Black Butterfly

Black Butterfly

di

Fiacco thriller con protagonisti Antonio Banderas e Jonathan Rhys Meyers, Black Butterfly dovrebbe ruotare intorno al tema dell’ossessione per la messinscena, ma si risolve in una sequela scomposta di coup de théâtre.

Pagina bianca

Paul, uno sceneggiatore in declino a corto di idee e sul lastrico, raccoglie per strada un vagabondo, e gli offre un posto dove stare. Quando l’ospite prende in ostaggio Paul e lo obbliga a scrivere, verranno alla luce segreti sepolti da lungo tempo. [sinossi]

La nostrana stagione cinematografica volge inesorabilmente alla conclusione e, di fronte a incassi sempre più deludenti, che coinvolgono perfino blockbuster come Spiderman – Homecoming e Wonder Woman, non può certo venire in aiuto un ozioso thriller come Black Butterfly, seconda regia per l’attore Brian Goodman (la prima, Boston Streets, risale al 2008) e remake del film-tv francese Papillon noir.
Protagonisti sono un bolso e invecchiato Banderas e un butterato e carognesco Jonathan Rhys Meyers, mentre Abel Ferrara fa una minuscola apparizione nei panni del droghiere di fiducia di Banderas.
I due succitati dovrebbero mettere in scena un crudele gioco al gatto e al topo, con il primo – Banderas – nei panni di uno scrittore/sceneggiatore indebitato e in crisi, oltre che troppo propenso ad alzare il gomito, e il secondo – Rhys Meyers – impegnato a tormentarlo con l’obiettivo apparente di fargli tornare l’ispirazione costringendolo a vivere esperienze estreme da trasferire poi su carta. Il gioco – è chiaro da subito – andrà troppo lontano, prima ancora di rivelarsi come un’ulteriore messa in scena, che ovviamente non è il caso di svelare per togliere quel minimo di interesse che Black Butterfly potrebbe suscitare.

Si possono leggere echi di Misery non deve morire o anche – persino – di Providence, ma sono echi che arrivano a Goodman in maniera scomposta e superficiale, dove ad esempio quel che dovrebbe tenere insieme a doppio filo i due protagonisti – l’ossessione per la scrittura e l’ossessione per l’ossessione fine a se stessa – non prende mai corpo, mostrando degli attanti incapaci di formarsi una psicologia e riducendo il tutto a scaramucce casalinghe tra lo scrittore e il giovane vagabondo suo ospite, tra fucili, ubriacature e tentativi di fuga. Tutto poi converge verso la presunta apoteosi finale, inducendo a sospettare sin dall’inizio che vi sia qualcosa sotto nella scrittura del film e facendo sì che dunque, nell’agognata attesa dell’agnizione, si svilisca la maggior parte dello svolgimento.
Girato senza nerbo, privo di qualsiasi riflessione sull’idea di messa in scena e sulla recitazione (perché, in fin dei conti, una continua ri-messa in scena di quanto vediamo dovrebbe suscitare degli spunti anche sull’arte attoriale), Black Butterfly si condanna a un grigio anonimato. E la carriera di Banderas sembra ormai aver preso, un po’ come lo sceneggiatore che interpreta, una brutta china.

Info
Il trailer di Black Butterfly su Youtube.
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-1.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-2.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-3.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-4.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-5.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-6.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-7.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-8.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-9.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-10.jpg
  • black-butterfly-2017-Brian-Goodman-11.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...
  • In sala

    Wonder Woman

    di Sospeso tra il biopic superomistico e il revival del peplum anni '50, Wonder Woman di Patty Jenkins si concentra tutto sulla formazione della supereroina e su un epos un po' naïf.
  • Interviste

    Intervista ad Abel Ferrara

    Il cinema di Abel Ferrara è radicale, sovversivo, spiazzante e lo ha dimostrato ancora una volta con i suoi due film più recenti, Welcome to New York e Pasolini, entrambi del 2014. Ora è al lavoro su un progetto su Padre Pio. Lo abbiamo incontrato a Roma, dove vive stabilmente da due anni.
  • In sala

    Angoscia

    di L'esordiente Sonny Mallhi dirige con Angoscia un interessante horror adolescenziale con ambizioni esistenzialistiche, che però rimane presto prigioniero del suo minimalismo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento