomas Müntzer, che nel secondo decennio del Sedicesimo secolo mise a ferro e fuoco la Germania a capo di un esercito di contadini, operai e artigiani che rivendicavano il diritto all’emancipazione, e alla terra. Mühlhausen fu la tomba di Müntzer, Courtland quella di Turner: al primo staccarono la testa, il secondo venne impiccato. Ma la sostanza è la stessa, nonostante secoli e pigmentazioni diverse: il potere economico e politico non accetta insubordinazioni, e le reprime nel sangue. Lo schiavo è schiavo, e tale deve rimanere.
Peccato che Parker non sappia condurre con coerenza il discorso fino in fondo, al punto da rintracciare una sorta di compensazione al trattamento subito di centinaia di migliaia di africani nella partecipazione degli stessi alla Guerra di Secessione nelle fila dell’esercito del Nord. Una scelta, quella di concludere The Birth of a Nation sulle immagini dei soldati afrodiscendenti dell’Unione, che appare poco condivisibile: quei soldati furono carne da macello utilizzata a proprio uso e consumo dai nordisti come propaganda bellica. I loro capi, ai quali dovevano ubbidire, erano una volta di più bianchi anglosassoni. I parenti prossimi di coloro che li tenevano in catene. Per questo la risposta migliore alla schiavitù resta l’atto di ribellione, l’utopia della lotta di Turner, quel gesto che non accetta compromessi e non fa distinzione tra supposti buoni e cattivi. La rivoluzione non è un pranzo di gala, diceva qualcuno.

Info
Il trailer di The Birth of a Nation.
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-13.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-12.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-11.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-10.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-09.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-08.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-07.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-06.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-05.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-04.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-03.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-02.jpg
  • the-birth-of-a-nation-il-risveglio-di-un-popolo-2016-nate-parker-01.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2016

    Nascita di una nazione

    di Il film più dibattuto della carriera di David W. Griffith ha più di cento anni, ma continua a suscitare diatribe e discussioni, pur essendo riconosciuto come la nascita di una nazione (cinematografica). Presentato in dcp alla Festa di Roma 2016.
  • Festival

    roma-2016Roma 2016

    Torna la kermesse diretta per il secondo anno da Antonio Monda, tra anteprime, retrospettive, documentari, animazione e il consueto "festival nel festival" di Alice nella città.
  • Archivio

    The Hateful Eight RecensioneThe Hateful Eight

    di Girato nel "glorious 70mm", il nuovo film di Tarantino prosegue nello scavo della storia statunitense, mostrandone il volto mai pacificato, barbarico e sudicio. Un kammerspiel immerso nella neve, e nel sangue.
  • Archivio

    Lincoln RecensioneLincoln

    di In una nazione divisa, Lincoln osserva una linea di condotta che mira a porre fine alla guerra, unire il paese e abolire la schiavitù. Le scelte che compirà in questo momento critico cambieranno il destino delle generazioni future...
  • Archivio

    Django Unchained RecensioneDjango Unchained

    di Come sempre (in)fedele a se stesso e all'universo nel quale si trova a girare, Quentin Tarantino conferma con Django Unchained di essere una delle poche vere voci anarchiche del cinema hollywoodiano...
  • Torino 2016

    Free State of Jones RecensioneFree State of Jones

    di Qualche passaggio a vuoto, una cornice troppo didascalica, ma anche il solido mestiere di Gary Ross e un McConaughey misurato, accompagnato da un valido cast. Disastro al botteghino negli Stati Uniti, presentato al TFF2016, da dicembre nelle sale italiane.
  • In Sala

    Barriere

    di Adattamento dell'opera teatrale di August Wilson e terza regia di Denzel Washington, Barriere è un dramma solido, molto classico, dominato dalle parole e dalle performance dello stesso Washington e di Viola Davis, entrambi in corsa per una statuetta.
  • Archivio

    I Am Not Your Negro RecensioneI Am Not Your Negro

    di Distribuito in occasione della giornata internazionale contro il razzismo, I Am Not Your Negro è un’opera preziosa, che da un progetto risalente ad oltre un trentennio fa allarga il suo sguardo per trattare, senza retorica, le contraddizioni e i nodi irrisolti dell’America attuale.
  • Animazione

    Coal BlackCoal Black and De Censored Eleven

    Undici sono i cartoni proibiti. Eh, magari fosse il titolo per un romanzo di Tullio Avoledo. In realtà, è il numero (im)preciso di corti animati banditi dalla visione, Network e Home video, americana. Causa razzismo. Coal Black and de Sebben Dwarfs, Tin Pan Alley Cats, Angel Puss...
  • Roma 2018

    se la strada potesse parlare recensioneSe la strada potesse parlare

    di Se la strada potesse parlare, tratto da un romanzo di James Baldwin, è il terzo lungometraggio di Barry Jenkins. Un viaggio nella condizione afrodiscendente negli Stati Uniti degli anni Settanta. Retorico e privo di nerbo.
  • Locarno 2019

    Within Our Gates recensioneWithin Our Gates

    di Oscar Micheaux è un nome completamente dimenticato dagli storici del cinema e dagli appassionati cultori della Settima Arte. Eppure il suo Within Our Gates è la prima e più potente risposta al razzismo griffithiano. A Locarno nella retrospettiva Black Light.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento