Sette spose per sette fratelli

Sette spose per sette fratelli

di

Considerato da molti uno Stanley Donen “minore”, Sette spose per sette fratelli è invece l’elegia del musical hollywoodiano, il trionfo del teatro di posa e dell’irreale elevato a intrattenimento di massa.

Goin’ Courtin’

Sulle montagne di un non meglio specificato villaggio dell’Oregon vivono i sette fratelli Pontipee, tutti giovani e ancora scapoli, preoccupati più di spaccar legna e menar le mani che non di trovar moglie. Adamo, il fratello maggiore, si rende conto che una presenza femminile è indispensabile, soprattutto per tenere la baita pulita e per poter mangiare dei pasti decenti. Di conseguenza, quando scende al villaggio a valle per acquistare provviste, decide di trovare la sua futura moglie. La ricerca lo porta a conoscere Milly, la cameriera dell’osteria-locanda del villaggio: tra i due scocca il colpo di fulmine, coronato da immediate nozze. Durante il viaggio per raggiungere la dimora dei Pontipee, Adamo non rivela a Milly dell’esistenza dei fratelli. Non appena messo piede nella casa del marito, Milly si rende conto della situazione: Adamo sembrerebbe averla sposata solo per avere una sorta di sguattera per sé e per i fratelli. Ma… [sinossi]

Montagne dell’Oregon, esterno giorno. Jane Powell ha appena terminato la prima strofa di Wonderful, Wonderful Day e sta per cantare “Bluebirds in the bluebells sing a song to send me along my way”; nella scena ha fatto la propria comparsa un nugolo di uccellini, a sottolineare lo splendore estatico della natura. Uno di loro, stordito e impaurito, ha però preso la strada sbagliata, e si va a schiantare contro le montagne sullo sfondo. Perché le montagne dell’Oregon formeranno anche un paesaggio mozzafiato, ma sono troppo scomode per una produzione hollywoodiana, che preferisce tenere gli uomini sotto contratto al sicuro, lontano da rischi di infortuni e salate assicurazioni da versare, e anche dal costo di una trasferta. Soprattutto se il film in questione, Sette spose per sette fratelli non è il titolo di punta della Metro-Goldwyn-Mayer, che ripone ben poca fiducia in questo musical dalle ambientazioni western; è il 1954, e la MGM punta tutte le sue carte su Brigadoon di Vincente Minnelli, con i turisti statunitensi Gene Kelly e Jeff Douglas alle prese con la fiabesca città scozzese che appare solo una volta ogni cento anni.
Minnelli e Kelly, due galline dalle uova d’oro per il musical: il primo ha già diretto Incontriamoci a Saint Louis, Spettacolo di varietà e Un americano a Parigi, quest’ultimo insieme a Kelly che ha però sbancato i botteghini con Cantando sotto la pioggia, da lui codiretto insieme a Stanley Donen.

Ed è proprio Donen a doversi destreggiare con i boscaioli di Sette spose per sette fratelli. Difficile immaginare dei rudi uomini dei boschi, ignoranti anche delle più basilari regole di igiene personale, possano risultare credibili mentre cantano e fanno piroette sullo schermo: non a caso il contrasto tra questi due elementi genererà uno dei gag più riusciti dei Monty Phyton all’epoca del geniale Flying Circus televisivo. Lo stesso Michael Kidd, il coreografo assoldato, è scettico: il soggetto, basato su Sobbin’ Women di Stephen Vincent Benét, sembra adattarsi più a una commedia romantica che a un musical. A ulteriore riprova della scarsa attenzione riservata al film dalla produzione, la MGM decide di stampare le copie sia in Cinemascope che nel tradizionale aspect ratio. Appare quasi paradossale che a venire ingabbiato in un set dal sapore così “vintage” sia proprio Donen, il regista che per primo aveva osato abbandonare gli studi per portare le riprese di un musical en plein air con Un giorno a New York, altro titolo osteggiato dalla MGM e destinato a un successo duraturo.
La scarsa capacità di analisi produttiva della casa fondata da Marcus Loew e Louis B. Mayer rischia di divenire proverbiale se ci si sofferma sul ruolo svolto, nel corso dai decenni, da Sette spose per sette fratelli nell’immaginario collettivo. Gli evidenti limiti di budget vengono risolti da Donen, Kidd e dal resto della troupe con una serie di intuizioni che permettono al film di apparire cristallizzato nel tempo, inadatto ad appartenere a qualsiasi epoca storica di Hollywood. Per niente reazionario – per quanto a conti fatti la storia racconti di come il compito della donna sia quello di ammansire e “rendere umano” l’uomo, che l’ha però costretta a questo ruolo contro la sua volontà –, né tantomeno passatista, Sette spose per sette fratelli può permettersi di rischiare là dove produzioni più onerose e dunque ben più controllate, avrebbero faticato a trovare dei condotti d’aria.

Tutto è ridotto all’angusto spazio dei teatri di posa? Il gioco sugli sfondi diventa dunque essenziale: al naturalismo del villaggio, e ancor più della sequenza citata con Wonderful, Wonderful Day, si contrappone il rigore geometrico, fin troppo razionale, dell’innevato scenario in cui i fratelli Pontipee si esibiscono in Lonesome Polecat.
Ed è proprio questa sequenza a rendere evidente la migliore intuizione di Donen. Per evitare che il pubblico in sala trovi risibili questi omoni costretti a languidi sguardi e movenze da ballerini, le coreografie non fanno leva tanto sulla danza, quanto piuttosto sull’atletismo, la muscolarità dell’esibizione. Ne è prova inconfutabile la lunga e appassionante sequenza della festa al villaggio, dove i sette fratelli ingaggiano una battaglia “invisibile” contro i fidanzati delle ragazze su cui hanno messo gli occhi. Tra volteggi attorno alla lama di un’ascia, equilibrismi sul bordo di un pozzo e accenni di quadriglie, il musical si trasforma in una sarabanda agonistica, in cui la raffinatezza del ballo deve lasciare spazio, in più di un caso, all’urgenza dell’azione fisica. Se il musical affondava le proprie radici nel balleto europeo, Sette spose per sette fratelli lo ricodifica a materia puramente americana, immediata e forse anche più rozza, ma “popolare” e mai elitaria. E non è dunque un caso che il genere scelto sia il western, identitario come nessun altro per l’epopea hollywoodiana. Poco importa se tutto viene rinchiuso in uno spazio chiuso. Il musical avrà tutto il tempo per correre libero tra prati e montagne (l’incipit di Tutti insieme appassionatamente di Robert Wise), ma Donen ha già dimostrato come ciò non sia assolutamente necessario, perché il genere è già di per sé l’irreale elevato a forma unica di poesia.

Info
Sette spose per sette fratelli, il trailer originale.
Bless Your Beautiful Hide, prima canzone di Sette spose per sette fratelli.
  • sette-spose-per-sette-fratelli-1954-stanley-donen-01.jpg
  • sette-spose-per-sette-fratelli-1954-stanley-donen-02.jpg
  • sette-spose-per-sette-fratelli-1954-stanley-donen-03.jpg
  • sette-spose-per-sette-fratelli-1954-stanley-donen-04.jpg
  • sette-spose-per-sette-fratelli-1954-stanley-donen-05.jpg

Articoli correlati

  • Buone Feste!

    Sentieri selvaggi

    di Il capolavoro di John Ford, il film che ha segnato in maniera indelebile la storia del cinema western, il punto di non ritorno della classicità hollywoodiana. Basta il titolo: Sentieri selvaggi.
  • Buone Feste!

    La-rosa-di-BagdadLa rosa di Bagdad

    di Favola in chiaroscuro che saccheggia bonariamente Le mille e una notte, La rosa di Bagdad trae più di un'ispirazione dall'irraggiungibile Biancaneve e i sette nani, ma è soprattutto alla vis comica e allo stile caricaturale de I viaggi di Gulliver di Dave Fleischer che bisogna fare riferimento...
  • Buone Feste!

    Canto di Natale di Topolino RecensioneCanto di Natale di Topolino

    di Uno dei migliori adattamenti cinematografici del Christmas Carol di Dickens viene dalla Disney, che nel 1983 fece interpretare questo classico della letteratura da Zio Paperone, Topolino, Paperino & Co.
  • Buone Feste!

    La pericolosa partita

    di , David O. Selznick, Merian C. Cooper e Ernest B. Schoedsack fanno le prove generali per King Kong, che arriverà di lì a un anno nelle sale ma fu girato in contemporanea a questa mirabile immersione nell'angoscia.
  • Buone Feste!

    La diabolica invenzione

    di Ne La diabolica invenzione deflagra definitivamente la potenza visionaria del cinema del cecoslovacco Karel Zeman, in cui tutto è possibile. Anche e soprattutto l'impossibile.
  • Festival

    Roma 2017

    La Festa del Cinema di Roma 2017, dal 26 ottobre al 5 novembre, giunta alla dodicesima edizione. Torna la kermesse diretta per il terzo anno da Antonio Monda, tra anteprime, retrospettive, documentari, animazione e il consueto “festival nel festival” di Alice nella città.
  • Archivio

    Mamma Mia! Ci risiamo RecensioneMamma Mia! Ci risiamo

    di Con buona pace delle new entry, Mamma Mia! Ci risiamo di Ol Parker non fa che narrare la difficoltà di trascinare qui gli interpreti del film precedente, per posizionarli in una nuova vetrina che resta tale e non prevede alcuno sviluppo dei loro percorsi.
  • Cannes 2019

    Moulin Rouge RecensioneMoulin Rouge

    di Restaurato - in maniera non troppo eccelsa - in digitale, Moulin Rouge è un film di John Huston del 1952, in cui il grande cineasta ripercorreva la tragica vicenda di Henri de Toulouse-Lautrec per farne l'incarnazione dell'artista - da sempre e per sempre - ignorato dalla vita, ridotto a patetico spettatore.
  • Buone feste!

    Incontriamoci a Saint Louis recensioneIncontriamoci a Saint Louis

    di Perfetto film natalizio, per quanto con gli anni sia progressivamente scomparso dalla programmazione televisiva, Incontriamoci a Saint Louis è uno dei massimi risultati artistici del musical classico e del suo autore, Vincente Minnelli. Splendida protagonista Judy Garland.
  • Cinema

    Il bruto e la bella RecensioneIl bruto e la bella

    di Amarezze e cinismi intorno al mondo degli studios, ma anche grande amore per un preciso modello di industria cinematografica. Il bruto e la bella di Vincente Minnelli è un'opera autocelebrativa, che dietro a un apparente e inquieto puzzle esistenziale nasconde uno schietto e sincero entusiasmo per il fare cinema.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento