Terra Formars

Terra Formars

di

Al Marché ci si è imbattuti anche nell’ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.

Ogni scarrafone…

I due criminali Shokichi e Nanao accettano, per evitare una probabile condanna a morte, di prendere parte a una missione segreta chiamata “Terraforming Project”; si tratta di andare su Marte per sterminare le migliaia di scarafaggi che l’hanno colonizzato dopo essere stati spediti lì dagli umani cinquecento anni prima. Insieme ai due prendono parte alla spedizione altri tredici disadattati di vario tipo; tutti alla ricerca della libetà, o di accaparrarsi il premio promesso per la riuscita dell’operazione. Ma le cose non andranno per il verso giusto… [sinossi]

Terra Formars è un giocattolo, di quelli che ricevi da bambino da lontani zii che vengono a trovarti una volta ogni due anni, o forse di più. Non conoscono i tuoi gusti, i poveri zii, e per farti un regalo devono entrare nel negozio più vicino e improvvisare, sperando di non commettere errori clamorosi e di non portarti un doppione. Comprano quindi qualcosa che sulla carta potrebbe piacerti. Non è colpa loro se si tratta di una brutta copia di ciò che veramente ti appassiona, e quindi non sprechi pensieri malevoli nei loro confronti. Il giocattolo ti resta, e tu lo metti in un angolo, pensando che prima o poi lo utilizzerai, ma sapendo che in realtà non è vero. Takashi Miike di giocattoli ne ha portati a termine tanti, nella sua vita, trasformando in opere preziose scarti di fabbrica di vario tipo: anni fa per fare un esempio prese un trascurabile film sudcoreano (The Quiet Family di Kim Jee-woon, al suo esordio), lo rimasticò in forma ultra-pop e diede alla luce The Happiness of the Katakuris, in bilico tra il demenziale e il sublime e in grado di raggiungere il capolavoro su entrambi i fronti.
Spesso considerato molto meno del suo reale valore, a causa di scelte a dir poco popolari – ma sempre folli, un passo oltre il dirupo, e senza paura – Miike ha coltivato nel corso degli anni un’idea tutta personale di ciò che può significare blockbuster. Già The Great Yokai War, primo vero film per il grande pubblico che girò nel 2005, indicava la direzione: anche di fronte a prodotti fatti e finiti, pensati per lo più per un pubblico dall’immaginario anestetizzato, Miike ha sempre trovato la chiave di volta per aprire la porta all’anarchia, all’impensabile, al rivoluzionario. Solo dodici mesi fa sulla Croisette faceva irruzione la ranocchia gigante di Yakuza Apocalypse

A Cannes 2016 in realtà Miike non è presente con nessun film, ma il cinefilo appassionato nello spulciare il ricco (anche troppo) programma del Marché du festival può imbattersi in Terra Formars, novantesimo lungometraggio del regista giapponese in venticinque anni di carriera; il film è uscito lo scorso 29 aprile in patria, e ha scelto Cannes per cercare acquirenti in giro per il mondo.
Tratto da un manga scritto da Yu Sasuga e illustrato da Kenichi Tachibana, fonte di ispirazione per un trascurabile serie di animazione, Terra Formars è un pastrocchio senza capo né coda, che Miike mette in scena con innegabile maestria tecnica, ma che manca dell’elemento fondamentale per un progetto di questo tipo: un pur minimo sviluppo narrativo che giustifichi lo sforzo produttivo. Miike si diverte a portare davanti alla macchina da presa questo scontro tra (pseudo)umani e scarafaggi antropomorfi, ma al di là delle infinite (e anche stancanti) battaglie campali tra le due parti in gara non c’è davvero un granché da annotare. Lo schema è ripetuto all’infinito, ed è sempre lo stesso: la pletora di blattoidei dalle proporzioni abnormi assedia il gruppuscolo di umani, che per rispondere si inietta nella tempia il siero in grado di donar loro super poteri – avvicinandoli a questo o a quell’altro insetto – e si prepara al combattimento.
La mattanza non ha nulla a che vedere con l’apoteosi di umori e sangue che adornava gioielli quali Ichi the Killer o 13 assassini, e la serialità ossessiva delle sequenze non possiede alcun retropensiero teorico, come invece avveniva in Izo e anche nel recente As the Gods Will. Si resta solo nel campo dello scherzo tirato per le lunghe, con qualche guizzo di sana cattiveria e sadismo e poco più. Un passaggio a vuoto, non il primo e probabilmente neanche l’ultimo per uno dei registi in ogni caso indispensabili della contemporaneità.

Info
Il trailer di Terra Formars.
Terra Formars, il sito ufficiale giapponese.

Articoli correlati

  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Festival

    Cannes-2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Streaming

    Shinjuku Triad Society

    di In streaming sul nostro sito grazie all'accordo con VVVVID.it, il primo capitolo della cosiddetta "Black Society Trilogy", che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • Cannes 2015

    Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Rotterdam 2015

    Over Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Roma 2014

    As the Gods Will

    di Il nuovo film di Takashi Miike, tratto da un manga di successo, è l'ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.
  • Roma 2013

    The Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    For Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • Blu-ray

    13 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • AltreVisioni

    Hara-kiri: Death of a Samurai

    di Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull'iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.
  • Archivio

    13 Assassini

    di Tra i pochi film di Takashi Miike in grado di sfondare il muro di silenzio distributivo italiano, 13 assassini è anche uno dei suoi capolavori recenti. A Venezia 2010.
  • Archivio

    Yattaman – Il film

    di Takashi Miike firma per il grande schermo la versione live action di Yattaman, celeberrimo anime televisivo degli anni Settanta.
  • AltreVisioni

    Sukiyaki Western Django

    di Il western disegnato da Miike è l'ennesimo canto al corpo non-morto destinato a deturpazioni, cesure, deformazioni di ogni tipo...
  • Festival

    trieste-science-fiction-2016Trieste Science+Fiction 2016

    La sedicesima edizione del Trieste Science+Fiction, kermesse che offre a pubblico e addetti ai lavori un'imperdibile immersione tra fantascienza e horror. Da martedì 1 a domenica 6 novembre.
  • Rotterdam 2017

    The Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento