The Wailing

The Wailing

di

Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, questo thriller dai risvolti orrorifici non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi. Notevole il cast: Kwak Do-won finalmente in un ruolo di primissimo piano, il “giapponese” Jun Kunimura, il solito gigioneggiante Hwang Jeong-min, la “ragazza senza nome” Woo-hee Chun.

Il Male

La placida quotidianità di un villaggio coreano è turbata da una serie di omicidi, violentissimi e inspiegabili. La piccola comunità rurale piomba nel caos e nel terrore: la presenza di un anziano viandante giapponese che abita tra i boschi attira l’attenzione degli abitanti del villaggio, tra sospetti, illazioni e superstizioni. Di fronte all’incompetenza della polizia locale, incapace di trovare l’assassino o di fornire una spiegazione sensata, alcuni abitanti chiedono aiuto a uno sciamano… [sinossi]

Prima The Chaser. Poi The Yellow Sea. Adesso The Wailing. Fatti due conti, Na Hong-jin è oramai una certezza, un nome da seguire passo dopo passo, da pedinare senza esitazioni.
Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, The Wailing è un film dal cuore nerissimo: intenso, ingannevole, spietato, un thriller dai risvolti orrorifici che non spreca un secondo dei suoi centocinquantasei minuti, imboccando ben presto sentieri inattesi. La sceneggiatura di Na cambia rotta più volte, mescola le carte, smonta le nostre certezze e quelle del protagonista, mutando pelle e genere.
Si sorride in The Wailing: per l’inadeguatezza della polizia, uno dei punti fermi del cinema sudcoreano, e per alcune sequenze che declinano con beffarda ironia la messa in scena della violenza, del sangue, della morte. Poi il sorriso diventa amaro, mentre il povero Jong-goo cerca di capire, cerca disperatamente di capire: il colpevole, i colpevoli, il confine tra Bene e Male… ma Na Hong-jin ha architettato un mistery densissimo, e così la disperazione della detection diventa anche nostra. E ci si può anche commuovere. Che finale, The Wailing. Con quel dolore palpabile, con una sequenza che sembra quasi un melò, mentre si cerca ancora di capire. Disperatamente. The Wailing ha davvero un cuore nerissimo.

Alla terza regia e sceneggiatura, ben sei anni dopo The Yellow Sea, Na Hong-jin sembra partire dall’archetipo dei thriller della New Wave sudcoreana, l’imprescindibile Memories of Murder (2003) di Bong Joon-ho, per poi superare agevolmente le barriere del genere. Sulla carta, un’operazione assai rischiosa. Ma è nella coesistenza dei generi, nella capacità di accumulare suggestioni non solo orrifiche ma anche sovrannaturali, che The Wailing si rivela sorprendente: Na riesce a tenere a bada le possibili derive grottesche, affidando al personaggio del poliziotto Jong-goo il ruolo di trait d’union tra i piani narrativi.
A calarsi perfettamente nel ruolo del poliziotto di campagna Jong-goo, pacioccone e apparentemente inadeguato, è il caratterista Kwak Do-won (The Attorney, The Man from Nowhere). Sulle sue spalle Na carica tutti i detour razionali e irrazionali. Nelle due sequenze più dilatate (il rito sciamanico e l’attesa della mattina), quando deflagra drammaticamente il dubbio, Jong-goo si rivela non solo il catalizzatore emotivo della pellicola, ma un vero e proprio doppio spettatoriale, un osservatore interno/esterno.

Ancora una volta, a parte il plus valore della scrittura e della regia di Na (l’inquietudine strisciante delle sequenze oniriche, la messa in scena dei delitti, la potenza visiva e tragica del rito sciamanico), l’industria cinematografica sudcoreana mette in mostra l’inscalfibile solidità delle sue fondamenta tecnico-artistiche, a partire dal livello del cast – il “giapponese” Jun Kunimura, il solito gigioneggiante Hwang Jeong-min, la “ragazza senza nome” Woo-hee Chun. L’eccezionalità di Na Hong-jin, a differenza di altri talentuosi registi come Kim Jee-woon (I Saw the Devil, The Good, the Bad, the Weird) o Park Hoon-jung (New World, The Tiger), è nella capacità di saper tenere sotto controllo la struttura narrativa, di lavorare di sottrazione anche quando la pellicola accumula suggestioni, di lasciare decantare le immagini anche quando il ritmo è incessante. E di essere, senza esitazioni, crudele.

Info
La scheda di The Wailing sul sito del Festival di Cannes.
Il trailer originale di The Wailing
La conferenza stampa cannense di The Wailing.
The Wailing sul sito del Kofic.
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-01.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-03.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-04.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-05.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-06.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-07.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-08.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-09.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-10.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-11.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-12.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-13.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-14.jpg
  • The-Wailing-2016-Goksung-Na-Hong-jin-15.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • AltreVisioni

    The Yellow Sea

    di The Yellow Sea assume ben presto le fattezze di un classico action hitchcockiano, con il protagonista costretto a confrontarsi con un piano criminoso più grande di lui...
  • AltreVisioni

    The Man From Nowhere

    di Le apparenze possono ingannare. Dietro a un riservato proprietario di un banco dei pegni può nascondersi un'inesorabile macchina da guerra addestrata dai servizi segreti...
  • AltreVisioni

    I-Saw-The-DevilI Saw the Devil

    di Kyung-chul è un pericoloso psicopatico che uccide per puro piacere. Ha commesso un'infernale serie di omicidi in modi diabolici che non si possono nemmeno immaginare, uccidendo giovani donne e bambini. La polizia lo insegue da tempo, ma non è ancora riuscita a catturarlo...
  • AltreVisioni

    The Chaser

    di Il devastante esordio alla regia di Na Hong-jin, un thriller teso, cupo e iperviolento in una Corea del Sud livida e turbolenta.
  • Libri

    Il cinema coreano contemporaneo

    Edito dalla O barra O Edizioni di Milano, Il cinema coreano contemporaneo di Lee Hyang-jin ha il grande merito di essere il primo esaustivo saggio sul cinema coreano, dalle traballanti e difficoltose origini fino ai giorni nostri...
  • Festival

    torino-2016Torino 2016

    Il Torino Film Festival 2016, dal 18 al 26 novembre. La trentaquattresima edizione della kermesse piemontese, tra opere prime, sci-fi, punk, documentari, film di ricerca... Tutte le nostre recensioni.
  • AltreVisioni

    bedevilledBedevilled

    di L'isola messa in scena in Bedevilled è un microcosmo infernale, pregno di bestiale ignoranza e istinti deviati. Stupri, incesti, violenze fisiche e psicologiche, umiliazioni, privazioni... Presentato al Far East 2011.
  • Cannes 2017

    The Villainess

    di Presentato a Cannes 2017, The Villainess è un adrenalinico action che pesca a piene mani da Nikita e Kill Bill e dall’estetica videoludica, puntando su una spettacolarità dopata. Sotto la patina di sequenze ipertrofiche e di una trama smaccatamente derivativa, resta davvero poco.
  • Cannes 2018

    The Spy Gone North RecensioneThe Spy Gone North

    di Presentato fuori concorso a Cannes, The Spy Gone North è una solidissima spy story, innervata di Storia e politica. Teso e incisivo, ci riporta a Seoul e Pyongyang, dal 1993 al 1997, ripercorrendo uno dei momenti chiave della storia coreana.
  • Cannes 2019

    The Gangster, the Cop, the Devil RecensioneThe Gangster, the Cop, the Devil

    di Mescola un po’ le carte l'opera seconda di Lee Won-Tae, presentata fuori concorso a Cannes 2019. Battute, omicidi e pestaggi, alcune sequenze mirabili, cast di livello. Tutto già visto, scivola via piacevolmente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento