1987: When the Day Comes

1987: When the Day Comes

di

Tra i titoli di punta della ventesima edizione del Far East Film Festival di Udine, 1987: When the Day Comes è un altro tassello del cinema politico e civile della Corea del Sud, una pellicola preziosa negli intenti storici e divulgativi ma non impeccabile nella scrittura e nella messa in scena, tra eccessi didascalici e ridondanze retoriche. Cast notevole, come di consueto.

I segni dell’acqua

Gli eventi del giugno 1987, quando milioni di persone si sono riversati nelle strade contro la dittatura militare di Chun Doo-hwan, hanno un posto fondamentale nella storia della Corea del Sud. Dopo una protesta durata tre settimane, il popolo si rivelò più forte del governo e gettò le basi per una riforma democratica che è arrivata sino ai nostri giorni… [sinossi]

Lo scandaglio e la ricostruzione storica dei tragici anni della dittatura in Corea del Sud hanno imboccato l’autostrada del box office, trovando più di una risposta positiva: la partecipazione delle star, l’adesione di registi di talento, l’entusiasmo del pubblico, i premi e i festival internazionali. Non è un caso, infatti, che dopo i fasti di A Taxi Driver sia uscito nelle sale 1987: When the Day Comes, una sorta di seguito ideale, sia nella cronologia storico-politica sia nella confezione popolare. Un’operazione indubbiamente importante, un utile veicolo di conoscenza tarato sulle attese e l’arsura emotiva del grande pubblico, ma anche il segnale di uno slittamento sempre più marcato verso il mainstream e le relative zavorre narrative.

Difficile restare indifferenti di fronte ai crimini commessi dalla dittatura e dai suoi alfieri più o meno potenti e malati. Altrettanto difficile non farsi trascinare dall’eroismo quotidiano spesso silenzioso e clandestino dei tanti martiri della democrazia. Ancor più difficile non cogliere la valenza – ahinoi – universale di queste storie, a loro volta tasselli di una Storia che è collettiva, internazionale, senza confini geografici e temporali. Delle tante immagini che restano impresse, una segna indelebilmente 1987: When the Day Comes e si riallaccia al passato, al presente e probabilmente anche al nostro futuro: il waterboarding, una forma di tortura che simula l’annegamento e che è tanto brutale e disumana quanto efficace nel piegare la resistenza fisica e psicologica. Questa tecnica criminale ha attraversato decenni (anche i nostri anni di piombo) e marcato l’immaginario del cinema politico e civile, perfetta metafora di un crimine che non lascia segni apparenti. E i segni che non rimangono sono una delle vie di fuga dei regimi, anche quelli democratici (Guantanamo insegna…). Da qui parte 1987: When the Day Comes, da quattro/cinque torturatori che si sono fatti prendere la mano, dai segni dell’acqua che per una volta non sembrano voler scivolare via. I rivoli dell’acqua diventano quindi un ruscello, un fiume, un’onda anomala, riportando in superficie almeno una parte degli orrori sepolti. In questo senso, 1987: When the Day Comes si (ri)connette a National Security, A Taxi Driver, Peppermint Candy, The Attorney. Si lega al prima e dopo 1987, al colpo di stato di Chun Doo-hwan (1979), al massacro di Gwangju (1980), alle aperture pre/post Olimpiadi di Seoul (1988), alla fine della dittatura e delle sue propaggini (1993). Ma anche ad altre Storie, scavando nel passato come dall’altra parte del globo, con altro budget e tecnica, hanno fatto Cristóbal León e Joaquín Cociña con La casa lobo.

Lo slittamento mainstream e i limiti di 1987: When the Day Comes vanno a braccetto con le buone intenzioni. Con la necessità di veicolare il messaggio. Con la necessità di strappare lacrime e biglietti. È nella ridondanza, nella sovrastruttura melodrammatica (la parabola della studentessa Yeon-hee, la ricostruzione narrativa della fotografia, l’alternanza solo a tratti convincente tra dramma e toni leggeri) e nelle continue strizzatine d’occhio agli spettatori che Jang Jun-hwan disperde la schematica compattezza di A Taxi Driver. Compattezza ed efficacia che non ritroviamo nei passaggi chiave, nel momento in cui lo tsunami del popolo avanza e lo Stato risponde: anche in questo caso, lasciano più di un dubbio alcune scelte stilistiche di Jang (il ralenti e l’insistenza sul racconto della fotografia). E se non si poteva pretendere il rigore di Lee Chang-dong (Peppermint Candy), restano lontane la travolgente incisività delle scene di massa di A Taxi Driver e alcuni funzionali preziosismi narrativi ed estetici di Yang Woo-suk in The Attorney (si veda la sequenza che introduce la presa di coscienza del protagonista). Anche il cast di talentuose stelle alla lunga è una coperta un po’ corta.
Al di là dei dubbi e delle lecite posizioni sulla singola pellicola, 1987: When the Day Comes segna l’ennesimo punto a favore di una cinematografia (che è prima di tutto industria) capace di inabissarsi tra le zone oscure di un periodo storico così prossimo e ancora doloroso. Ancora vivo, con tutti i suoi segni. Anche quelli dell’acqua.

Info
Il trailer originale di 1987: When the Day Comes.
La scheda di 1987: When the Day Comes sul sito del Far East 2018.
La scheda di 1987: When the Day Comes sul sito del Kofic.
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-01.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-02.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-03.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-04.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-05.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-07.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-08.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-09.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-10.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-11.jpg
  • 1987-When-the-Day-Comes-2017-Jang-Joon-Hwan-12.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Far East 2018Far East 2018

    Tagliato il traguardo della ventesima edizione, il Far East 2018 mantiene il suo ruolo di grande mappatura dell'annata cinematografica in estremo oriente e sud-est asiatico, guardando con ancora maggiore insistenza dalle parti di Pechino.
  • Notizie

    Presentato a Udine il programma del Far East 2018Far East 2018 – Presentazione

    La ventesima edizione della kermesse friulana guarda con ancora maggiore insistenza dalle parti di Pechino, e il mandarino e il cantonese possono essere oramai considerate le lingue ufficiali del festival. Ma il FEFF è sempre una mappatura del cinema in estremo oriente e sud-est asiatico.
  • Berlinale 2018

    La casa lobo RecensioneLa casa lobo

    di , Presentato alla Berlinale 2018 nella sezione Forum, La casa lobo è un lungometraggio d'animazione in continua mutazione, una pellicola sperimentale a passo uno, surreale, onirica, minuziosamente caotica. Un'immersione nella Storia cilena, tra gli orrori della dittatura.
  • Torino 2017

    A Taxi Driver RecensioneA Taxi Driver

    di Campione d'incassi e scelto dalla Corea del Sud come rappresentante per la (mancata) corsa agli Oscar, A Taxi Driver declina tutti i meccanismi e le scorciatoie retoriche dei blockbuster adattandoli a uno degli eventi più tragici e oscuri della storia sudcoreana.
  • Venezia 2016

    The-Age-of-ShadowsThe Age of Shadows

    di The Age of Shadows è un blockbuster intricato e avvincente, una spy-story che cresce sequenza dopo sequenza, sospinta dal funambolico talento di Kim Jee-woon e dalla magnetica presenza scenica di Song Kang-ho.
  • Far East 2015

    Ode to My Father

    di Dopo il disaster movie Haeundae, il regista sudcoreano Yoon Je-kyoon torna a mescolare retorica e blockbuster con Ode to My Father, melodramma che parte dalla Guerra di Corea e ci trascina senza pudore all'interno della televisione del dolore. Presentato al Far East Film Festival di Udine.
  • AltreVisioni

    National Security

    di Tratto da una storia vera, National Security è il resoconto del rapimento e delle torture subite dall'attivista democratico Kim Geun-tae nei suoi ventidue giorni di prigionia durante il regime di Chun Doo-wan...
  • Far East 2018

    No.1 Chung Ying Street RecensioneNo.1 Chung Ying Street

    di Girato in un bianco e nero dalle diverse striature e tonalità No.1 Chung Ying Street è costruito su un'idea brillante, quella di tagliare la vicenda narrata in due tronconi, ripetizione con variazioni di un'unica lotta, quella del popolo di Hong Kong per la propria terra, oggetto di conflitto ma pure di scambio.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento