Pan

Prima e unica regia cinematografica per Harald Schwenzen, importante attore di cinema e teatro in Norvegia, che porta sullo schermo Pan, un romanzo dello scrittore nazionale Knut Hamsun, riuscendo a infondervi tutta quella mistica della natura, quel forte senso panico e romantico della concezione panteistica dell’autore.

Il buon tenente

Il tenente Glahn è un eremita che conduce una vita frugale e spartana in una baita, in un villaggio di pescatori, cibandosi della selvaggina che lui stesso caccia, con l’inseparabile cane Esopo. Una tormentata storia d’amore con due donne, Edvarda ed Eva condurrà a un tragico epilogo. Il tenente si imbarcherà verso paesi tropicali. [sinossi]

Paesaggi idilliaci, scene monumentali tra fiordi, laghi, mare, scogli, boschi. Superfici d’acqua che riflettono il mondo sovrastante, e che si increspano, in un cielo terso. Glahn vive nutrendosi di pernici e uccelli che caccia con il suo fucile sempre in mano, vivendo in una spartana baita di legno, dalle pareti ricoperte da pelli, uccelli imbalsamati, fucili appesi. Il cane Esopo, nomen omen, è il suo tramite con il mondo naturale e arriverà a ucciderlo proprio quando le condizioni della sua vita gli faranno prendere atto che il legame con quel mondo è ormai rescisso. Siamo quindi in quella concezione del cinema muto che si fonda su spazi aperti e non si chiude in interni (in questo film pochissimi). All’opposto del Kammerspiel e più vicini a Murnau. Glahn potrebbe poi essere un esempio di uomo herzoghiano.
Nella sua relazione con Edvarda, figlia di una famiglia di mercanti, si crea una contrapposizione netta tra classi sociali, viste attraverso due approcci diametralmente opposti con il mondo naturale. Per Glahn la natura è fonte di sostentamento e vita, per la borghesia è semplicemente un rifugio per gitarelle in barca, petit déjeuner sur l’herbe, picnic sugli scogli. Glahn si trova fuori posto in quell’ambiente di yuppie, dove ci si saluta alzando il cappello, scusandosi spesso pensando di avere un comportamento inadeguato. Spesso rimane in disparte in quegli happening. Il disagio lo porta a reazioni convulse, comportamenti irrazionali, come buttare la scarpa di Edvarda in acqua fino al gesto assurdo di spararsi alla gamba. All’opposto di Edvarda è la contadinotta Eva, con cui Glahn non può che provare maggiore empatia. Una figura sensuale e carnale, e il regista arriva a comporre l’immagine allusiva del cane Esopo e del cavallo di lei insieme, lasciati soli dai due personaggi.

Schwenzen costruisce il racconto su flashback, scanditi da viraggi diversi, a incastro e narrati in voce (fatta ovviamente di intertitoli) over. E costruisce la storia cristallizzando la situazione in successivi tableau vivant, momenti di stasi contemplativa. Si comincia con l’uomo immerso nella natura, con la silhouette di Glahn che si staglia imponente sul paesaggio circostante. Come non pensare a Hias all’inizio di Cuore di vetro? E questi quadri arriveranno a fissare l’immagine di Glahn ed Edvarda, lui in casa zoppicante, lui sulla roccia panoramica, Eva con lui che lo accudisce.
Si arriva quindi all’epilogo coloniale, raccontato ancora con una narrazione interna, nel flashback dal compagno d’avventura di Glahn che rappresenta il suo doppio. Interpretato dallo stesso Schwenzen, fratello dell’attore che impersona Glahn, Hjalmar Fries-Schwenzen. Ancora un paesaggio naturale, esotico, agli antipodi di quello della prima parte, fatto di deserte e palme, tigri e pantere. Girato in Algeria con un imponente sforzo produttivo per l’epoca (come non pensare ancora una volta a Herzog?). Un cielo diverso, una luce diversa, un altro clima. Ma con richiami alla prima parte, vedi i due che si cibano di uccelli cacciati. E ancora la vicenda ruota attorno a una figura femminile, una sensuale donna berbera. Un epilogo tragico. Raccogli quello che semini: questo ne è l’epitaffio.

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto

Articoli correlati

  • Pordenone 2014

    The White Raven

    di Un melodramma d'amore, capitalismo e vendetta per un'eroina virile e volitiva: Ethel Barrymore risplende sul grande schermo delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone in The White Raven.
  • Pordenone 2014

    Chaplin e Keaton

    Alle Giornate del Cinema Muto la proiezione di The Immigrant di Charlie Chaplin e di The Boat di Buster Keaton ha permesso - anche per via di alcune similitudini tematiche e di gag - di intavolare un piccolo gioco di confronti tra i due film.
  • Pordenone 2014

    Mussolini hollywoodianoMussolini hollywoodiano alle Giornate del Cinema Muto

    Quando Hollywood flirtava con il fascismo: nel video di oggi delle Giornate del Cinema Muto un estratto di The Eternal City del 1923, rivisitazione apologetica dell'ascesa al potere di Mussolini, che appare nella parte di se stesso.
  • Pordenone 2014

    Ben-Hur: A Tale of the Christ

    di I primi vagiti del Technicolor rifulgono sul grande schermo delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone 2014 con Ben-Hur: A Tale of the Christ di Fred Niblo.
  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i jidaigeki

    Il programma dedicato alle origini del cinema giapponese in cartellone alla 33esima edzione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2014

    Giornate del Cinema Muto: il Technicolor con Ben Hur

    Nel video dedicato al secondo giorno delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, alcune immagini del Ben Hur del 1926, uno dei primi kolossal in Technicolor.
  • Pordenone 2014

    Barrymore VitaphoneGiornate del Cinema Muto: Barrymore e il Vitaphone

    La proiezione di apertura delle Giornate del Cinema Muto è stata When a Man Loves, con protagonista John Barrymore. Il video realizzato dal festival.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto 2014

    Dal 4 all'11 ottobre si tiene a Pordenone la 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto con un programma che, come al solito, propone straordinari recuperi del cinema del passato, tra inediti, restauri e (ri)scoperte. Le nostre recensioni, interviste e approfondimenti.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto: da Barrymore a Chaplin

    Presentato il programma della 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto, di cui Quinlan è quest'anno media partner. Tra gli eventi: una retrospettiva sui Barrymore e una sugli albori del Technicolor, un omaggio a Chaplin per il centenario di Charlot.
  • Pordenone 2014

    Regeneration

    di Nella sezione Il Canone rivisitato delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, è stato presentato Regeneration, gangster movie "classico" sospeso tra criminalità e redenzione, che segnò l'esordio al lungometraggio di Raoul Walsh.
  • DVD

    I due Intermezzo di Ingrid Bergman

    di , Ingrid Bergman esordì a Hollywood con Intermezzo di Gregory Ratoff, un classico melodramma alto-borghese che era il remake dell'omonimo film svedese interpretato dalla stessa attrice. Sinister e CG editano le due versioni in un unico cofanetto-dvd.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento