Tiempo de morir

Tiempo de morir

di

Cannes Classics riporta alla luce l’esordio alla regia di Arturo Ripstein, Tiempo de morir, con tanto di sceneggiatura di Gabriel García Márquez; un western che mina la classicità con una regia nervosa e la lettura psicologica dei personaggi.

Nel nome del padre

Juan Sayago torna al suo villaggio dopo aver trascorso diciotto anni in prigione per aver ucciso in duello un allevatore di cavalli. Il suo desiderio è quello di tornare a una vita normale per ricostruirsi un futuro, ma il destino gli ha preparato una sorpresa amara: i figli dell’uomo che ha assassinato, due giovani valorosi, sono decisi a vendicare la morte del padre… [sinossi]

Fino a pochi giorni fa Tiempo de morir era un film pressoché invisibile, difficile da recuperare anche per i cinefili di stretta osservanza, e sconosciuto perfino a molti appassionati cultori del cinema di Arturo Ripstein, qui al suo esordio. Basterebbe questo dettaglio a rendere merito alla presenza di una sezione come Cannes Classics. L’accredito stampa di un festival cinematografico può occupare il prezioso tempo di pausa tra un film e l’altro nei modi più disparati: mangiando, dormendo, facendo una salutare passeggiata. Da questo punto di vista Cannes offre una possibilità in più, spesso la migliore, con la selezione dei “classics”, film del passato riscoperti e offerti agli occhi del pubblico. La salle Buñuel, deputata a ospitare la sezioni, si riempie (eufemismo, perché l’ingresso è assicurato anche al più pigro dei cinéphile) e sullo schermo scorrono immagini di piccoli e grandi cult o di opere semisconosciute, tutte con un minimo comun denominatore: perle che per un motivo o per l’altro si sono smarrite nel marasma del cinema mondiale.
Ha tutte le debolezze dell’esordio, Tiempo de morir: una certa schematicità strutturale, una recitazione non sempre all’altezza della situazione, l’occhio del regista che vibra di immagini già vissuto, amate, metabolizzate e idolatrate. Ma è anche un’opera preziosa, a suo modo quasi irriverente verso il genere stesso di riferimento.

La prima inquadratura offre già l’elemento di discontinuità cui si faceva cenno: un uomo esce da una porta che si richiude alle sue spalle, lasciandolo all’esterno, celato in buona parte alla macchina da presa che è rimasta da questo lato del muro. Se l’immagine non sfugge a un ruolo strettamente narrativo (Juan Sayago esce di prigione dopo diciotto lunghi anni, scontati per aver ucciso un uomo in duello), è impossibile per la mente non vagare dalle parti del sontuoso incipit di Sentieri selvaggi di John Ford, apice forse irraggiungibile del western classico. Della classicità del genere Tiempo de morir possiede alcuni elementi, ma li mette tutti in gioco a favore di un’interpretazione mai storica ma sociologica e ancor più psicologica. In un mondo maschile, in cui l’uomo è motore unico della storia e della società – le donne sono tutte al chiuso nelle case, non hanno accesso neanche allo spazio esterno, non possono essere “credibili” en plein air –, Juan Sayago, i due figli di Trueba e l’amico di un tempo dell’ex galeotto combattono una guerra di schermaglie priva di un reale costrutto. Galletti che si sfidano gli uni contro gli altri alla ricerca di una soddisfazione (storica, mai legata alla contemporaneità) impossibile, sono la rappresentazione anti-eroica dell’impotenza maschile. Dai loro atti non può germinare nulla, la loro virilità è sterile come il brullo terreno in cui vive il villaggio, e dove solo tre elementi distinguono il valore di un uomo: la pistola e la capacità di usarla, il cavallo, la donna da possedere più che da conquistare.

Al brillante script di Gabriel García Márquez fa da contraltare la nervosa e a tratti geniale regia di Ripstein, che mostra le proprie qualità soprattutto quando utilizza il piano-sequenza attribuendogli un valore emotivo oltre che di messa in scena. Movimenti eleganti e ariosi che diventano di colpo avvicinamenti a macchina a mano, sbalestrati e (volutamente) incompiuti, come nella sequenza che svela l’ingresso in scena di Mariana, l’amore di un tempo di Juan oramai vedova e con un figlio – il bambino è l’elemento sociale ancor più recluso, perché maschio senza ancora le uniche qualità intrinseche del maschio. Una messa in scena che sorprende soprattutto per alcune scelte, secche e in grado di smitizzare l’epopea western senza bruciare pubblicamente il feticcio: si prenda il duello conclusivo, esempio perfetto di come Ripstein sappia maneggiare il genere senza mai deriderlo ma allo stesso tempo senza subirne il peso.
Una riscoperta essenziale, per un’opera senza dubbio “minore” (il proseguo della carriera porterà Ripstein a ben altre vette) ma carica di fascino, e pronta sempre a rischiare la strada più impervia.

Info
Tiempo de morir sul sito del Festival di Cannes.
  • tiempo-de-morir-1965-arturo-ripstein-02.jpg
  • tiempo-de-morir-1965-arturo-ripstein-01.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    Momotaro, Sacred Sailors RecensioneMomotaro, Sacred Sailors

    di Presentato in anteprima nella ricca sezione Cannes Classics, il restauro di Momotaro, Sacred Sailors (1945) rende merito al lavoro di Mitsuyo Seo e allo sforzo produttivo della Shochiku. Primo lungometraggio animato giapponese e sfortunato, nonché tragicamente nefasto, film di propaganda.
  • Cannes 2016

    Farrebique

    di A settant'anni dalla prima assegnazione di un premio FIPRESCI, Cannes Classics omaggia il primo trionfatore. Farrebique di Georges Rouquier è un rarissimo esempio di come documentario e finzione siano due categorie del tutto superflue.
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Festival

    Cannes 2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Buone Feste!

    Sentieri selvaggi

    di Il capolavoro di John Ford, il film che ha segnato in maniera indelebile la storia del cinema western, il punto di non ritorno della classicità hollywoodiana. Basta il titolo: Sentieri selvaggi.
  • Venezia 2015

    La calle de la Amargura

    di Fuori concorso a Venezia 72 il nuovo parto creativo di Arturo Ripstein. Un viaggio nei bassifondi (non solo sociali) del Messico, in un bianco e nero che sfonda lo schermo.
  • DVD

    El Verdugo

    di Più convincente nelle scene d'azione (l'assalto al treno, la scontro finale), El Verdugo ci riporta agli anni gloriosi degli spaghetti western, quando Hollywood guardava a Cinecittà con fervido interesse. Altri tempi. Distribuito in dvd dalla Koch Media.
  • Cannes 2016

    Valley of Peace

    di Cannes Classics ha omaggiato uno dei principali capolavori del cinema sloveno, Valley of Peace di France Štiglic.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento