The Load

The Load

di

Presentato nella competizione Crouching Tigers del 2° Pingyao International Film Festival, dopo l’anteprima all’ultima Quinzaine des Réalisateurs, The Load di Ognjen Glavonic è un road movie ambientato durante i bombardamenti NATO sulla Serbia nel 1999, il percorso esistenziale di un uomo, di una generazione che ha visto la dissoluzione del proprio paese.

La terra di nessuno

1999, la NATO ha dichiarato guerra alla Serbia per porre fine alla guerra in Kosovo, con una pesante campagna di bombardamenti. Vlada è un camionista incaricato di trasportare un carico misterioso a Belgrado, senza sapere di cosa si tratti. Dal suo mezzo vede la devastazione della sua terra in compagnia di un giovane autostoppista. [sinossi]

Una strada sbarrata, l’inizio di un detour attraverso l’inferno. È la parabola di Vlada, camionista dai tipici lineamenti slavi, barba folta e capelli lunghi. Una deviazione del percorso verso la meta di Belgrado attraverso un paesaggio di devastazione e di strazio, e allo stesso tempo di contadini, di gente semplice, di bar dove gli anziani giocano a biliardo proprio come quelli raccontati da Peter Handke. È il soggetto di The Load, film del filmmaker serbo Ognjen Glavonic, presentato in concorso al 2° Pingyao International Film Festival.
Si tratta della continuazione tematica del precedente documentario del regista Depth Two, sul ritrovamento di un camion contenente un carico di cadaveri di civili albanesi risalente alla guerra del Kosovo, testimonianza di un traffico di corpi da smaltire per occultare i crimini di guerra. Pur con questa consequenzialità concettuale, il nuovo film di Glavonic risulta molto diverso dal precedente, con cui si potrebbe al limite porsi in una relazione di complementarietà, tanto stilistica tanto sul rapporto, assai labile in questo caso, tra vincitori e vinti. Cosa porta il misterioso carico del camion guidato da Vlada? Anche se il ritratto di Milosevic nell’edificio in cui avviene la consegna, e il successivo ritrovamento dentro il camion di una biglia per bambini, prefigurano una situazione come quella del documentario precedente, in realtà questo potrebbe essere un classico MacGuffin all’interno di un viaggio che il regista fa, partendo dal documentario inchiesta e inoltrandosi in territori metaforici e simbolici, quasi rasentando Duel o il teatro dell’assurdo di un altro film sulle guerre jugoslave come No Man’s Land. Il carico che porta Vlada è il rimosso di un paese, della sua storia, il suo fardello, un paese che è andato incontro all’autodissoluzione, che è passato dalla convivenza etnica all’essere teatro di eccidi. The Load è un road movie, un viaggio nella coscienza di un popolo, viaggio che non è ininterrotto ma prevede pause, soste di riflessione che il regista esprime anche stilisticamente con delle panoramiche a 360°.

Il padre del ragazzo, che Vlada prende sul camion, era nell’esercito jugoslavo, per questo si è spostato molto all’interno della ex-Jugoslavia durante la sua vita. «Alla tua età ero già sposato», gli dice Vlada quando scopre che ha 19 anni. Vlad è orgoglioso del proprio padre partigiano, come racconta al proprio figlio, che aveva fatto la guerra contro i fascisti. Ed era una guerra vera, sottolinea, non un videogioco come questa. Un videogioco che vediamo in lontananza nelle classiche immagini da fuochi d’artificio che caratterizzano le guerra da quella del Golfo in poi. Così per il giovane regista il viaggio di The Load diventa anche un viaggio tra le generazioni, tra chi ha combattuto per un paese e chi lo ha distrutto, riflettendo su quello che hanno ricevuto in consegna i giovani, le nuove generazioni. E il finale con i ragazzi che ascoltano la musica porta uno stato di indefinitezza, di speranza e rassegnazione.

Info
Il sito del Pingyao International Film Festival.
  • The-Load-2018-Ognjen-Glavonic-001.jpg
  • The-Load-2018-Ognjen-Glavonic-002.jpg
  • The-Load-2018-Ognjen-Glavonic-003.jpg
  • The-Load-2018-Ognjen-Glavonic-004.jpg
  • The-Load-2018-Ognjen-Glavonic-005.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    Chris the Swiss RecensioneChris the Swiss

    di Un documentario-inchiesta sulle circostanze della morte di un giornalista nella guerra civile jugoslava, condotta dalla cugina che usa gli strumenti della sua arte, l'animazione, riuscendo a sposarla perfettamente con la cruda realtà. Alla Semaine de la Critique 2018.
  • Trieste 2018

    Intervista a Želimir ŽilnikIntervista a Želimir Žilnik

    Tra i maggiori autori della Onda nera jugoslava, Želimir Žilnik vanta una lunga filmografia a partire dal 1967. Lo abbiamo incontrato al Trieste Film Festival dove sono stati presentati i suoi lavori sul Sessantotto, Early Works e June Turmoil.
  • Trieste 2017

    My Own Private War

    di La giornalista e filmmaker Lidija Zelović ripercorre vent'anni della sua vita, tra la guerra a Sarajevo e il rifugio in Olanda, sotto forma di diario intimo e tragico. Presentato al Trieste Film Festival e prossimamente al Balkan Florence Express.
  • Trieste 2017

    A Hole in the Head

    di Elegiaco e sofferto, A Hole in the Head è un mosaico di volti, luoghi e lingue che cerca di restituire almeno una memoria alle vittime del Porrajmos, il genocidio gitano ai tempi dell'Olocausto. Al Trieste Film Festival in concorso documentari.
  • Trieste 2017

    Liberation Day

    di , I Laibach, celebre band della ex-Jugoslavia, sono stati i primi stranieri a suonare in Corea del Nord. Uģis Olte e Morten Traavik hanno documentato il bizzarro evento, avvenuto nell'agosto del 2015, in Liberation Day, presentato al Trieste Film Festival.
  • Firenze 2016

    Depth Two

    di Vincitore al Festival dei Popoli, Depth Two è una storia della guerra del Kosovo, di squadroni della morte e di smaltimento delle vittime mediante camion. Un film che si segnala per la forma originale, testimonianze verbali che si affastellano con un meccanismo a incastro.
  • DVD

    Vento dell’est

    di , , , Dopo il '68 e il Maggio francese nulla è più come prima, occorre un nuovo cinema davvero militante. Vento dell'est di Jean-Luc Godard è cinema nel suo (non-)farsi, è negazione del cinema e dell'idea d'autore. È negazione di se stesso e riflessione su un nuovo cinema più umile, vero attore di processi rivoluzionari. In dvd per Minerva/Rarovideo e CG.
  • Trieste 2016

    Babai

    di Un padre, un figlio, una bicicletta. In Babai del regista kosovaro Visar Morina il richiamo a Ladri di biciclette viene aggiornato con efficacia per una storia di emigrazione lungo l'Europa. In concorso alla 27esima edizione del Trieste Film Festival.
  • Pingyao 2018

    when love blossoms recensioneWhen Love Blossoms

    di Presentato nella sezione Hidden Dragon del 2° Pingyao International Film Festival, When Love Blossoms è l'opera prima di Tian Ye, una storia d'amore nella Cina odierna, dove enorme è il divario sociale tra ricchi e poveri e quello urbanistico tra grattacieli ed edilizia residenziale e quartieri popolari.
  • Festival

    Pingyao 2018Pingyao 2018

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Pingyao 2018

    Intervista a Marco Müller

    Direttore artistico del Pingyao Film Festival, la manifestazione fondata da Jia Zhangke, Marco Müller porta avanti percorsi, idee, filoni di cinema che hanno caratterizzato la sua carriera, di oltre 35 anni, di direttore. Ne abbiamo parlato con lui in una lunga chiacchierata, durante l'ultimo giorno del festival.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2019 - PresentazioneTrieste Film Festival 2019 – Presentazione

    Nel 2019 ricorre il trentennale della caduta del Muro di Berlino, ma anche del Trieste Film Festival, la cui missione resta quella di far incontrare l'Europa dell'Est con quella dell'Ovest. E in tal senso il festival, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner, si apre il 18 gennaio con Meeting Gorbachev di Werner Herzog.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2019Trieste Film Festival 2019

    L’edizione del trentennale non poteva che aprirsi all'insegna della Storia: inaugura il programma Meeting Gorbachev, film che segna l’incontro tra Werner Herzog e Michail Gorbačëv, offrendo uno sguardo inedito su alcuni degli eventi più significativi della fine del XX secolo.
  • Las Palmas 2019

    Stitches

    di Presentato al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, Stitches del regista serbo Miroslav Terzić è un film di denuncia costruito secondo i canoni del cinema di genere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento