Operazione Corea

Operazione Corea

di

Presentato a I mille occhi 2018, nell’ambito della sezione Fiori nel fango – Gemme Universal e Republic, Operazione Corea (Flight Nurse) è un film del 1953 di Allan Dwan, un lavoro su commissione, un film di propaganda sulla guerra di Corea e sulla minaccia dei Rossi. La riscoperta di un’opera considerata minore del regista.

L’infermiera sull’aereo militare

Polly Davis è un’infermiera di guerra coraggiosa e dal forte spirito d’abnegazione, impegnata nel recupero e nelle prime cure, anche morali e psicologiche, dei soldati feriti durante la guerra di Corea. Di lei si innamora uno dei due piloti addetti al trasporto dei feriti, ma lei è fidanzata con un pilota d’elicottero che però viene dato per disperso. [sinossi]

Operazione Corea (Flight Nurse), visto a I mille occhi 2018, è l’ultimo film di Allan Dwan per la Republic Pictures, un lavoro che sembra proprio fatto su commissione, di propaganda patriottica, realizzato durante l’ultimo anno della guerra di Corea, includendo spezzoni reali del conflitto ripresi da cinegiornali. Il film è un omaggio all’infermiera dell’Air Force Lillian Kinkela, pluridecorata nella guerra di Corea come nel secondo conflitto mondiale, che ha collaborato alla realizzazione del film come consulente.

Realizzato solo un anno prima del capolavoro del regista, La campana ha suonato (Silver Load), ci si dovrebbe chiedere come si possa conciliare un film, come Operazione Corea, incentrato sulla minaccia e sul pericolo dei Rossi, con un’opera espressamente antimaccartista, che parla proprio delle psicosi collettive americane, del clima di caccia alle streghe, come il suo successivo western. Parliamo di un regista che ha da sempre mostrato una grande sensibilità progressista, fin dall’epoca del muto, nei western dove gli indiani sono sempre buoni, ma che pure non si è sottratto a una buona dose di patriottismo, come in Iwo Jima, deserto di fuoco sempre fatto nel periodo Republic, o come quando è tornato alla guerra di Corea proprio dove l’aveva lasciata in questo film, vale a dire nella battaglia del bacino di Chosinin che si vede nell’ultimo dei frammenti di repertorio, nel successivo L’ultimo bazooka tuona (Hold Back the Night).

In realtà l’operazione di Operazione Corea è molto chiara da subito come una dissacrazione. Da quando vira al ‘nursexploitation’, nel momento in cui Polly si cambia sull’aereo, esibendo forme procaci e il tipico reggiseno di pizzo bianco, a sospensione da pin up, facendo contemporaneamente il saluto militare davanti al ritratto del suo fidanzato. E in quello successivo, da commedia sexy all’italiana, in cui entra nello spogliatoio femminile esibendo le colleghe seminude. E pur conferendo al personaggio quella retorica patriottica che probabilmente gli veniva richiesta, anche con l’uso di sue pompose frasi in voice over, Dwan è capace di creare un momento trash nella sovrimpressione della protagonista con la faccia di una tipica donna anziana americana dal severo aspetto, la madre del soldato in fin di vita che sta consolando. La mamma, la fidanzata, l’America si incarnano in una figura femminile forte, “Polly la donna guerriero”, che ha più energia dei maschi militari, cui comunque è dedita e devota. Le sue cure consistono più nell’elargire erotismo e sex appeal piuttosto che bende e cerotti. Dwan crea poi il plot da soap opera del fidanzato pilota d’elicottero missing in action, e del rivale d’amore, il pilota del suo aereo, che la vuole conquistare, secondo uno schema tipicamente militaresco, a suon di omaggi floreali, ben sapendo che lei è sentimentalmente impegnata. In fondo Operazione Corea è un film di guerra semplicistico, come quelli dell’epoca, dove il conflitto è visto da un punto di vista femminile, la donna è colei che può alleviare le sofferenze, porre dei correttivi a un mondo in rovina per colpa degli uomini.

Info
Il sito de I Mille occhi 2018.
La scheda dedicata a Operazione Corea su IMDB.
  • Flight-Nurse-1953-Allan-Dwan-003.jpg
  • Flight-Nurse-1953-Allan-Dwan-002.jpg
  • Flight-Nurse-1953-Allan-Dwan-001.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    I Mille Occhi 2018 PresentazioneI Mille Occhi 2018 – Presentazione

    Apre con Il regno del terrore, il film di Anthony Mann ambientato durante la Rivoluzione francese, e chiude con Un uomo a metà, lo straordinario viaggio psicanalitico di Vittorio De Seta, la 17esima edizione de I mille occhi di Trieste, curato da Sergio Grmek Germani, dal 14 al 20 settembre al Teatro Miela, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner.
  • Bergman 100

    Come in uno specchio RecensioneCome in uno specchio

    di Primo capitolo della cosiddetta trilogia del silenzio di Dio, Come in uno specchio rappresentò anche il primo deciso passo verso un sempre più complesso studio della luce naturale e verso un asciugamento degli orpelli estetici, per approdare al tipico dramma da camera bergmaniano.
  • Buone feste!

    La belva dell’autostrada

    di Ida Lupino è stata una rivoluzionaria, una donna in grado di affrontare il maschilismo hollywoodiano e di combatterlo a colpi di cinepresa; La belva dell'autostrada fu la sua quarta regia 'in solitaria', ed è una delle sue prove più convincenti.
  • Roma 2017

    Promised Land

    di Lucida e accorata analisi della storia degli Stati Uniti degli ultimi sessant'anni fatta a partire dall'icona Elvis Presley, Promised Land di Eugene Jarecki smaschera la tronfia macchina dello spettacolo americana.
  • DVD

    La follia della metropoli

    di Ottimismo, fiducia nell'uomo e anticipazioni del New Deal rooseveltiano. La follia della metropoli di Frank Capra si nutre platealmente di suggestioni del suo tempo senza rinunciare a una vena caustica e polemica. In dvd per Sony e CG.
  • Interviste

    Enrico Ghezzi: “La verità è il primo inganno”

    Verità e finzione, F for Fake. Welles, Ciro Giorgini, Adriano Aprà e la critica. Fuori Orario e le dicotomie Rossellini/Lang, Truffaut/Godard, Lumière/Méliès. Abbiamo intervistato Enrico Ghezzi.
  • In sala

    Elvis & Nixon

    di Palcoscenico perfetto per un match attoriale di classe, Elvis & Nixon di Liza Johnson è una graziosa operazione vintage che non ha molto altro da dire al di là dell'esibizione dei suoi personaggi.
  • Saggi

    David Lynch. La memoria americana e la cultura popolareDavid Lynch. La memoria americana

    David Lynch trasporta sul grande e sul piccolo schermo un cinema dell’inesprimibile che prende corpo nell’ovvietà delle situazioni, passaggio onirico che non interpreta un ruolo antitetico alla realtà.
  • Festival

    I Mille Occhi 2018I Mille Occhi 2018

    Apre con Il regno del terrore di Anthony Mann, ambientato durante la Rivoluzione francese, e chiude con Un uomo a metà, straordinario viaggio psicanalitico di Vittorio De Seta, la 17esima edizione de I mille occhi di Trieste, festival curato da Sergio Grmek Germani. Dal 14 al 20 settembre.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento