Dracula 3D

Dracula 3D

di

Con il suo Dracula 3D Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.

Argento vivo

Ritorna sul grande schermo la storia del più noto vampiro della letteratura, dal viaggio di Jonathan Harker nei Carpazi fino all’arrivo di Dracula a Londra e al suo incontro con la fidanzata di Harker, la bellissima Mina. Dal romanzo di Bram Stoker… [sinossi]

Nel Grand Théâtre Lumiére, che ha atteso il cuore della notte per applaudire l’ingresso in sala di Dario Argento e della sua troupe, si spengono le luci e partono i titoli di testa di Dracula 3D. Ma si verifica un inconveniente tecnico: il segnale stereoscopico non viene decodificato dagli occhiali distribuiti a stampa e pubblico, per cui le immagini sullo schermo appaiono come tante macchie di Rorschach. Mugolii di disapprovazione, e Thierry Frémaux che si scusa dal palco assicurando che tutto verrà risolto negli indispensabili tempi tecnici; nelle file prese d’assalto dagli accrediti stampa si inizia a ridacchiare, scambiandosi motti di spirito sulla qualità intrinseca della nuova opera di Dario Argento. Dubbi ben più che legittimi, a giudicare dalla devastante deriva artistica di quello che può essere definito a ragione come uno dei maestri del cinema dell’orrore mondiale degli ultimi quarant’anni: da Opera, suo ultimo fiammeggiante (e in gran parte incompreso) colpo all’immaginario visionario del cinema contemporaneo, sono passati venticinque anni. Cinque lustri in cui Argento ha alternato episodi quantomeno interessanti (il suo segmento del poeano Due occhi diabolici, Trauma) a clamorose cadute nei vortici della mediocrità e della comicità involontaria: titoli come Il cartaio, La terza madre e Giallo affosserebbero la carriera anche del più svogliato dei carneadi della Settima Arte.
Anche per questo, quando nei titoli di testa di Dracula 3D (ripartiti dopo il già citato disguido tecnico) si intravvedono i retaggi di un immaginario da pornhorror anni Ottanta, con i caratteri gotici (quasi illeggibili) di un rosso acceso su sfondo nero, il timore di doversi arrendere una volta di più alla decadenza sfrenata di Argento si impossessa anche dell’animo più fiducioso. Ma non bisognerebbe mai arrendersi alla prima impressione…

In questi giorni si è scritto di tutto e di più sull’ultima fatica artistica di Argento, la diciannovesima in quarantuno anni di carriera, e spesso chi si è lanciato in invettive e prese di distanza non si è preso neanche la briga di vedere il film, incorrendo in un errore professionale di gigantesca portata. Prima che si possano creare ulteriori incomprensioni, converrà specificare come Dracula in versione argentiana non sia certo privo di difetti: la recitazione di alcuni dei protagonisti è davvero raffazzonata, partendo da Unax Ugalde decisamente goffo e privo di intensità nella parte di Jonathan Harker; allo stesso tempo la scrittura, spesso tallone di Achille delle opere di Argento, si rivela a corto di spessore, strutturata in una sequela pressoché infinita di situazioni quasi completamente staccate tra loro. I personaggi entrano ed escono di campo senza che si riesca a creare un reale continuum narrativo, spezzato a favore di reiterati climax orrorifici. Ma non è nella sceneggiatura che si deve rintracciare l’anima intima dell’operazione portata a termine da Argento. Pur nella limitatezza di un budget del tutto inadeguato alla bisogna, Dracula si distingue per una ricerca dell’immagine/horror finalmente staccato dal rabberciato pauperismo volontario (?) delle ultime sortite autoriali di Argento: i colori completamente fuori contesto, che ricordano gli esperimenti del Mario Bava di Sei donne per l’assassino con i blu e i viola carichi, gli sfondi innaturali e via discorrendo, travolgono la messa in scena e asserviscono quel che succede davanti alla macchina da presa al proprio volere, grazie anche alla splendida fotografia di Luciano Tovoli. Anche la fissità di alcune situazioni a due – i dialoghi, come già evidenziato, non aggiungono un granché al senso del film – si tramuta in pura macchina dell’immaginario, ribollente e a tratti anche confusionaria, ma mai banale.

È questa la sorpresa più gradita di questa ennesima versione del romanzo di Bram Stoker (mai alcuna realmente fedele, nonostante i continui raffronti che si stanno moltiplicando tra il film di Argento e quello di Francis Ford Coppola del 1992), che il cineasta romano prende di petto spogliandolo di qualsiasi riflessione che esuli dal genere duro e puro. Se prima Murnau e poi Herzog avevano interpretato la figura del nosferatu come la metafora materiale del discorso sull’umanesimo e sul rapporto tra illuminismo filosofico e irrazionale bestialità della natura, e Coppola si era lanciato in un continuo gioco sul cinema delle origini, Argento approccia il personaggio del conte transilvano dai denti aguzzi con lo stesso spirito che animava le produzione di serie b degli anni Sessanta, collocandosi su un piano diverso sia dalle già citate riduzioni autoriali sia dalla fortunata saga popolare prodotta dalla Hammer. Da entrambe le derive Argento riprende squarci di immaginario, salvo poi ricondurli alla propria idea di cinema: un mix a tratti inesatto ma sempre e comunque godibile di sequenze gore e splatter, con l’aggiunta di un continuo ricorso all’erotismo (il personaggio di Tanja/Miriam Giovannelli, nonostante l’esagerata insistenza con cui Argento la sveste, rappresenta una carnalità mediterranea e solare del tutto distante dal pallore efebico che delinea i tratti essenziali della donna vampiro). In molti si lanceranno nell’elencare i difetti, strutturali e tecnici, della pellicola, sottolineando la gratuità della sequenza di nudo con protagonista Asia Argento o il ricorso non sempre convincente all’effetto digitale, ma chiuderanno gli occhi su pregi che sono altrettanto difficili da mettere in discussione: sequenze come quello dell’arrivo del treno in stazione, dell’irruzione di Dracula nel consiglio cittadino o del deliquio onirico di Mina, sintetizzano la vitalità espressiva di un regista che sembrava definitivamente perso e che invece ha ancora qualcosa da dire dal punto di vista formale, soprattutto quando ha tra le mani materiale privo di particolare ambizione, come un testo tradotto migliaia di volte sullo schermo.

Perché Dracula 3D (la tecnica stereoscopica, pur non indispensabile, è utilizzata con estrema intelligenza, tesa a sottolineare il discorso sul campo e sul rapporto tra personaggio e sfondo che caratterizza l’intera pellicola) è un giocattolo vivo, pulsante, e come tale va preso. Allo stesso modo con il quale tramuta il suo conte in ogni tipo di animale – gufo, topo, scarafaggio, mosca, lupo, mantide religiosa – Argento gioca con la messa in scena, tornando finalmente a modellare il suo cinema a propria immagine e somiglianza. Se poi la pretesa è quella di trovarsi di fronte a un nuovo Profondo rosso, un nuovo Suspiria o un nuovo L’uccello dalle piume di cristallo, allora non si potrà mai possedere la serenità di giudizio per analizzare Dracula 3D. Ma questa è un’altra storia…

Info
Il trailer di Dracula 3D.
  • dracula-3d-2012-dario-argento-05.jpg
  • dracula-3d-2012-dario-argento-04.jpg
  • dracula-3d-2012-dario-argento-03.jpg
  • dracula-3d-2012-dario-argento-02.jpg
  • dracula-3d-2012-dario-argento-01.jpg

Articoli correlati

  • Torino 2014

    Profondo rosso RecensioneProfondo rosso

    di Al Torino Film Festival è stata presentata la versione restaurata in digitale del capolavoro di Dario Argento. L'occasione per aprire nuovamente gli occhi su uno dei titoli fondamentali del cinema thriller e horror degli ultimi quarant'anni.
  • Torino 2014

    Intervista a Dario Argento

    Profondo rosso, il montaggio subliminale, la brutalità, l'uso dei flashback, la colonna sonora, la creazione di un immaginario. Ne abbiamo parlato con Dario Argento durante il Torino Film Festival.
  • Roma 2014

    La maschera del demonio RecensioneLa maschera del demonio

    di Il capolavoro di Mario Bava, punto di riferimento per il cinema gotico italiano (e non solo), rivive sugli schermi dell'Auditorium durante la nona edizione del Festival di Roma.
  • Saggi

    Il rosso segno di Bava

    A cento anni dalla nascita di Mario Bava, un omaggio doveroso a uno dei grandi maestri del cinema italiano, riconosciuto come tale solo dopo la sua morte e forse tuttora poco compreso.
  • DVD

    4 mosche di velluto grigio

    di Dario Argento dirige l'ultimo capitolo della trilogia animale, raggiungendo picchi visionari difficili da eguagliare.
  • Archivio

    Giallo/Argento

    di Il cinema di Dario Argento tocca, con ogni probabilità, il suo nadir. Un'opera senza capo né coda, diretta con la mano sinistra e abbandonata ben presto al suo destino.
  • Festival

    Cannes 2012:Cannes 2012

    Finita la 65a edizione, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno. La Palma d'oro a Haneke era scritta nelle stelle...
  • Speciali

    Vampiri al cinema: Innocent Blood - Un viaggio nell'oscuritàVampiri al cinema – Innocent Blood

    Un viaggio nell'oscurità: il mito del vampiro illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo.
  • Cult

    Dark Waters

    di L'horror cult diretto nel 1993 dal napoletano Mariano Baino è ancora pressoché sconosciuto. Riscoprirlo a oltre venti anni dalla sua realizzazione permette di coglierne l'assoluta unicità, anche nel rispetto dei canoni del genere.
  • Cult

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Uno dei capolavori di Dario Argento, Suspiria, festeggerà tra pochi mesi i quaranta anni; un'occasione ideale per tornare a ragionare su uno dei capisaldi del fantastico, italiano e mondiale.
  • Trieste S+F 2016

    Il gatto a nove code RecensioneIl gatto a nove code

    di Della tetralogia animale Il gatto a nove code è forse il titolo più rimosso, eppure dimostra al di là di ogni fraintendimento l'acume cinefilo e teorico di Dario Argento. Il Trieste Science+Fiction l'ha proiettato in 35mm.
  • Archivio

    30 giorni di buio Recensione30 giorni di buio

    di Tratto dalla graphic novel di Steve Niles e Ben Templesmith, 30 giorni di buio di David Slade è la cronistoria, sforacchiata da ellissi difficoltose, di un mese di guerra tra umani e vampiri.
  • Blu-ray

    Priest RecensionePriest

    di L'uscita in blu-ray di Priest, targato Sony, porta nelle case un'ora e mezza di puro intrattenimento: sangue, combattimenti, inseguimenti, regge buie pronte a trasformarsi in trappole mortali, atmosfere catacombali dominate dal blu e dal nero...
  • Buone feste!

    Dracula di Bram Stoker RecensioneDracula di Bram Stoker

    di Dracula di Bram Stoker è il primo film a cui Francis Ford Coppola lavora dopo aver portato a termine la trilogia de Il padrino; attraverso le lenti deformanti dell'orrore il regista rielabora la storia stessa del cinema – arte non-morta per eccellenza – e riflette su di sé.
  • Venezia 2018

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Era uno dei titoli più attesi della Mostra di Venezia, Suspiria di Luca Guadagnino, e forse anche per questo le reazioni sono state così nettamente polarizzate. Il remake del capolavoro di Dario Argento mette molta carne al fuoco, forse anche troppa.
  • DVD

    Due occhi diabolici RecensioneDue occhi diabolici

    di , George A. Romero e Dario Argento alle prese con l'universo narrativo di Edgar Allan Poe. Due occhi diabolici è orrore e beffa, doppio racconto di ossessioni e materializzazioni di stati di coscienza. In dvd per Mustang e CG.
  • Classici

    nosferatu il vampiro recensioneNosferatu il vampiro

    di Nosferatu il vampiro ha quasi cento anni. Un secolo che ha cercato di dissezionare il corpo non-morto del film di Murnau, tra letture politiche e analisi del linguaggio, metafore e cronache del "reale". Un capolavoro senza tempo, che rilegge il tempo e lo spazio, e il senso del perturbante.
  • Classici

    nosferatu, il principe della notte recensioneNosferatu, il principe della notte

    di Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull'ontologica natura predominante del Male, e sull'impossibilità di una sua distruzione da parte dell'uomo.
  • Libri

    Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli

    Pubblicato da Artdigiland, Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli, è un prezioso libro-intervista a un grande autore della fotografia, capace di passare da Dario Argento ad Antonioni, a Maurice Pialat, Nanni Moretti, Franco Brusati e molti altri.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento