Cannes 2016

Cannes 2016

Al via il Festival di Cannes 2016, dall’11 al 22 maggio, sessantanovesima edizione: l’apertura ufficiale con l’ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film… e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai, ma che prende sempre più velocità, lasciando il resto del mondo a debita distanza.

Guardi la Croisette e pensi a Venezia. Ti avvicini al Palais du Cinéma e si visualizza di fronte a te l’incancellabile immagine del cratere del Lido, grottesca metafora di parole, promesse, soldi buttati, progetti nati male e finiti peggio. Il Festival di Cannes 2016 continua ad allungare il passo, a sventolare in alto il vessillo dell’industria cinematografica francese, della cultura transalpina, di una nazione capace di investire, progettare, pensare in grande. Già, quella grandeur che spesso canzoniamo. Il cratere, ancora lui. Una voragine. Un abisso.

L’abisso. No, non sono soltanto i nomi in concorso o fuori concorso, sparsi tra Un Certain Regard o le Séances de Minuit, a sottolineare energicamente il distacco transalpino e il ritardo veneziano/italiano. Prima delle scelte artistiche (che spesso tanto artistiche non sono), c’è la struttura organizzativa, ci sono le infrastrutture, dal Palais alle singole sale, fino alla ampia ricettività della città. Ci sono negozi, ristoranti, vetrine di lusso, locali notturni, diurni, supermercati, giornalai e tutto quel che segue e che serve. Perché il Festival di Cannes 2016 non sarà fatto di sole visioni, residui di celluloide e immagini digitali, ma di infinite propaggini commerciali. E anche artistiche e culturali, perché il grande carrozzone serve anche a questo: la brillante Quinzaine des Réalisateurs, a questo giro dai riflessi tricolori (Fai bei sogni di Marco Bellocchio, La pazza gioia di Paolo Virzì, Fiore di Claudio Giovannesi); la Semaine de la Critique tutta da scoprire; la programmazione alternativa di Acid… [continua a leggere]

Info
Festival di Cannes 2016, il sito ufficiale.
Il concorso del Festival di Cannes 2015.

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    Ikarie-XB-1Ikarie XB 1

    di Restaurato in digitale con totale rispetto nei confronti della pellicola originale, il capolavoro della fantascienza cecoslovacca Ikarie XB 1 di Jindřich Polák era tra gli appuntamenti imperdibili di Cannes Classics 2016. Uno splendido esempio di sci-fi umanista e politica.
  • Cannes 2016

    Valley of Peace

    di Cannes Classics ha omaggiato uno dei principali capolavori del cinema sloveno, Valley of Peace di France Štiglic.
  • In Sala

    The-Nice-GuysThe Nice Guys

    di Russell Crowe debordante e Ryan Gosling in formato slapstick tengono in piedi The Nice Guys di Shane Black, buddy movie che gioca con gli anni Settanta/Ottanta, con una detection dai contorni noir e una comicità scalcinata.
  • Cannes 2016

    Intervista a Frédéric Bonnaud

    In occasione della presentazione a Cannes del restauro di Adieu Bonaparte di Youssef Chahine, abbiamo intervistato il nuovo direttore della Cinémathèque française, Frédéric Bonnaud, per parlare con lui di una delle istituzioni cinetecarie più importanti al mondo e della sua posizione a proposito di pellicola e digitale.
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Bilancio

    Qualche considerazione sulla sessantanovesima edizione del Festival di Cannes. Più dei vincitori e dei vinti, ci interessa il panorama della kermesse, lo sguardo sulle cinematografie nazionali, sui generi, sui nuovi autori...
  • Cannes 2016

    The-WailingThe Wailing

    di Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi.
  • Cannes 2016

    Close Encounters with Vilmos Zsigmond

    di Documentario sin troppo classico sul maestro della fotografia Vilmos Zsigmond, il film di Pierre Filmon ha comunque il merito di ripercorrerne la carriera e di raccogliere le testimonianze di alcuni dei suoi colleghi della New Hollywood.
  • Festival

    Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2016

    L'Albo d'Oro del Festival di Cannes, dalla vittoria di Union Pacific di Cecil B. DeMille nel 1939 al trionfo di Ken Loach con I, Daniel Blake.
  • Festival

    I-Premi-di-Cannes-2016I premi di Cannes 2016

    Ultimo atto della sessantanovesima edizione del Festival di Cannes, con la Palma d'oro a Ken Loach per I, Daniel Blake, il Grand Prix a Juste la fin du monde di Xavier Dolan, la regia ex-aequo per Olivier Assayas e Cristian Mungiu.
  • In sala

    Elle

    di La borghesia cattolica e il suo ineludibile sadomasochismo sono al centro di Elle di Paul Verhoeven, thriller-commedia spietata e spassosissima presentata in concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Il cliente

    di Dopo Le passé, Asghar Farhadi torna a parlare dell'Iran, di censura e di pubbliche virtù, stratificando ulteriormente il suo discorso con il teatro e realizzando così un nuovo straordinario tassello della sua filmografia: Il cliente, in concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    Gimme Danger

    di Jim Jarmusch gira un documentario sull'amico Iggy Pop e gli Stooges. Peccato che Gimme Danger, a parte la verve del cantante, non abbia molto di interessante da offrire allo spettatore.
  • Cannes 2016

    Il pozzo e il pendolo

    di La presenza del film di Roger Corman all'interno di Cannes Classics permette di riscoprire uno dei grandi classici del cinema del terrore.
  • In Sala

    Cane mangia cane

    di Paul Schrader confeziona un divertissement frenetico, un po' "gory" e ricco di humour nero, ma tra esplosioni scorsesiane e vaniloqui tarantiniani, la sua poetica appare un po' appannata. Alla Quinzaine 2016.
  • Cannes 2016

    La Mort de Louis XIV

    di Albert Serra porta a Cannes gli ultimi giorni di vita del Re Sole oramai agonizzante, smitizzando una volta di più il secolo dei lumi e raccontando la putrefazione del potere.
  • Cannes 2016

    The-Neon-DemonThe Neon Demon

    di In concorso a Cannes, The Neon Demon è un thriller/horror che prosegue la radicale stilizzazione narrativa e la costante ricerca estetica/estetizzante di Only God Forgives. Refn tratteggia una metafora piuttosto scarnificata ed evidente, caricandola di una sovrastruttura visiva coerente, ricercatissima.
  • Cannes 2016

    Intervista a Justine Triet

    Tra le figure più interessanti del nuovo cinema francese, Justine Triet dopo il folgorante esordio con La bataille de Solférino ha portato alla Semaine de la Critique a Cannes 2016 la sua opera seconda, Victoria. L'abbiamo intervistata per l'occasione.
  • In Sala

    Il tuo ultimo sguardo

    di Sean Penn precipita con Il tuo ultimo sguardo in un vortice di umanitarismo da star annoiata: storia d'amore irreale, bambini africani umiliati e offesi, guerriglieri da strapazzo, sospensioni alla Malick.
  • Cannes 2016

    The Transfiguration

    di L'esordio alla regia di Michael O'Shea è una rilettura non troppo originale del mito del vampiro, ambientato nel Queens, a New York. In Un certain regard.
  • Cannes 2016

    La jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Animazione

    ma-vie-de-courgetteLa mia vita da zucchina

    di La Quinzaine ritaglia spazi preziosi per il cinema d'animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l'ennesima dimostrazione della vitalità della stop motion e dell'animazione transalpina.
  • Cannes 2016

    Adieu Bonaparte

    di Film di attualità stringente, anche per le sue contraddizioni politiche, Adieu Bonaparte segnava nel 1985 l'atto d'inizio per Youssef Chahine delle co-produzioni tra Francia ed Egitto. Ripresentato a Cannes Classics in una eccellente versione restaurata.
  • Archivio

    Un padre, una figlia

    di Cristian Mungiu è un regista indispensabile per capire l'Europa contemporanea, le sue derive, il suo tentativo di "ripulirsi" dalla corruzione del tempo. Un padre, una figlia lo conferma ancora una volta.
  • Cannes 2016

    One-Eyed Jacks

    di Western "marino" cupo e shakesperiano, One-Eyed Jacks è l'unica regia di Marlon Brando. Diretto nel 1961, il film è stato presentato in Cannes Classics, nella versione restaurata dalla Universal e dalla Film Foundation di Scorsese.
  • In sala

    È solo la fine del mondo

    di Il talento di Xavier Dolan non è in discussione, e si mette in mostra forse di più in un kammerspiel tutto giocato sui volti dei suoi protagonisti.
  • Prossimamente

    Ritratto di famiglia con tempesta

    di Hirokazu Kore-eda prosegue il suo personalissimo discorso su rapporti umani, familiari e comunitari in Ritratto di famiglia con tempesta. Solo che stavolta gli manca qualcosa per arrivare ai suoi consueti livelli altissimi.
  • In sala

    L’effetto acquatico

    di Tra personaggi bislacchi e situazioni assai originali, L'effetto acquatico procede agile e frizzante, grazie alla notevole leggerezza del tocco della regista Sólveig Anspach. Alla Quinzaine 2016.
  • Cannes 2016

    La ragazza senza nome

    di , Troppo sicuri della giustezza della loro indagine etica, i Dardenne con La ragazza senza nome dimenticano di oliare i meccanismi del racconto e scivolano nella maniera di se stessi. In concorso a Cannes 2016.
  • Animazione

    La tartaruga rossa

    di Presentato nella sezione Un Certain Regard, La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit è l’ennesimo miracolo artistico e produttivo dello Studio Ghibli, in coproduzione con le francesi Prima Linea Productions, Why Not Production e Wild Bunch.
  • Cannes 2016

    Le Cancre

    di A 86 anni per la prima volta Paul Vecchiali viene selezionato al Festival di Cannes. Le Cancre è l'occasione per incontrare di nuovo il suo cinema, boccata d'aria per cervello e cuore.
  • Cannes 2016

    Ma’ Rosa

    di Consueto ritratto entomologico di personaggi presi nella morsa di una povertà e di una disperazione assolute in quel di Manila, Ma' Rosa conferma la fase discendente del cinema di Mendoza. In concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Psycho Raman

    di Anurag Kashyap torna sulla Croisette per approfondire ulteriormente il discorso sul peccato e il crimine nella società indiana, dove tutto è meticciato e bene e male si specchiano l'uno nell'altro.
  • Cannes 2016

    American-HoneyAmerican Honey

    di In concorso a Cannes 2016, American Honey è una pellicola visceralmente indie. Un Bildungsroman contemporaneo cadenzato da una playlist in riproduzione continua, da un girovagare apparentemente senza meta, da una circolarità sottilmente disperata.
  • Cannes 2016

    Aquarius

    di Kleber Mendonça Filho mette in scena la lotta di una donna per il diritto di continuare a vivere nell'appartamento in cui è cresciuta, e narra allo stesso tempo il Brasile degli ultimi trent'anni.
  • Cannes 2016

    Julieta

    di In bilico tra melodramma e noir, Pedro Almodóvar racconta di un rapporto interrotto tra madre e figlia, ma appare troppo concentrato sui dettagli per dare forma compiuta al tutto. In concorso a Cannes 2016.
  • Prossimamente

    LovingLoving

    di In concorso a Cannes 2016, Loving è un biopic che preferisce la quotidianità di una lunga storia d’amore alla spettacolarità della classica declinazione processuale, lasciando volutamente fuori fuoco la Corte Suprema, la Legge, la Storia.
  • Cannes 2016

    Fiore

    di Fiore di Claudio Giovannesi, alla Quinzaine des réalisateurs a Cannes, è un racconto intimo e universale sulla prigionia, e l’impossibilità di trovare un proprio posto al mondo.
  • Cannes 2016

    Apprentice

    di Da Singapore arriva un thriller carcerario che cerca di fare il verso al cinema hongkonghese e che perde ben presto la strada tracciata dalla buona idea di partenza: Apprentice di Boo Junfeng, in concorso in Un certain regard a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    I racconti della luna pallida d’agosto

    di Cannes Classics riscopre uno dei massimi capolavori del cinema giapponese e mondiale, e l'opera forse più conosciuta di Kenji Mizoguchi.
  • Cannes 2016

    Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • In sala

    Personal Shopper

    di Olivier Assayas porta in concorso a Cannes (e ora in sala) una ghost-story che è riflessione sul desiderio, sul proibito e sull'immateriale. Con una splendida Kristen Stewart.
  • Cannes 2016

    Le Voyage au Groenland

    di Sébastien Betbeder arricchisce la storia già accennata nel cortometraggio Inupiluk. In ACiD a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    The-HandmaidenThe Handmaiden

    di Presentato in Concorso al Festival di Cannes 2016, The Handmaiden di Park Chan-wook è un geometrico divertissement, tanto certosino e levigato nella messa in scena quanto eccessivamente dilatato narrativamente, fin troppo compiaciuto nel suo gioco di specchi.
  • Cannes 2016

    Cinema novo

    di Omaggio alla nouvelle vague brasiliana, Cinema novo - presentato in Cannes Classics e diretto da Eryk Rocha, figlio di Glauber, che fu il maggior esponente del movimento - è un'elegia costruita esclusivamente su immagini di repertorio, che rievoca l'insuperata forza politico-visionaria di quel cinema.
  • In Sala

    Mal di pietre

    di Melodramma provenzale lacrimevole e incoerente, Mal di pietre di Nicole Garcia scivola verso il finale in colpi di scena risibili e trovate a tratti demenziali. In concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    beyond-the-mountains-and-hillsBeyond the Mountains and Hills

    di Paranoie e inganni reciproci nell'Israele descritta da Eran Kolirin in Beyond the Mountains and Hills, selezionato in Un certain regard a Cannes 2016. Un film che supera l'apparente bonomia iniziale per farsi crudo e per niente conciliatorio.
  • In sala

    Paterson

    di Jim Jarmusch porta in scena una volta di più la sua poetica, in cui lirismo e terracea quotidianità si fondono. Stavolta racconta la storia di Paterson, un autista di bus (e poeta) a Paterson, nel New Jersey...
  • Cannes 2016

    Train-to-BusanTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Cannes 2016

    Signore & signori

    di A cinquant'anni dalla vittoria a Cannes, ex-aequo con Un uomo, una donna di Lelouch, viene riproposto sulla Croisette in versione restaurata Signore & signori di Germi, probabilmente l'apice della sua filmografia, disamina crudele dell'ipocrisia italiota.
  • In Sala

    Dopo l’amore

    di Dramma di coppia rigoroso e stilisticamente elegante , Dopo l'amore di Joachim Lafosse, presentato alla Quinzaine, è un ottimo palcoscenico per i suoi interpreti, ma tutto quel loro litigare alla lunga stanca.
  • Cannes 2016

    Tiempo de morir

    di Cannes Classics riporta alla luce l'esordio alla regia di Arturo Ripstein, con tanto di sceneggiatura di Gabriel García Márquez; un western che mina la classicità con una regia nervosa e la lettura psicologica dei personaggi.
  • Cannes 2016

    Victoria

    di Secondo lungometraggio di Justine Triet, già autrice di La bataille de Solférino, Victoria è un film meno riuscito del precedente, in cerca di una - impossibile - classicità prendendo a modello la commedia americana. Film d'apertura della Semaine de la Critique.
  • In sala

    Il GGG – Il grande gigante gentile

    di Steven Spielberg adatta per il grande schermo il celebre romanzo di Roald Dahl, racchiudendo in un film per l'infanzia tutta la sua poetica, il suo immaginario e la sua umanità. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • In sala

    Vi presento Toni Erdmann

    di Odio, amore, sadomasochismo, travestimenti e solitudini abissali. Con Vi presento Toni Erdmann, in concorso a Cannes 2016, la cineasta tedesca Maren Ade, a partire dal confronto tra un padre e una figlia, scoperchia con lucidità e ferocia il vaso di Pandora delle relazioni familiari.
  • Cannes 2016

    MomotaroMomotaro, Sacred Sailors

    di Presentato in anteprima nella ricca sezione Cannes Classics, il restauro di Momotaro, Sacred Sailors (1945) rende merito al lavoro di Mitsuyo Seo e allo sforzo produttivo della Shochiku. Primo lungometraggio animato giapponese e sfortunato, nonché tragicamente nefasto, film di propaganda.
  • Cannes 2016

    Poesia sin fin

    di Sincero, poetico (ovviamente) e toccante, Poesia sin fin è un’esperienza immersiva nella formazione dell’immaginario di Alejandro Jodorowsky, un viaggio dal quale anche lo spettatore, quando fa ritorno, non è più lo stesso. Alla Quinzaine.
  • Cannes 2016

    La pazza gioia

    di Paolo Virzì torna alla regia raccontando un'amicizia tra donne, diverse per estrazione sociale ma legate dall'incapacità di relazionarsi con il mondo che le circonda. Alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes e in sala dal 17 maggio.
  • Cannes 2016

    Exil

    di Rithy Panh continua a elaborare il lutto personale e universale di una nazione, la Cambogia, che ancora soffre le ferite della dittatura di Pol Pot. A Cannes tra le séances spéciales.
  • Cannes 2016

    Ma Loute

    di Per scandalizzare la borghesia Bruno Dumont mette in scena una farsa sfrenata e delirante, dove la lotta di classe assume connotati paradossali grazie anche all'utilizzo sapiente di interpreti ben noti a certo cinema "borghese".
  • Cannes 2016

    Rester vertical

    di In concorso alla 69esima edizione del Festival di Cannes, Rester vertical segna il ritorno di Alain Guiraudie dopo Lo sconosciuto del lago: un film grezzamente e matericamente esistenzialista, in cui si mettono a confronto uomini e bestie.
  • Cannes 2016

    I tempi felici verranno presto

    di L'opera seconda di Alessandro Comodin conferma la poetica del giovane autore, lontano dalla prassi e alla ricerca di una propria dimensione del racconto, che fonde umano e natura. Ma stavolta il meccanismo si fa più artefatto, depauperando il potenziale metaforico del film.
  • In sala

    Neruda

    di Pablo Larraín si conferma uno dei più grandi registi in attività, trasformando un biopic sul poeta e senatore Neruda in una riflessione sul potere, sull'arte, sulla scrittura della vita propria e altrui. Alla Quinzaine des réalisateurs 2016.
  • Cannes 2016

    io-daniel-blakeIo, Daniel Blake

    di Palma d'Oro al Festival di Cannes, Ken Loach ritrova quella verve politica e narrativa che sembrava smarrita. Una pellicola imperfetta, che Laverty sovraccarica con eccessi e sottolineature didascaliche, ma saldamente avvinghiata alla quotidianità, alle difficoltà della classe operaia, al perenne conflitto tra Stato e cittadino.
  • Cannes 2016

    Farrebique

    di A settant'anni dalla prima assegnazione di un premio FIPRESCI, Cannes Classics omaggia il primo trionfatore. Farrebique di Georges Rouquier è un rarissimo esempio di come documentario e finzione siano due categorie del tutto superflue.
  • Cannes 2016

    L’ultima spiaggia

    di , Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan firmano un documentario bizzarro e diseguale, con molti spunti di riflessione ma al quale forse gioverebbe una sforbiciata...
  • In sala

    Money Monster

    di Parabola sullo show business e sul mondo della finanza, Money Monster - quarta regia cinematografica di Jodie Foster - accumula stereotipi e cinismi per un discorso che solo a tratti riesce a farsi interessante. Fuori concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Fai bei sogni

    di Travestito da adattamento del romanzo autobiografico di Massimo Gramellini, Fai bei sogni è una satira feroce, ma anche divertita, del giornalismo contemporaneo e della società tutta. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Cannes 2016

    Pericle il nero

    di Noir d'atmosfera e neorealismo fenomenologico all'europea si fondono in Pericle il nero, adattamento del romanzo di Ferrandino improntato al rigore e alla rarefazione. In Un certain regard a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Sieranevada

    di Cristi Puiu torna alla regia con Sieranevada, dramma familiare ambientato a ridosso dei tragici fatti di Charlie Hebdo. In concorso a Cannes 2016.
  • Cannes 2016

    Café SocietyCafé Society

    di Leggiadro, ironico, romantico, nostalgico. Il nuovo film di Woody Allen apre ufficialmente la 69a edizione del Festival di Cannes. Un’apertura glamour, da copertina, col riflesso della Hollywood d’antan e le bellezze di oggi Kristen Stewart e Blake Lively.
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Cannes 2016

    La Quinzaine des réalisateurs 2016

    Pablo Larraín, Anurag Kashyap, Paul Schrader, Marco Bellocchio: come sempre la Quinzaine des réalisateurs si conferma sulla carta come uno degli indispensabili polmoni verdi della Croisette.
  • Cannes 2016

    Svelata la selezione di Cannes 2016

    Il secondo festival dell'era-Lescure conferma la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.
  • Cult

    Terrore nello spazio

    di Per omaggiare Callisto Cosulich, scomparso in questi giorni, recuperiamo il cult fantascientifico di Mario Bava da cui trasse ispirazione anche Ridley Scott per Alien.
  • Festival

    Festival di Cannes 2017 – Presentazione

    Al via Cannes 2017: dal 17 al 28 maggio, da Les Fantômes d'Ismaël di Desplechin fino alla Palma d'oro. Due settimane di cinema, di mercato, di prospettive. Cannes 70 è l'edizione di Netflix, di Twin Peaks, del piccolo (grande) schermo, del cinema del e nel futuro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento