Irrational Man

Irrational Man

di

Il nuovo film di Woody Allen, Irrational Man, racconta la storia di un professore di filosofia in crisi esistenziale. Sarà una sua studentessa a dargli un nuovo scopo nella vita. Fuori Concorso a Cannes 2015.

Un Kant d’amour (et mort)

Nel campus universitario di una piccola cittadina, un professore di filosofia cade in una profonda crisi esistenziale, ma scopre un nuovo scopo nella vita quando inizia una relazione con una delle sue studentesse. [sinossi]

Le sorprese, durante i festival di cinema, possono riguardare essenzialmente due categorie distinte: i film di registi sconosciuti, magari alla prima sortita dietro la macchina da presa, e i lampi di genio di autori che sembravano destinati a mettere in atto una parabola cadente. Se la prima categoria illumina gli occhi cinefili, vagheggiando futuri (e si spera duraturi) innamoramenti, la seconda li inumidisce di lacrime dense di malinconico affetto. È senza dubbio questo stato d’animo che ha accompagnato i titoli di coda di Irrational Man di Woody Allen, presentato al Grand Théâtre Lumière di Cannes, dove il film era stato accolto nel fuori concorso della sessantottesima edizione della kermesse francese.
La quarantasettesima regia di Allen (considerando in questo conteggio anche il film per la televisione Don’t Drink the Water, ancora ignoto ai più, e il geniale cortometraggio Edipo Relitto raccolto nel film a episodi New York Stories) mostra il volto più ispirato di un regista che nell’ultimo decennio e ancor di più si era accontentato, nella maggior parte dei casi, di giocare sul sicuro. Se si esclude l’ottimo Blue Jasmine il regista, sceneggiatore, attore e commediografo newyorchese aveva trascorso l’ultima parte della sua carriera a rimestare su timbriche, toni e materiali narrativi svolti con accuratezza fin dagli esordi.

Anche Irrational Man, all’inizio, sembra un’estensione, d’ambiente contemporaneo, degli umori di cui era intriso anche l’ultimo, grazioso, Magic in the Moonlight: un uomo preceduto dalla propria fama (in quel caso un illusionista, in questo un professore di filosofia) si ritrova in una comunità distante dal rutilante centro del mondo e trova una nuova ragione di vita nella conoscenza di una ragazza, in entrambi i casi interpretata da Emma Stone. Ma se Magic in the Moonlight si muoveva in direzione di una sarabanda jazzy, in cui l’intreccio sentimentale e quello “noir” danzavano giocosamente, il tono di Irrational Man si sviluppa in forma dicotomica fin dalla scelta di utilizzare due voci narranti, quella del professore di filosofia Abe Lucas (un Joaquin Phoenix perfettamente in parte come d’abitudine) e della studentessa Emma Stone (che irradia lo schermo di una bellezza anomala, quasi che i dubbi esistenziali del protagonista potessero affogare letteralmente nei suoi occhi).
Due narrazioni, solo a tratti confliggenti, che servono a permeare una riflessione sull’umanità che nasconde (solo velatamente) dietro il ghigno dell’ironia, o per meglio dire del sarcasmo, un pessimismo cosmico, in cui l’ineluttabile destino dell’uomo è quello di errare, causando dolore e creando orrore.

I protagonisti di Irrational Man parlano di Kant e Kierkegaard, di morale ed esistenzialismo, di Heidegger e del nazismo, di Hannah Arendt e della banalità del male. Parlano in quei salotti borghesi e intellettuali che Allen ha saputo descrivere come pochi altri registi negli ultimi decenni. Ma non è più la velleitaria guerra di pavoni della cultura a interessare Allen.
Abe Lucas non ama brindare con un martini prima di recarsi a teatro, o al balletto. Rimane in casa, fiaschetta di whisky a portata di mano, a scarabocchiare sgorbi ritorti su un foglio. Non c’è speranza, perché non c’è più azione. La parola ha sostituito l’atto. L’impotenza – anche sessuale – è la deriva di un uomo che si annoia del suo stesso sapere.

Nel sommo dei paradossi è solo l’ipotesi dell’omicidio, la possibilità di togliere la vita a un uomo “malvagio” per riparare ai torti che ha generato col suo lavoro, a donare nuova gioia al professore incagliatosi nella cittadina di provincia del Rhode Island. La morale e la sua applicazione sono, per Woody Allen, l’ultima illusione di un pensiero progressista che non ha più appigli nella contemporaneità, e si agita in acque limacciose abitate da animali insoddisfatti – il personaggio interpretato da Parker Posey, in questo senso, assume un ruolo tutt’altro che secondario nell’economia “etica” del film – vittime di quella caducità che è propria di ogni essere umano.
Rispolvera Fëdor Dostoevskij e Delitto e castigo, Irrational Man, ma è un omaggio così esibito da essere inevitabilmente smentito/capovolto nello sviluppo del film; semmai si avverte, nel furore belluino che irrompe in una costruzione mentale dominata dalla logica, il fremito che traspare dalle pagine di Edgar Allan Poe e (ancora) la tensione verso l’abisso che guida la mano di Howard Phillips Lovecraft – a sua volta cittadino del Rhode Island.
Un Allen così cupo nel tratteggiare le proprie storie non lo si rintracciava dai tempi di Match Point. Ma lì era l’azione, figlia della passione, a dominare l’uomo. Qui è la sua natura di essere senziente a condannare Abe Lucas, ben più razionale di quanto si possa supporre a partire dal titolo. Non c’è scampo, a parte gli occhi di Emma Stone. Che rimangono sempre aperti, per ora.

Info
Irrational Man, il trailer.
  • irrational-man-2015-woody-allen-01.jpg
  • irrational-man-2015-woody-allen-02.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • Festival

    Festival di Cannes 2015 – Presentazione

    La sessantottesima edizione del Festival di Cannes: le mille luci e i brillantini della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... Dal 13 al 24 maggio.
  • Cannes 2015

    Cannes 2015 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante e da un caldo asfissiante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2015!
  • Archivio

    Magic in the Moonlight

    di Una commedia in costume intimamente autoreferenziale, nella quale Woody Allen tiene a parlarci, fondamentalmente, della sua arte e dei suoi vecchi trucchi.
  • DVD

    Blue Jasmine

    di Woody Allen si odia o si ama, e così molti dei suoi ultimi film, il cui giudizio tende a cambiare a seconda delle visioni. Non con Blue Jasmine, che è e resta uno dei suoi migliori film degli ultimi vent’anni. La recensione del DVD edito dalla Warner Bros.
  • Archivio

    Un'immagine di Blue Jasmine, il nuovo film di Woody AllenBlue Jasmine

    di Lasciati da parte i cliché da cartolina, Woody Allen con Blue Jasmine torna a puntare l'obiettivo sugli esseri umani e sulle dinamiche del vivere, realizzando un film dolente e doloroso che non cede al patetismo.
  • Archivio

    WoodyWoody

    di Si parla di mortalità, e si ride. Si parla d'amore e di Dio, e si continua a ridere. "Woody" è un documentario divertente, inevitabilmente divertente, ma soprattutto affettuoso. Weide si limita a illustrare e assemblare, asseconda l'icona comica, ne segue religiosamente la carriera...
  • Cannes 2016

    Café SocietyCafé Society

    di Leggiadro, ironico, romantico, nostalgico. Il nuovo film di Woody Allen apre ufficialmente la 69a edizione del Festival di Cannes. Un’apertura glamour, da copertina, col riflesso della Hollywood d’antan e le bellezze di oggi Kristen Stewart e Blake Lively.
  • Torino 2016

    Il dormiglione

    di Il dormiglione segna l'incursione di Woody Allen, alla quinta regia, nei territori della fantascienza, tra eversioni del corpo e del linguaggio. A Torino nella retrospettiva Cose che verranno.
  • Archivio

    Midnight in Paris

    di Rimettendosi in gioco, Allen prende di petto i cliché dei suoi stessi film e li sfrutta per mettere in scena una pochade magari inessenziale ma indubbiamente graziosa. Pellicola di apertura del Festival di Cannes 2011.
  • Berlinale 2017

    Io e Annie

    di Compie quarant'anni Io e Annie: il capolavoro di Woody Allen, quello che meglio armonizza l'inventiva e la prorompenza del suo primo cinema con la fase successiva. Presentato alla Berlinale in versione restaurata.
  • Archivio

    Paris-Manhattan

    di Esordio di Sophie Lellouche, Paris-Manhattan è debitore in maniera sin troppo evidente e invadente del cinema di Woody Allen, tanto da mostrare una totale mancanza d'identità.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento