Café Society

Café Society

di

Leggiadro, ironico, romantico, nostalgico. Accompagnato dai colori di Vittorio Storaro e dalle immancabili sonorità jazz. Woody Allen, come sempre. Café Society assicura al Festival di Cannes un’apertura glamour, da copertina, col riflesso della Hollywood d’antan e le bellezze di oggi Kristen Stewart e Blake Lively. Ma lo script è per Jesse “Woody” Eisenberg e per Steve Carell, entrambi perfetti.

La mia doppia vita con Veronica

New York, anni Trenta. Schiacciato tra genitori in perenne conflitto e un fratello gangster, Bobby Dorfman ha la sensazione di soffocare. Decide quindi di tentare la fortuna a Hollywood dove suo zio Phil, tra i più famosi agenti delle star del cinema, accetta di assumerlo alle sue dipendenze. A Hollywood Bobby non ci mette molto a innamorarsi; purtroppo la ragazza non è libera e deve accontentarsi della sua amicizia. Almeno fino a quando lei non corre in lacrime a casa sua per annunciargli di essere stata lasciata. Improvvisamente l’orizzonte si rischiara e tutto per Bobby sembra a portata di mano… [sinossi]

Café Society scivola via, coi suoi tramonti newyorkesi, le ville hollywoodiane, i dialoghi sagaci, le peripezie del fratello gangster, gli intrecci amorosi, The Woman in Red con Barbara Stanwyck, le passeggiate per la Grande Mela.
Il nuovo film di Woody Allen, coccolato dalla Croisette, è l’ennesimo ritorno di un cineasta dalla verve inesauribile. Sempre alle prese con un nuovo progetto, Allen ha girato l’Europa ma è inevitabilmente rientrato a New York, a casa, al cuore pulsante della sua poetica. Come il nuovo alter ego Bobby Dorfman (Jesse Eisenberg), Allen è visceralmente legato a luoghi, ritmi, luci, strade, piccoli e caratteristici locali. Al jazz notturno, all’iconografia newyorkese, a quel melting pot idealizzato e cristallizzato.

Il viaggio di Bobby da New York alla città degli angeli è una sorta di quest minimalista e sentimentale: il confronto con la fabbrica dei sogni, con le proprie aspirazioni, e quella verità che Allen sembra voler riscoprire ogni volta – come una Dorothy dalla lingua rapida e tagliente, «There’s no place like home». Perché, in fin dei conti, il cinema di Allen è proprio fatto di eterni ritorni: a New York, ai temi di sempre, alla religione, alla morte, a una famiglia soffocante, a un passato filtrato dalla memoria, a una giovinezza di celluloide. Anzi, una giovinezza digitale: Allen con Café Society incontra il digitale e Vittorio Storaro – erano entrambi sul set di Ho solo fatto a pezzi mia moglie di Alfonso Arau, con Allen nelle vesti di semplice attore. Il film è girato con una Sony CineAlta F65, che Storaro esalta in alcuni passaggi cromaticamente mirabolanti: la visita inattesa di Vonnie, con la luce vivissima della candele; il tramonto che riecheggia Manhattan, proprio alla fine di una promenade romantica che non scivola nel mero citazionismo.

Café Society è leggiadro, ironico, romantico, nostalgico. È Allen. La collaborazione con Storaro sembra sospingerlo verso una messa in scena più certosina, forse anche per esorcizzare il passaggio al digitale. Siamo però distanti dagli anni Settanta e Ottanta, dallo stesso Manhattan, dai tempi belli di Io e Annie, da quella leggerezza di inaudito spessore.
Amabile, grazioso, persino salutare, Café Society è (solo) un altro divertissement, una variazione che nulla aggiunge o toglie, ma che rinnova un universo narrativo che sa essere ombelicale e al contempo universale. Allen è Jesse Eisenberg, è Steve Carell; Kristen Stewart è Diane Keaton; New York è New York.

Allen è anche la voce narrante, il filo conduttore non solo di questo lungometraggio ma di un immaginario cinematografico che ha poco di losangelino, di hollywoodiano, ma che è intriso di cultura e sensibilità europea. Dopo New York, Cannes, l’Europa. E così, nelle sale del Festival di Cannes, seduti ad ammirare l’ennesima fatica (ma farà davvero fatica?) di Allen, ci si sente a casa, in famiglia. E il gioco di specchi tra Vonnie (Kristen Stewart) e Veronica (Blake Lively), tra Bobby (Eisenberg) e zio Phil (Carell), è anche un po’ nostro, nonostante le mille luci e seduzioni dell’alta borghesia, di Hollywwod, dei locali à la page.
L’unico vero rimpianto, a conti fatti, è per una promenade che sarebbe dovuta durare di più, senza divagazioni, senza sovrastruttura. Café Society è tutto nelle parentesi di Vonnie e Bobby, negli sguardi finali, magnifici. Tutto il resto, tra metafore e metalinguaggio, è gradevole, superfluo contorno.

Info
Il trailer internazionale di Café Society.
La scheda di Café Society sul sito del Festival di Cannes.
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-01.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-02.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-03.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-04.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-05.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-06.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-07.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-08.jpg
  • Cafe-Society-2016-Woody-Allen-09.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    La ruota delle meraviglie RecensioneLa ruota delle meraviglie

    di La ruota delle meraviglie è la quarantottesima regia per il cinema di Woody Allen, che attraverso un gioco di riflessi con Tennessee Williams rinverdisce una volta di più la sua lettura filosofica della vita e della 'naturale' sofferenza dell'umano.
  • Berlinale 2017

    Io e Annie

    di Compie quarant'anni Io e Annie: il capolavoro di Woody Allen, quello che meglio armonizza l'inventiva e la prorompenza del suo primo cinema con la fase successiva. Presentato alla Berlinale in versione restaurata.
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Archivio

    Irrational Man RecensioneIrrational Man

    di Il nuovo film di Woody Allen racconta la storia di un professore di filosofia in crisi esistenziale. Sarà una sua studentessa a dargli un nuovo scopo nella vita. Fuori Concorso a Cannes 2015, una delle opere più ispirate del regista newyorchese da molti anni a questa parte.
  • Archivio

    Magic in the Moonlight

    di Una commedia in costume intimamente autoreferenziale, nella quale Woody Allen tiene a parlarci, fondamentalmente, della sua arte e dei suoi vecchi trucchi.
  • DVD

    Blue Jasmine

    di Woody Allen si odia o si ama, e così molti dei suoi ultimi film, il cui giudizio tende a cambiare a seconda delle visioni. Non con Blue Jasmine, che è e resta uno dei suoi migliori film degli ultimi vent’anni. La recensione del DVD edito dalla Warner Bros.
  • Archivio

    Un'immagine di Blue Jasmine, il nuovo film di Woody AllenBlue Jasmine

    di Lasciati da parte i cliché da cartolina, Woody Allen con Blue Jasmine torna a puntare l'obiettivo sugli esseri umani e sulle dinamiche del vivere, realizzando un film dolente e doloroso che non cede al patetismo.
  • Archivio

    WoodyWoody

    di Si parla di mortalità, e si ride. Si parla d'amore e di Dio, e si continua a ridere. "Woody" è un documentario divertente, inevitabilmente divertente, ma soprattutto affettuoso. Weide si limita a illustrare e assemblare, asseconda l'icona comica, ne segue religiosamente la carriera...
  • Festival

    Cannes 2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Torino 2016

    Il dormiglione

    di Il dormiglione segna l'incursione di Woody Allen, alla quinta regia, nei territori della fantascienza, tra eversioni del corpo e del linguaggio. A Torino nella retrospettiva Cose che verranno.
  • Archivio

    Midnight in Paris RecensioneMidnight in Paris

    di Rimettendosi in gioco, Allen prende di petto i cliché dei suoi stessi film e li sfrutta per mettere in scena una pochade magari inessenziale ma indubbiamente graziosa. Pellicola di apertura del Festival di Cannes 2011.
  • Archivio

    Paris-Manhattan RecensioneParis-Manhattan

    di Esordio di Sophie Lellouche, Paris-Manhattan è debitore in maniera sin troppo evidente e invadente del cinema di Woody Allen, tanto da mostrare una totale mancanza d'identità.
  • Archivio

    To Rome with Love RecensioneTo Rome with Love

    di A partire da Lo sceicco bianco, citato apertamente, To Rome with Love non è un film che si confronta con la capitale italiana, ma con la storia del cinema italiano: lo spunto di riflessione più interessante di un’operazione dominata da una mancanza di ispirazione preoccupante...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento