DRIFT

DRIFT

di

DRIFT è l’esordio alla regia della tedesca Helena Wittmann, che si riappropria del tema del viaggio lavorando sull’estatico stupore della materia stessa di cui si compone la natura: un profluvio di acque marine, l’ondeggiare di una barca a vela sull’oceano. Cosa cambia? Cosa permane? Cos’è il tempo? Interrogativi ambiziosi per un’opera che non lascia indifferenti. Alla Settimana Internazionale della Critica 2017.

E il naufragar m’è dolce…

Due donne trascorrono un weekend sul mare del Nord. Una delle due tornerà presto dalla famiglia in Argentina, mentre l’altra cercherà di avvicinarsi all’Oceano. A bordo di una barca a vela, attraversa l’Atlantico. Il tempo abbandona i sentieri battuti e l’onda lunga la culla verso un sonno profondo. Il mare prende il controllo del racconto. Quando riappare, ha ancora il vento fra i capelli, ma il terreno sotto i suoi piedi è solido. Lei ritorna e l’altra le chiede: “Sei cambiata?”. [sinossi]

Potrà sembrare un’affermazione banale, e perfino pleonastica, ma DRIFT è davvero un film “alla deriva”. Non solo per la sua natura errabonda, con Theresa che sola sulla sua barca attraversa il mare, specchio d’acqua che non ha confini visibili e che si pone come unica immensa massa, tangibile ma non direttamente materiale, organismo pulsante sotto l’umano ma di cui l’uomo si nutre, vive, è in gran parte fatto. Per quanto possa apparire basica la narrazione dell’esordio alla regia di un lungometraggio della tedesca Helena Wittmann (e in parte è innegabile che lo sia) c’è un intero cosmo che vi si agita all’interno, un nucleo dirompente che vive e crea, per distruggere e continuare inesorabilmente a creare. La creazione. La genesi. Da lì parte e muore – o riparte – DRIFT, stordente apparizione di un immaginario altro che arricchisce una selezione, quella della Settimana Internazionale della Critica di Venezia, che ha già assestato alcuni dei colpi al cuore più diretti del palinsesto festivaliero (Les Garçons sauvages di Bertrand Mandico, The Gulf di Emre Yeksan), ma non aveva ancora avuto modo di confrontarsi con una materia così ostica, mai respingente ma anche decisa a non scendere a patti con la prassi. Ci si può sentire anche rigettati da DRIFT, perché è un film che pretende dallo spettatore non solo la necessaria attenzione, ma anche la voglia di non sapere dove si andrà a finire. Un film per dispersi, un film che disperde i suoi personaggi e sfilaccia allo stesso tempo la narrazione, per seguire un flusso che è basilare, attorno al quale si è fondata la vita sulla terra. Theresa parla di miti ancestrali dell’Oceania, e in qualche modo parla della necessità di avere un rapporto primigenio con il mondo che la circonda. Così, quando Serafina torna dai parenti in Argentina, può fare l’unica cosa che è concessa a chi ha intenzione di non lasciarsi assuefare dalla quotidiani: la dispersione.

C’è un punto di rottura, nel cuore di DRIFT, che marca il confine tra l’immaginario e l’immagine in quanto tale. Là dove Mandico prefigurava ritorni fantasmatici ed esaltanti a un cinema che non è più, che non si vuole più che sia tale, Wittmann torna ancora più indietro nel tempo: il suo film possiede l’attonito stupore di chi riprende per la prima volta qualcosa. Il mare di DRIFT è come se fosse neonato, mai ripreso prima, vergine di fronte all’occhio di una camera. C’è un potere sotterraneo che cresce di minuto in minuto, proprio quando il film sembra disperso tra i flutti, e prosegue su quella piccola imbarcazione e su quell’unica persona che la governa. O che forse da essa è governata.
La barca è a sua volta punto di osservazione, sala cinematografica per Theresa, che sa di essere sola e sa di avere di fronte a sé l’unica salvezza per l’umanità: la visione. Il lato teorico di DRIFT, come è evidente decisamente centrale, non dimentica mai la componente di puro stordimento ottico che il cinema possiede come essenza pura, e Wittmann orchestra una sinfonia di suoni e colori che una volta di più riporta agli albori, a un mondo creato lì per lì e ancora da consolidare, a un universo in fieri e forse già in disfacimento. Lunghezze d’onda… E Wavelenght di Michael Snow è l’evidente punto di riferimento di un vagare che è già ritrovarsi, di un movimento che è immoto eppure eternamente sfiancante – per Snow era l’avvicinamento, lungo tre quarti d’ora, a un’immagine di onde, qui citato in maniera esplicita nell’ultima inquadratura del film – e che è destinato a rinascere al ritorno a casa della donna.
Helena Wittmann comprende che sperimentare nel Ventunesimo Secolo significa anche sapere cos’è l’inizio, e cosa significa generare ed essere generati. Mostra il centro del nulla – o del tutto – come l’Edgar Allan Poe di Una discesa nel Maelström, ma non prevede dissoluzione. “Sei cambiata?”, è la domanda. La risposta non ha neanche bisogno di essere pronunciata.

Info
La scheda di DRIFT sul sito della SIC.
  • Drift-2017-Helena-Wittmann-01.jpg
  • Drift-2017-Helena-Wittmann-02.jpg
  • Drift-2017-Helena-Wittmann-03.jpg
  • Drift-2017-Helena-Wittmann-04.jpg
  • Drift-2017-Helena-Wittmann-05.jpg
  • Helena-Wittmann-2017-Drift.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2017

    Intervista a Helena Wittmann

    DRIFT di Helena Wittmann ragiona sul tema del viaggio, sull'origine dello sguardo e sull'estatico stupore al cospetto della natura. Abbiamo intervistato la regista per parlare del processo creativo di un film così inusuale.
  • Venezia 2017

    Intervista a Bertrand Mandico

    Tra le scoperte di Venezia 74 un ruolo di primo piano lo merita l’esordio di Bertrand Mandico, Les garçons sauvages, presentata alla SIC. Abbiamo incontrato il regista francese, per parlare della sua visionaria idea di cinema.
  • Venezia 2017

    Les garçons sauvages

    di Con Les garçons sauvages Bertrand Mandico esordisce alla regia, spiegando di fronte agli occhi degli spettatori le ali di un immaginario sfrenato, che riesce a trovare il miracoloso punto di incontro tra reale e mitico, tra rêverie e brutalità. Alla SIC 2017.
  • Festival

    Venezia 2017 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra, tra sale, code, film, colpi di fulmine e ferali delusioni: il consueto appuntamento con il Minuto per minuto, cronaca festivaliera con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • Festival

    Venezia 2017

    La Mostra del Cinema di Venezia 2017, dalla proiezione di preapertura di Rosita di Ernst Lubitsch al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Festival

    Settimana della Critica 2017

    La Settimana della Critica 2017, seconda edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra sperimentazione, depistaggio e narrazione del reale, tra marinai, viaggi sperduti, ricerca di sé...
  • Venezia 2017

    Settimana della Critica 2017 – Presentazione

    Nella cornice della Casa del Cinema a Roma è stato presentato alla stampa il programma della Settimana della Critica 2017, seconda edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra sperimentazione, depistaggio e narrazione del reale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento