Viaggio al centro della Terra 3D

Viaggio al centro della Terra 3D

di

Prodotto della Walden Media, Viaggio al centro della Terra 3D aggiorna l’avventura scritta da Jules Verne col chiaro obiettivo di rendere quasi tangibili le fantasie del romanzo. Il risultato, abbastanza debole dal punto di vista narrativo, è un lungometraggio dal ritmo sostenuto, mediamente divertente. Nelle sequenze più spettacolari l’impatto visivo è indubbiamente efficace. Una simpatica cine-giostra.

Poltrona comoda, occhialini a posto

Deciso a scoprire che fine abbia fatto il fratello, un professore di scienze, dalle teorie un pò stravaganti, insieme al nipote e ad una guida montana, partono per l’Islanda e iniziano le ricerche. Quando si addentrano in una grotta, il percorso gli porta sino al centro del pianeta, dove trovano un altro mondo, completamente inesplorato ed affascinate, ma, al tempo stesso, molto pericoloso… [sinossi]

Dato per morto già nei primissimi anni del ventesimo secolo, il cinema sembra oramai pronto per l’ennesimo cambiamento. Dopo il sonoro, il colore, i formati della pellicola e via discorrendo, lo spettatore del ventunesimo secolo potrà tranquillamente godersi le proiezioni tridimensionali, esperienza visiva non esattamente nuova ma finalmente perfezionata e alla portata delle normali sale cinematografiche – ok, ok, nel Bel Paese non siamo pronti, ma questo è un altro discorso. I tempi sembrano essere maturi per una (quasi) globale visione 3D, per una totale rivoluzione cinematografica, per nuovi confini sensoriali. Freniamo subito gli entusiasmi e mettiamo dei punti fermi: mentre il tridimensionale avanza compatto (da seguire, senza dubbio, il 3D Day organizzato dal Future Film Festival) e il godibile Viaggio al centro della Terra 3D approda nelle nostre sale, è fondamentale non farsi trascinare dalla corrente, tenendo bene a mente che uno dei punti di forza del cinema è l’ampiezza delle possibilità espressive, dei mezzi tecnici, narrativi e tutto quel che segue. In buona sostanza, è importante accostarsi al 3D con una certa consapevolezza critica e spettatoriale, evitando di ricadere nell’errore commesso con l’animazione in computer grafica, scioccamente considerata da molti l’unico mezzo possibile per Cartoonia e dintorni.

Ancor prima di affrontare le peculiari caratteristiche tecniche di Viaggio al centro della Terra 3D, è utile dare un’occhiata al cast tecnico e artistico: sceneggiatura dei coniugi Jennifer Flackett e Mark Levin (tra script e regia hanno firmato il grazioso Innamorarsi a Manhattan, Alla ricerca dell’isola di Nim e Wimbledon) e del meno noto Michael D. Weiss, regia di Eric Brevig, esordiente dietro la macchina da presa ma con un’esperienza notevole nel campo dei visual effects (The Day After Tomorrow, Pearl Harbour, Men in Black e molto altro), produzione della Walden Media (Le cronache di Narnia, Ember – Il mistero della città di luce e l’ottimo e commovente Un ponte per Terabithia) e il roccioso Brendan Fraser nel ricorrente ruolo di pseudo Indiana Jones, affiancato dal giovane Josh Hutcherson (Zathura – Un’avventura spaziale e i suddetti Innamorarsi a Manhattan e Un ponte per Terabithia). Non è arduo prevedere il tipo di prodotto, assolutamente in linea con i vari film appena citati: notevole cura del reparto effetti speciali, avventura per famiglie senza eccessi, interpreti adeguati a un intrattenimento leggero, buoni sentimenti e una certa, ma non troppo fastidiosa, prevedibilità della trama. Una sorta di aggiornamento dei vecchi e cari film live action della Disney. Si astenga dalla visione, quindi, chi non apprezza il genere. Uomo avvisato…

Già perfetto per essere un videogioco (il lungometraggio è strutturato a livelli da superare: la pioggia di fulmini, la corsa sui binari, la traversata del mare sotterraneo, la cascata, il dinosauro e via discorrendo), il film targato Walden Media aggiorna l’avventura scritta da Jules Verne col chiaro obiettivo di rendere quasi tangibili le fantasie del romanzo (alcuni effetti 3D arrivano fin sotto il nostro naso). Il risultato, abbastanza debole dal punto di vista narrativo, è un lungometraggio dal ritmo sostenuto, mediamente divertente. Nelle sequenze più spettacolari l’impatto visivo è indubbiamente efficace. Una simpatica cine-giostra.

Consigliato a chi si è divertito con Zathura (in fondo, cambia solo la direzione esterna/interna), Viaggio al centro della Terra 3D sposta verso nuovi confini, grazie al 3D, il concetto di profondità di campo, esaltando ogni minimo particolare dell’inquadratura e dando corpo a ogni oggetto. Sarà interessante seguire gli sviluppi futuri, nella speranza che non si trasformi in un’invasione di prodotti senz’anima. La meraviglia e il divertimento funzionano soprattutto grazie alle idee e solo in minima parte dipendono dalla fredda tecnologia: ogni riferimento al cult I Goonies (1985) di Richard Donner è puramente casuale.

Info
Viaggio al centro della Terra 3D su Rai Com.
La pagina facebook di Viaggio al centro della Terra 3D.
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-01.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-02.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-03.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-05.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-06.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-07.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-08.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-09.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-10.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-11.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-12.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-13.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-14.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-15.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-16.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-17.jpg
  • Viaggio-al-centro-della-Terra-3D-2008-Eric-Brevig-18.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Epic – Il mondo segreto

    di Mary Katherine, un'adolescente che ha perso la madre e che deve ricucire il rapporto con l'eccentrico padre, scopre casualmente un mondo fantastico nel bosco...
  • DVD

    viaggio-al-centro-della-terra-3dViaggio al centro della Terra 3D

    di Il doppio dvd di Viaggio al centro della Terra 3D, oltre a offrire le versioni in 3D e 2D, è arricchito da quattro contenuti extra davvero ben realizzati e in linea con l'approccio spensierato della pellicola.
  • Archivio

    Corsa a Witch Mountain

    di La difficile vita di Jack Bruno, un tassista di Las Vegas, viene ulteriormente complicata dall'incontro con due adolescenti in fuga, Sara e Seth, che un bel giorno saltano improvvisamente dentro al suo taxi...
  • Archivio

    Ember - Il mistero della città di luce RecensioneEmber – Il mistero della città di luce

    di Per generazioni, la popolazione della Città di Ember ha prosperato nel sottosuolo, in un mondo incredibile fatto di luci scintillanti. La città è stata costruita come rifugio per gli esseri umani ed è alimentata da un enorme generatore, ideato per avere un’autonomia di soli duecento anni...
  • Archivio

    Un ponte per Terabithia RecensioneUn ponte per Terabithia

    di Jess, ragazzino introverso con una grande passione per il disegno, stringe amicizia con la nuova arrivata Leslie, biondina fuori dagli schemi e dall'irrefrenabile fantasia. I due, anche per sfuggire alle difficoltà, si rifugiano in un regno immaginario...
  • Archivio

    Zathura RecensioneZathura – Un’avventura spaziale

    di Un po’ di sana fantascienza familiare. Una fantascienza di stampo disneyano: buoni sentimenti, un po’ di comicità, un’appropriata confezione...
  • Archivio

    lorso-yoghiL’orso Yoghi

    di Yoghi ha sempre fatto affidamento sulla furbizia per sfuggire ai campeggiatori e imbrogliare il suo avversario storico, il Ranger Smith, ma ora lui e Bubu devono affrontare una situazione nuova e preoccupante...
  • Archivio

    puzzole-alla-riscossaPuzzole alla riscossa

    di Sopra le righe, caricaturale, infantile e privo di qualsiasi ispirazione, dalla sceneggiatura alla piatta messa in scena, Puzzole alla riscossa è un pessimo esempio di cinema assai prossimo alle sitcom.
  • Archivio

    Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro

    di Il deficit di spettacolarità si somma in questa deludente trasposizione al taglio fortemente adolescenziale e allo stanco ripetersi di molti stereotipi del genere...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento